Curare l’emicrania con un piercing: vero o falso?

FOTOGALLERY

Fonte immagini: Pinterest.com e Instagram.com


     

Chi soffre di emicrania sa quanto questo disturbo possa essere fastidioso e avvilente. Samantha Fisher, una ragazza inglese di 25 anni, ne soffriva da quando ne aveva 4 e la sua emicrania era diventata talmente grave da obbligarla a prendere 11 pillole ogni giorno! Poi un giorno fece una scoperta straordinaria: una ragazza americana si è sbarazzata di questo disturbo con un piercing, chiamato Daith Piercing. Non restava che provare e Samantha l’ha fatto. “L’emicrania è sparita” affermò Samantha “ho provato sollievo non appena l’orecchio è stato forato!”.

E’ quindi vero che il Daith Piercing quindi cura l’emicrania? Va innanzitutto specificato che una cura vera e propria per l’emicrania non esiste. Esistono però metodi per alleviarne o assopirne i sintomi, e il daith piercing secondo molto testimonianze è tra questi.

Perché il daith piercing sembra giovare a chi soffre di emicrania? Il daith percing viene applicato alla parte più interna della cartilagine dell’orecchio, chiamata Radice Elice. Questo stesso punto è, secondo la riflessologia nota a chi pratica l’agopuntura, per esempio, ricollegabile all’emicrania e ai dolori della testa, pertanto forarlo pare dare sollievo a chi soffre di tali disturbi. Non esistono però, attualmente, degli studi o ulteriori prove aldilà delle testimonianze che attestino con certezza che il daith piercing è la soluzione definitiva per l’emicrania.

E’ tuttavia un’alternativa da prendere in considerazione, senza trascurare il fatto che ci sono in commercio dei piercing molto belli e originali per trasformare una soluzione “medica” in una decorazione vera e propria dell’orecchio 😉

 

 

Share: