Quando non usare la clorexidina?

Domanda di: Dott. Edilio Fiore  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.7/5 (10 voti)

Quando NON usare la Clorexidina
La principale controindicazione all'uso di prodotti e farmaci contenenti clorexidina è rappresentata da allergie note alla stessa clorexidina e/o ad uno o più degli altri componenti presenti (eventuali altri principi attivi e/o eccipienti) nel prodotto/farmaco che si necessita impiegare.

Quali sono le controindicazioni della clorexidina?

Nel caso di una ipersensibilità alla clorexidina, gli effetti indesiderati sono quelli tipici di una reazione allergica, come ad esempio gonfiore del viso, prurito, irritazione della pelle e eruzioni cutanee. Queste reazioni sono temporanee e assolutamente risolvibili, tuttavia possono essere molto fastidiose.

Quando usare la clorexidina?

La Clorexidina (CHX) è comunemente usata per il trattamento di tutte le malattie infiammatorie indotte dalla placca. Riducendo efficacemente il conteggio batterico, la Clorexidina riduce i metaboliti dei batteri e aiuta a guarire le gengive.

Su cosa agisce clorexidina?

Clorexidina è un disinfettante ad azione antisettica attivo verso: batteri Gram-positivi, Gram-negativi, alcune specie di Pseudomonas e Proteus; inibisce i micobatteri tra cui quello responsabile della tubercolosi ed è attivo su alcuni funghi e virus.

Dove si usa la clorexidina?

Il collutorio alla clorexidina è un prodotto ad azione disinfettante utilizzato per effettuare sciacqui orali. Comunemente consigliato e prescritto dal dentista dopo estrazioni dentarie e piccoli interventi, il collutorio alla clorexidina può essere utilizzato anche per altre indicazioni.

La Clorexidina: cosa c'è da sapere?



Trovate 30 domande correlate

Cosa posso usare al posto della clorexidina?

Il cloruro di benzalconio è un battericida, un microbicida e un conservante, ed è efficace anche contro alcuni virus. Agisce sui microrganismi come la clorexidina, sciogliendoli e bloccando delle funzioni vitali a livello cellulare.

Quanto tempo si può usare la clorexidina?

Collutorio con clorexidina: quando utilizzarlo

In genere, il collutorio alla clorexidina va utilizzato non più di due volte al giorno e per un periodo non superiore alle 3 settimane consecutive.

Come fare sciacqui con clorexidina?

Collutorio con clorexidina, metodi di utilizzo
  1. Perché le mucose assorbano la clorexidina, dovete fare dei risciacqui per almeno 60 secondi. Se attendete di più, il collutorio potrebbe macchiare i vostri denti.
  2. Utilizzate 10 ml di collutorio al giorno. ...
  3. Non risciacquate la bocca con acqua. ...
  4. Non ingoiate il prodotto.

Quando non usare il collutorio?

Tutti i giorni fa bene o fa male? Il collutorio può essere utilizzato ogni volta che ci si lava i denti, oppure a seconda delle necessità personali. Un dettaglio a cui fare attenzione è la composizione del collutorio. Sono sconsigliati i prodotti a base di alcool, in quanto irritano le mucose creando danni alla bocca.

A quale concentrazione la clorexidina ha un'azione battericida?

A concentrazioni moderate (0.2%) la clorexidina stimola fosforo e potassio a fuoriuscire dalla struttura della cellula. Ad alte concentrazioni (pari ad almeno il 2%) la molecola espleta poi il proprio meccanismo d'azione battericida, che consiste nel promuovere la precipitazione delle proteine citoplasmatiche.

Quale collutorio usare per le gengive infiammate?

Collutorio per Gengive Infiammate: 5 Migliori secondo le Recensioni Amazon
  • Collutorio per gengive infiammate: perché è importante.
  • Biorepair Protezione Gengive.
  • Listerine Total Care.
  • Colluttorio Curasept.
  • Dr.Organic Tea Tree Collutorio.
  • Dentosan Linea Specialist.

Quali sono i disinfettanti a base di clorexidina?

Neoxidina Alcolica E Incolore Disinfettante A Base Di Clorexidina (0,5%) - 500 Ml
  • Neoxidina Alcolica E Incolore Disinfettante A Base Di Clorexidina (0,5%) - 500 Ml. ...
  • Scelta Amazon. ...
  • Germo - Germoxid Colluttorio con Clorexidina, flacone da 1L.

Come disinfettare la bocca dai batteri?

Dopodiché è consigliabile utilizzare un collutorio ad azione disinfettante e igienizzante, con cui effettuare dei risciacqui per almeno 30 secondi. Solo attraverso queste buone norme di igiene orale garantiremo alla nostra bocca un'ottima salute orale libera da batteri e microbi.

Perché non usare Listerine?

Spesse volte, tuttavia, i pazienti tendono ad abusare del prodotto, nell'errata convinzione che "il collutorio non fa male perché non va ingerito". In realtà, quando utilizzato in maniera errata ed eccessiva, vi è il rischio di comparsa di macchie sui denti e sulla lingua, ma non solo.

Perché la clorexidina macchia i denti?

La clorexidina è un disinfettante attivo a livello topico. Se utilizzata con frequenza, la clorexidina può legarsi alle glicoproteine che si depositano sui denti e dunque causare queste macchie marroni non solo sulle superfici dentali, ma anche sulla lingua.

Quale collutorio si può usare tutti i giorni?

Fluoro: per l'igiene orale di tutti i giorni i collutori con fluoro e derivati sono quelli più consigliati. Infatti il loro scopo è quello di prevenire carie o denti sensibili. Bisogna però stare ben attenti a non eccedere con l'uso altrimenti si rischierebbe l'erosione e demineralizzazione dei denti.

Quale collutorio usano i dentisti?

Collutori con clorexidina

Il collutorio alla clorexidina viene comunemente consigliato o prescritto dal dentista come sussidio medico nel trattamento di disturbi gengivali e del cavo orale. In particolare, questo tipo di collutori, sono particolarmente efficaci nel controllo chimico della placca batterica.

Cosa fare in caso di gengive infiammate?

Gengive infiammate cosa fare

Lavare i denti almeno 4 volte al giorno e delicatamente con uno spazzolino con setole morbidi e passando il filo interdentale. fare impacchi freddi sulla parte interessata. bere molto per eliminare i batteri presenti in bocca. evitare il contatto con sostanze irritanti.

A cosa serve fare gli sciacqui con acqua e sale?

Insieme all'attenta spazzolatura e all'accurato passaggio del filo, il risciacquo con acqua e sale ti aiuta a mantenere una buona igiene orale e a migliorare i piccoli disturbi.

Cosa succede se lavo i denti con l'acqua ossigenata?

L'acqua ossigenata, a contatto con le macchie presenti sullo smalto, innesca una reazione per cui le proteine vengono dissolte. Mentre lo smalto rimane intatto, le sostanze organiche di cui sono costituite le macchie vengono distrutte: ecco come mai dopo il trattamento il colore dei denti è più bianco e uniforme.

A cosa servono gli sciacqui con il sale?

L'acqua e sale può essere usata anche per trarre sollievo da infiammazioni che riguardano la bocca e le gengive, effettuando risciacqui più volte al giorno con un bicchiere di acqua in cui è stato sciolto un cucchiaino di sale.

Qual è il migliore disinfettante per le ferite?

Disinfettare la ferita utilizzando antisettici per la disinfezione di cute lesa, come ad esempio sono l'acqua ossigenata (perossido di idrogeno), lo iodopovidone, la cloramina o la clorexidina.

Come disinfettare un'infezione?

Nel caso di una ferita cutanea infetta è necessario procedere all'attenta pulizia della lesione e dell'area circostante, servendosi di una garza sterile imbevuta di soluzione salina fisiologica.

Cosa usare per disinfettare una ferita aperta?

Cosa fare
  1. Lavate accuratamente e a lungo la ferita con acqua e sapone, facendo attenzione a rimuovere eventuali materiali estranei (polvere, schegge, terra, sassetti)
  2. per disinfettare la ferita si può usare acqua ossigenata o un altro disinfettante.
  3. fasciate in modo appropriato la ferita usando della garza sterile.

Articolo precedente
Quale nome significa potente?
Articolo successivo
Come funziona Klarna 3 rate?