IMU:come non pagare l'IMU.Scoprilo qui. Consulente Finanziario Roma Alfonso Selva

Come affittare senza pagare IMU?

Domanda di: Vitalba Gatti  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.1/5 (10 voti)

La normativa italiana prevede l'esenzione per il pagamento dell'IMU sull'abitazione principale. Se si procede con affittare l'immobile, quest'abitazione non sarà più quella principale perché è necessario avere una dimora abituale presso questa. In questo caso si perderà la possibilità di usufruire dell'esenzione IMU.

Come non pagare IMU casa in affitto?

IMU 2022, paga solo il proprietario: esenzione totale per gli inquilini. Gli inquilini hanno quindi un'esenzione totale dal pagamento delle imposte dovute sulla casa in affitto.

Come si fa a non pagare l'IMU?

Perché si possa evitare il pagamento dell'IMU sulla seconda casa, devono ricorrere le seguenti condizioni:
  1. L'immobile è pericolante al punto tale da dover essere demolito o ricostruito ex novo. ...
  2. I proprietari dell'immobile risiedono in Residenze Sanitarie Assistenziali RSA ovvero in istituti per il ricovero permanente.

Chi ha una casa in affitto deve pagare l'IMU?

Ogni anno, i proprietari di immobili dati in locazione devono provvedere al pagamento dell'imposta municipale propria. La normativa vigente relativa all'IMU su casa in affitto prevede l'esonero degli inquilini firmatari dell'accordo di locazione dalle spese relative a questo tributo.

Su quale casa non si paga l'IMU?

L'IMU per l'abitazione principale non è dovuta. Sono assoggettate all'imposta esclusivamente le abitazioni classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (c.d. di lusso).

Trovate 22 domande correlate

Quando l'IMU non è dovuta?

Quando bisogna effettuare il pagamento dell'IMU 2022? Solo nel caso in cui la somma da versare superi l'importo minimo di 12 euro, al di sotto di tale soglia l'imposta non è dovuta. In vista della scadenza del saldo, fissata al 16 dicembre, tutte le istruzioni per il calcolo corretto.

Chi è residente all'estero deve pagare l'IMU?

L'autore di questa risposta ha richiesto la rimozione di questo contenuto.

Qual è il contratto di affitto più conveniente?

Teoricamente, tra tutti quelli che abbiamo menzionato, la formula migliore è quella del contratto concordato con cedolare secca, perché: il proprietario ha praticamente una tassazione del 10%, evitando così tutte le altre aliquote IRPEF.

Come si calcola l'IMU su una casa affittata?

Come si calcola l'IMU per una casa in affitto? Il calcolo IMU per una casa in affitto è analogo a quello per gli altri immobili residenziali: si rivaluta del 5% la rendita catastale e si moltiplica per il coefficiente 160.

Perché non conviene la cedolare secca?

la cedolare secca conviene ai proprietari che hanno altri redditi sottoposti a tassazione IRPEF; la cedolare secca non conviene quando si prevede un aumento dell'inflazione durante il periodo di validità del contratto e/o non si hanno altri redditi oltre a quelli provenienti dall'affitto di uno o più immobili.

Come non far risultare seconda casa?

Intestare l'immobile ad un parente oppure ad un amico di fiducia che non sia già proprietario immobiliare, permette di non pagare le tasse. In questo modo il parente sarà proprietario di prima casa e tu non di seconda e nessuno dei due pagherà le tasse.

Quando prendere la residenza per non pagare Imu?

IMU esclusione prima casa se cambio residenza entro 18 mesi

Nel momento in cui si rogita un'abitazione, acquistata con benefici di prima casa, spesso viene comunicato che lo spostamento della residenza può essere effettuato entro 18 mesi.

Cosa vuol dire contratto di affitto con cedolare secca?

La cedolare secca è una nuova modalità di imposizione fiscale per l'affitto di un'abitazione. Il proprietario che sceglie la cedolare secca non è più tassato in base alla propria aliquota marginale IRPEF, ma in misura fissa del 21% (o 19% per immobili a canone concordato).

