Qual è la prima malattia professionale in Italia? | Pillole di Sicurezza

Quali sono le tre principali patologie professionali?

Domanda di: Ing. Joey Monti  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.6/5 (75 voti)

Seguono, principalmente, l'ipoacusia da rumore (circa 6 mila casi l'anno e, fino al 2008 la patologia più numerosa), le malattie da asbesto (asbestosi, neoplasie e placche pleuriche) per oltre 2 mila casi l'anno (in crescita) e le malattie respiratorie (circa 2 mila l'anno, escludendo quelle correlate all'asbesto).

Quali sono le malattie professionali riconosciute Dall'Inail?

La Lista I di INAIL malattie professionali riconosciute comprende:
  • asbestosi (I. 4.03);
  • placche pleuriche e ispessimenti pleurici (I. 4.03);
  • mesotelioma: pleurico (I. 4.03), pericardico (I. 6.03), peritoneale (I. ...
  • tumore polmonare (I. 4.03);
  • cancro della laringe (I. 6.03);
  • tumore alle ovaie (I. 6.03).

Quali sono le malattie professionali attualmente più denunciate?

Le patologie del sistema osteo-muscolare e del tessuto connettivo, quelle del sistema nervoso e dell'orecchio continuano a rappresentare, anche nei primi nove mesi del 2022, le prime tre malattie professionali denunciate, seguite dai tumori e dalle malattie del sistema respiratorio.

Quante sono le liste delle malattie professionali?

L'elenco individua, suddivise in tre liste, le malattie di probabile e di possibile origine lavorativa.

Quali malattie professionali è tra le più diffuse nel settore sanitario?

Nel settore della sanità la quota maggiore delle malattie professionali denunciate in complesso interessa l'appa- rato muscoloscheletrico ed osteoarticolare (circa il 60% riguarda le dorsopatie, il 30% i disturbi dei tessuti molli) e la percentuale è ancora superiore se riferita alla componente femminile (ben oltre il ...

Trovate 27 domande correlate

Quali sono le patologie più comuni?

Queste le malattie o condizioni croniche più diffuse: l'ipertensione (17,4%), l'artrosi/artrite (15,9%), le malattie allergiche (10,7%), l'osteoporosi (7,6%), la bronchite cronica e l'asma bronchiale (5,8%), il diabete (5,3%).

Qual è la causa più significativa di malattie professionali?

Protagoniste dei record di denunce sono le malattie osteo-articolari e muscolo-tendinee, dovute prevalentemente a sovraccarico bio-meccanico, rappresentanti ormai, con quasi 26 mila denunce nel 2010, circa il 60% del complesso.

Quali possono essere le malattie professionali?

Le malattie professionali sono malattie che si contraggono a causa dell'esposizione a specifici rischi presenti nell'am- biente di lavoro, come la sordità da rumore, la dermatite da contatto, le malattie polmonari da polveri, le intossicazioni da sostanze chimiche nocive, ecc.

Quale sono malattie professionali?

La definizione di malattia professionale presenta diversi livelli di specificità a seconda dei contesti: preventivo, assicurativo, epidemiologico. Una definizione generale può essere: "qualsiasi stato morboso che possa essere posto in rapporto causale con lo svolgimento di una qualsiasi attività lavorativa".

Come si dividono le malattie professionali?

Le malattie professionali si distinguono in tabellate e non tabellate. Le malattie professionali sono tabellate se: indicate nelle due tabelle (una per l'industria e una per l'agricoltura) provocate da lavorazioni indicate nelle stesse tabelle.

Cosa rischia il datore di lavoro per malattia professionale?

Nel caso in cui la malattia professionale comporti un'inabilità temporanea e assoluta al lavoro, il datore di lavoro ha l'obbligo di erogare la retribuzione nei primi tre giorni di assenza, al termine dei quali la copertura verrà garantita dall'INAIL.

Quando si può chiedere la malattia professionale?

La prima domanda può essere presentata: dopo 6 mesi dalla data di cessazione del periodo di inabilità temporanea assoluta (se c'è stata astensione dal lavoro); dopo 1 anno dalla manifestazione della malattia (se non c'è stata astensione dal lavoro).

Quali sono le malattie più gravi?

Ebola, febbre emorragica del Congo, virus di Marburgo e Nipah, febbri di Lassa e della Rift Valley, MERS e SARS. Sono queste, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), le malattie più pericolose del pianeta.

Cosa succede se viene riconosciuta una malattia professionale?

Accertata l'esistenza di un danno biologico e riconosciuta la malattia professionale il lavoratore incomincerà a percepire un'indennità economica. Se invece la malattia non viene riconosciuta dall'INAIL il lavoratore ha diritto, entro 3 anni a fare ricorso.

Quanto costa una malattia professionale al datore di lavoro?

Quanto costa una malattia professionale ad un'azienda? In letteratura si trovano dei costi che oscillano tra i 10.000 e i 30.000 euro. I costi sono di due tipi: diretti e indiretti.

Chi dichiara la malattia professionale?

Obblighi. La denuncia di Malattia Professionale deve sempre essere presentata, alla Sede Inail competente, dal datore di lavoro (indipendentemente da ogni valutazione personale sul caso), entro cinque giorni dalla data in cui ha ricevuto il certificato medico riferito alla malattia stessa.

Quale tra queste è la malattia professionale attualmente di più frequente riscontro in Italia?

L'ipoacusia da rumore rimane la principale malattia di origine professionale registrata negli ultimi anni in Italia.

Quali sono le patologie per prendere la pensione?

Stiamo parlando di malattie neurologiche (sclerosi multipla, morbo di Alzheimer, morbo di Parkinson, epilessia, emiplegia), malattie psichiche (disturbo amnesico, schizofrenia, depressione, ritardi mentali, disturbi del comportamento), malattie legate all'udito (completa o parziale sordità), malattie visive (ipovisione ...

Quali sono le 5 malattie?

Le più comuni malattie esantematiche dell'infanzia sono: Morbillo, Varicella, Rosolia, Scarlattina (quarta malattia), eritema infettivo (Quinta malattia), esantema critico (Sesta malattia), Mani-Piedi-Bocca. Vediamole insieme con maggiore dettaglio.

Cosa si intende per patologie?

Nella pratica medica, il termine è adoperato anche con significato più generico, per indicare una malattia in atto, uno stato patologico, una condizione di sofferenza dell'organismo.

Quale è la malattia più dolorosa al mondo?

La manifestazione oggettivamente più dolorosa è il cancro, soprattutto quando colpisce alcuni organi o parti del corpo.

Qual è la malattia più diffusa in Italia?

La patologia più frequente è l'ipertensione, con quasi 12 milioni di persone affette nel 2028, mentre l'artrosi/artrite interesserà 11 milioni di italiani; per entrambe le patologie ci si attende 1 milione di malati in più rispetto al 2017.

Quali sono le malattie non curabili?

Si tratta di un ampio gruppo di malattie, che comprende le cardiopatie, l'ictus, il cancro, il diabete e le malattie respiratorie croniche. Ci sono poi anche le malattie mentali, i disturbi muscolo-scheletrici e dell'apparato gastrointestinale, i difetti della vista e dell'udito, le malattie genetiche.

Quanti anni dura la malattia professionale?

La durata massima è di un anno.

Quali sono le malattie tabellate?

Le malattie tabellate sono quelle patologie per cui vige una presunzione legale circa la loro origine professionale. E' sufficiente in questi casi che il lavoratore dimostri semplicemente lo svolgimento di mansioni rientranti nella lavorazione specifica cui è connessa la patologia tabellata.

Articolo successivo
Che fine fa Priamo?