Diritto Amministrativo: Appalto e concessioni quello che devi sapere

Cosa si intende per concessione di servizi?

Domanda di: Gavino Donati  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.8/5 (14 voti)

La concessione di servizi è lo strumento attraverso il quale l'Amministrazione provvede all'erogazione di servizi alla collettività in forma indiretta, attraverso l'attività di un soggetto terzo che assume su di sé, almeno in parte, il rischio operativo legato alla gestione del servizio.

Cosa si intende per atto di concessione?

La concessione è l'atto amministrativo con cui la pubblica amministrazione consente al concessionario l'uso di risorse e/o l'esercizio di attività non disponibili da parte dei privati e riservate ai pubblici poteri.

Cosa differenzia un appalto da una concessione di lavori o di servizi?

Infine, si ritiene che si ha concessione se il servizio è reso ai cittadini terzi ed il corrispettivo sia in tutto o in parte a carico degli utenti; si ha, invece appalto servizi se la prestazione è resa all'amministrazione aggiudicatrice, che ne corrisponde il controvalore economico.

Come funzionano le concessioni?

La concessione è un provvedimento amministrativo discrezionale mediante il quale una pubblica amministrazione conferisce ad un soggetto unico (pubblico o privato) o ad una pluralità limitata di soggetti la facoltà di esercitare un'attività riservata ai pubblici poteri.

Cosa si intende per appalti di servizi?

L'appalto di servizi consiste in un facere, quindi nella prestazione di un'attività che si realizza nell'obbligo in capo all'appaltatore di fornire un servizio a fronte di un corrispettivo predeterminato in accordo con il committente.

Trovate 24 domande correlate

Quanti tipi di appalti ci sono?

Quali sono le tre principali tipologie d'appalto?
  • appalti di servizi;
  • appalti di forniture;
  • appalti di lavori ed opere.

Qual è la differenza tra l'appalto e il contratto d'opera?

Pertanto, come abbiamo visto, la differenza sostanziale tra le due tipologie contrattuali risiede nel fatto che nel contratto d'appalto l'esecuzione dell'opera avviene mediante una organizzazione di media e grande impresa, mentre nel contratto d'opera, invece, avviene con il prevalente lavoro dell'obbligato.

Che differenza c'è tra autorizzazione e concessione?

A differenza della concessione, l'autorizzazione non attribuisce nuovi diritti ma permette l'esercizio di un diritto già esistente.

Quanto può durare una concessione?

La direttiva non prevede una soglia per la durata massima delle concessioni. Per le concessioni superiori a 5 anni, la durata non deve superare il periodo di tempo nel quale un concessionario potrebbe ragionevolmente prevedere di recuperare i suoi investimenti.

Chi rilascia le concessioni?

L'autorità competente al rilascio delle concessioni demaniali marittime per finalità turistico – ricreative è, nel caso di specie, il Comune. L'art. 42 (Funzioni dei Comuni) d. lgs.

Come si calcola il valore di una concessione?

Il valore di una concessione, ai fini di cui all'articolo 35, è costituito dal fatturato totale del concessionario generato per tutta la durata del contratto, al netto dell'IVA, stimato dall'amministrazione aggiudicatrice o dall'ente aggiudicatore, quale corrispettivo dei lavori e dei servizi oggetto della concessione, ...

Chi sono i concessionari di servizi pubblici?

Il concessionario di un pubblico servizio è collaboratore esterno del soggetto pubblico qualora coadiuvi l´amministrazione, trattando dati personali anche al di fuori della relativa struttura ma nell´ambito di un´attività che ricade nella sfera di titolarità e di responsabilità dell´amministrazione stessa; in tal caso, ...

Chi è il concessionario negli appalti?

All'impresa che si aggiudica una concessione pubblica (concessionario) viene riconosciuto come corrispettivo il diritto di gestire l'opera pubblica realizzata (in caso di concessione di lavori) o i servizi (in caso di fornitura di servizi).

Qual è la natura giuridica della concessione?

La natura giuridica della concessione è stata a lungo dibattuta e, in dottrina, sono state sostenute tesi differenti che hanno, di volta in volta, attribuito maggiore rilevanza all'aspetto pubblicistico o privatistico dell'istituto.

Cosa sono le autorizzazioni e le concessioni?

Tradizionalmente, la concessione consisterebbe in un provvedimento amministrativo con la quale la P.A. attribuisce ex novo situazioni giuridiche attive al destinatario, a differenza così dall'autorizzazione, nella quale il diritto soggettivo preesiste ex ante in capo al privato.

Che tipo di concessione e la concessione di beni?

“la concessione di beni cela una concessione di servizi quando il bene pubblico avente una vocazione naturale ad essere impiegato in favore della collettività per attività di interesse generale e avente una struttura e una destinazione idonee a generare flusso di cassa è affidato in gestione al concessionario sul quale ...

Quando si parla di concessione?

In senso lato è concessione amministrativa ogni atto di diritto pubblico mediante il quale l'amministrazione costituisce a favore di una persona fisica o giuridica un diritto; in senso stretto si ha tale concessione soltanto quando questo sia un diritto di esercizio di una pubblica attività o uno speciale diritto di ...

Quando scade una concessione demaniale?

Al momento, le concessioni demaniali e dei rapporti di gestione per finalità turistico-ricreative e sportive, in essere sulla base di proroghe o rinnovi, "continuano ad avere efficacia fino al 31 dicembre 2023, se in essere alla data di entrata in vigore della legge (sulla concorrenza, ndr.)

Cosa si intende per partenariato pubblico privato?

Il partenariato pubblico-privato (PPP) è una forma di cooperazione tra soggetti pubblici e privati, con l'obiettivo di finanziare, costruire e gestire infrastrutture o fornire servizi di interesse pubblico.

Chi dà l'autorizzazione a procedere?

Per autorizzazione a procedere si intende un atto con cui determinati organi rimuovono un ostacolo alla prosecuzione dell'azione penale nei confronti di un determinato soggetto (art. 343 c.p.p.); essa viene richiesta dal pubblico ministero (art. 344 c.p.p.).

Qual è la differenza tra autorizzazione e accreditamento?

L'autorizzazione è necessaria per attivare i servizi (funzionamento). L'accreditamento ha lo scopo di garantire qualità dell'assistenza e dei servizi: riguarda strutture, tecnologie, professionisti.

Quale tra le seguenti costituisce esemplificazione di concessione di diritti soggettivi?

- Quale tra le seguenti costituisce una esemplificazione di concessione di diritti soggettivi? Concessione di onorificenze.

Come si chiama chi si aggiudica un appalto?

L'appaltatore dunque è colui in quale si aggiudica l'appalto e viene così scelto per soddisfare la richiesta avanzata dal committente tramite bando di gara d'appalto, sia essa ad evidenza pubblica (a cui possono partecipare sia il pubblico che il privato) che a licitazione privata (viene chiamato a partecipare solo un ...

Cosa non deve mancare in un contratto di appalto?

Il contratto d'appalto, per essere cautelativo, deve contenere i seguenti allegati: computo metrico, cronoprogramma, capitolato, progetto e offerta definitiva.

Cosa prevede l'art 2222 del codice civile?

(Contratto d'opera). Quando una persona si obbliga a compiere verso un corrispettivo un'opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente, si applicano le norme di questo capo, salvo che il rapporto abbia una disciplina particolare nel libro IV.

Articolo successivo
Chi tradisce cambia?