Cosa succede se si affitta la prima casa?

Si può affittare la prima casa acquistata senza perdere le agevolazioni fiscali. L'importante é che tu mantenga la residenza (o la tua attività economica) nel comune in cui si trova l'immobile: non perderai quindi le agevolazioni fruite sull'IVA (o imposta di registro), sull'imposta ipotecaria e sull'imposta catastale.

Quanto paga di tasse il locatore?

La cedolare secca prevede una tassazione fissa con aliquota del 21% del canone per contratti di locazione a canone libero e del 10% per i contratti a canone concordato. In questo caso, l'imposta verrà applicata sul 100% del canone di locazione e il proprietario non avrà diritto a deduzioni e detrazioni.

Quante sono le tasse su un affitto?

imposta di registro: questa solitamente corrisponde, nel caso di immobili a uso abitativo, al 2% del valore del canone annuo di affitto. Tale valore deve essere poi moltiplicato in base al numero di annualità previste nel contratto e può essere saldato in un'unica soluzione, oppure suddiviso in più rate.

Come affittare una casa senza pagare le tasse?

Pagare meno tasse sul contratto di locazione è possibile. Ciò è possibile grazie ad un'attestazione in base alla quale il proprietario dell'appartamento paga un importo ridotto (pari al 10%) rispetto a quello ordinario (del 21%), meccanismo della cedolare secca.

Come affittare casa senza contratto?

Modalità per affittare casa senza busta paga
  1. Mostrare la copia della propria dichiarazione dei redditi.
  2. Costituendo un fideiussore a garanzia del pagamento del canone pattuito.
  3. Esibendo un documento ufficiale della banca che attesti la disponibilità economica dell'aspirante affittuario.

Come affittare un appartamento in regola?

Per affittare la tua casa in modo regolare, ricordati anche di comunicare la registrazione del contratto di locazione entro 60 giorni, sia al conduttore sia all'amministrazione del condominio. La comunicazione puoi inoltrarla tramite raccomandata A/R oppure tramite PEC.

Come si fa a sapere se devo pagare l'Imu?

Come verificare se abbiamo pagato l'IMU nel Cassetto Fiscale

Verificare il pagamento IMU è semplice; sarà necessario: accedere nel sito dell'Agenzia delle Entrate; accedere all'area riservata tramite lo Spid o la Carta Nazionale dei Servizi; cliccare su Consultazioni.

Come si dimostra la residenza fiscale all'estero?

Come detto poco fa, una delle prove che il cittadino può esibire per dimostrare di avere trasferito la residenza fiscale all'estero è quella relativa all'acquisto o alla locazione di un'unità immobiliare a scopo abitativo. In pratica, di aver comprato o affittato una casa.

Come ottenere la residenza fiscale all'estero?

L'autore di questa risposta ha richiesto la rimozione di questo contenuto.

Cosa cambia per l'IMU nel 2023?

Vecchie e nuove esenzioni

L'altra grande novità dell'IMU 2023 è l'esonero per gli immobili occupati abusivamente (Articolo 1, commi 81 e 82). Il proprietario è esentato dal pagamento a patto che abbia presentato la denuncia per occupazione abusiva all'autorità giudiziaria.

Chi non può applicare la cedolare secca?

Il regime della cedolare non può essere applicato ai contratti di locazione conclusi con conduttori che agiscono nell'esercizio di attività di impresa o di lavoro autonomo, indipendentemente dal successivo utilizzo dell'immobile per finalità abitative di collaboratori e dipendenti, salvo quanto previsto per i locali ...

Che differenza c'è tra canone concordato e cedolare secca?

La cedolare secca è un'unica tassa con tassazione pari a: 21% del canone annuo qualora il contratto di affitto sia a canone libero. 15% se è a canone concordato.

Articolo successivo
Quanti saremo nel 2070?