Tutto quel che c’è da sapere sui tatuaggi Old School

Aggiornato il

FOTOGALLERY

Fonte immagini: Pinterest.com e Instagram.com

I tatuaggi Old School, come suggerisce il nome, sono un classico. Il loro stile è rimasto immutato dagli anni ’20, epoca in cui questo stile solido ha iniziato a diffondersi tra i marinai, i carcerati e i soldati.
Da cosa è caratterizzato lo stile dei tatuaggi Old School? Siccome all’epoca non solo non c’erano le macchinette e i colori che abbiamo oggi, ma non c’erano nemmeno molti tatuatori esperti, i tatuaggi dovevano per forza di cose essere semplici e di dimensioni abbastanza grandi da consentire al disegno di essere comprensibile. Lo stile dei tattoo Old School quindi è caratterizzato da bordi spessi e definiti di colore nero, mentre i riempimenti sono solidi e, secondo tradizione, realizzati con pochi colori: il giallo, il rosso, il blu.

Ma torniamo un momento alla storia dei tatuaggi Old School: il “papà” dei tatuaggi old school è Sailor Jerry Collins, un soldato della marina statunitense che divenne familiare con l’arte del tatuaggio durante i viaggi verso e attraverso la Polinesia, un luogo dove i tatuaggi non solo erano comuni ma venivano già praticati da secoli. In seguito, Sailor Jerry approdò alle Hawaii, dove aprì uno studio di tatuaggi che divenne presto la meta preferita di molti marinai e soldati dell’epoca.
Non è quindi un caso che molti dei soggetti classici degli Old School tattoo siano d’ispirazione marinaresca, come le rondini, gli squali, le isole, le sirene o le pinup, così rare e sognate nei lunghi viaggi per mare.

Per il loro stile solido, vintage e al tempo stesso contemporaneo e per i colori sgargianti che li caratterizzano, i tattoo Old School hanno fatto innamorare letteralmente milioni di persone. Grazie all’arrivo in epoca moderna di macchinette più sofisticate e precise, i tatuaggi Old School vengono realizzati in modo preciso e impeccabile, al punto che son nati degli stili “figli” dell’Old School, come il Neo Traditional.

Per chi volesse approfondire ulteriormente, consiglio di vedere questa intervista a Samuel Briganti, un tatuatore noto per il suo stile fortemente influenzato dalla vecchia scuola del tatuaggio:

Share: