È vero che si risparmia con la caldaia a condensazione?

Quali sono i pro ei contro di una caldaia a condensazione?

Domanda di: Pericle Longo  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.3/5 (57 voti)

Come abbiamo visto, la caldaia a condensazione è un'ottima soluzione soprattutto in termini di ecosostenibilità e di risparmio energetico. Gli svantaggi sono legati principalmente ai costi elevati per l'acquisto dell'apparecchio, per l'installazione e per la sua manutenzione.

Quando non conviene installare una caldaia a condensazione?

Non conviene installare una caldaia a condensazione negli immobili con radiatori sotto dimensionati, progettati per lavorare ad alte temperature e nelle abitazioni con un pessimo isolamento termico.

Dove scaricare l'acqua della caldaia a condensazione?

La normativa prevede tre modi per lo smaltimento. Il primo metodo è attraverso le acque reflue di casa. Questo processo può avvenire attraverso un sifone o lo scarico del lavello di casa. Il secondo metodo è attraverso le acque bianche o piovane.

Quante classi energetiche si guadagnano con la caldaia a condensazione?

Quante classi energetiche si guadagnano con la caldaia a condensazione. Come previsto dal Decreto Rilancio, la sostituzione di un impianto di riscaldamento con una caldaia a condensazione di classe A permette di migliorare l'efficienza del proprio edificio di due classi energetiche.

Qual è il vantaggio di una caldaia a condensazione?

Risparmio. I moderni sistemi di riscaldamento a gas basati sulla tecnologia a condensazione ottimizzano l'uso dell'energia generata dalla combustione del gas. Ciò consente una riduzione dei costi fino al 30% rispetto alla vecchia tecnologia di una caldaia tradizionale.

Trovate 19 domande correlate

Qual è la migliore marca di caldaia a condensazione?

La Nostra Classifica delle Migliori Marche di Caldaie a Condensazione
  • Vaillant.
  • BOSCH (Junkers BOSCH)
  • Viessmann.
  • Baxi.
  • Riello.
  • Beretta.
  • Biasi.

Che tipo di canna fumaria serve per caldaia a condensazione?

Le canne fumarie in plastica per caldaie a condensazione sono la soluzione ideale per questo tipo di impianti, in quanto possiede elevata resistenza alla corrosione derivante dall'acidità della condensa che si genera col raffreddamento dei fumi.

Come aumentare di 2 classi energetiche senza fare il cappotto?

Ebbene, il legislatore ha previsto che se esegui degli interventi cosiddetti nel centro storico, ad esempio la sostituzione dei tuoi serramenti, infissi o finestre, puoi effettivamente accedere al Superbonus 110% se, con l' intervento, ottieni un salto in avanti di due classi energetiche per la tua abitazione.

Quante classi energetiche si guadagnano sostituendo gli infissi?

Quello che voglio mostrarti, come ti ho anticipato all'inizio di questo articolo, è come anche la sostituzione dei vecchi infissi può portare al miglioramento di 2 classi energetiche e farti accedere alla detrazione del 110%.

Quanto può costare una caldaia a condensazione?

Il costo di una caldaia a condensazione parte da circa 500-600€ per potenze basse sui 24 kW fino a 1.500-2.000€ per potenze sui 32kW. Il prezzo dei modelli di caldaie più sofisticati possono anche superare 4 o 5 migliaia di euro.

Quando la caldaia è pericolosa?

In caso di mancata revisione e verifica dei fumi della caldaia a gas, i rischi sono tipicamente 3: la fuoriuscita di gas, con intossicazione e scoppio; la formazione di monossido di carbonio, ad es.

Come si chiamano le caldaie non a condensazione?

Indipendentemente dal marchio e dall'industria produttrice le caldaie a camera stagna funzionano prelevando l'aria dall'esterno attraverso un sistema di tiraggio forzato, quindi non la prelevano direttamente dal locale nel quale sono posizionate.

Che liquido esce dalla caldaia a condensazione?

In realtà l'acqua che le caldaie a condensazione scaricano e che dovrà essere smaltita è acqua acida in quanto possiede un PH di 3,5/4 e quindi possiede una forte presenza di anidride carbonica a causa dei fumi della combustione.

Quanti anni dura una caldaia a condensazione?

La vita media di una caldaia è di 20 anni, talvolta di più. Non è raro che un apparecchio possa avere una vita più corta e molto dipende da come viene utilizzata.

Quali sono le caldaie che consumano di meno?

Tra le caldaie a gas, il modello che consuma di meno oggi è certamente quello a condensazione perché risulta estremamente efficiente.

Quanto costa sostituire la vecchia caldaia con una a condensazione?

Quanto costa la sostituzione della caldaia? Il prezzo di una caldaia a gas a condensazione per una casa parte da circa 500-600 euro (potenza ca 24 kW) e arriva fino a 1500-2000 euro (potenza ca 32 kW). Il prezzo tuttavia può arrivare anche a cifre più elevate, intorno a 4-5000 euro per modelli più sofisticati.

Quali sono gli infissi più isolanti?

Finestre in PVC

Il materiale maggiormente isolante e con il miglior rapporto qualità/prezzo è il PVC. Il PVC è un polimero termoplastico il cui nome tecnico è Polivinile di Cloruro ed è naturalmente isolante.

Quali sono gli infissi di ultima generazione?

Oggi esistono diverse tipologie di infissi le cui prestazioni energetiche offrono notevoli benefici, sia a livello economico, ma anche di comfort abitativo e tutela ambientale. Ecco quindi che tra gli infissi di ultima generazione puoi trovare quelli in allumino a taglio termico, i modelli in PVC.

Come si fa a salire di due classi energetiche?

Non c'è la possibilità di intervenire sulla centrale termica e l'unico intervento trainante possibile è la realizzazione del cappotto termico su almeno il 25% della superficie disperdente, operazione più o meno critica in funzione delle caratteristiche dell'edificio.

Come evitare il cappotto termico?

I metodi alternativi al cappotto termico
  1. Pannelli isolanti a basso spessore in fibre tessili.
  2. Termointonaci.
  3. Mattoni in laterizio isolati.
  4. Mattoni in calcestruzzo cellulare.
  5. Mattoni in materiali biocompatibili.

Quanto si spende per fare il cappotto alla casa?

Complessivamente, la realizzazione del cappotto termico esterno della propria casa potrebbe costare tra gli 80,00 € e i 100,00 € al metro quadro.

Quando non si può fare il cappotto?

Il cappotto è inefficace contro le muffe dovute a infiltrazioni/imbibimenti esterni oppure umidità di risalita, ed è inutile anche nei casi di andamento igroclimatico interno non adeguato (clima interno troppo umido). Infine, il sistema cappotto non può correggere completamente alcuni ponti termici.

Quando è obbligatorio la canna fumaria?

A livello nazionale, già a partire dal 31 Agosto 2013 con la Legge 90/2013, è obbligatorio che lo scarico di tutti i nuovi impianti termici vada a tetto tramite apposite canne fumarie, sia per edifici monofamiliari che plurifamiliari. Lo scarico a parete è permesso solo in sostituzione di caldaie a condensazione.

Dove scaricare la condensa della canna fumaria?

Scarico condensa della canna fumaria: l'accessorio giusto

Lo scarico canna fumaria dev'essere posto sotto un raccordo a “T” a 90° o a 135° e il suo utilizzo è consigliato oltre che compatibile sia con canna fumaria a doppia parete che singola.

Quando non serve canna fumaria?

Per i locali commerciali in cui si svolge l'attività di gastronomia calda, anche nel caso in cui i cibi siano cotti su piastre elettriche, non sussiste l'obbligo a convogliare i fumi e i vapori sprigionati dalla cottura sulla sommità dell'edificio, né di espellere gli stessi attraverso una canna fumaria.

Articolo precedente
Quando la figlia ama il padre?