Guida per utilizzare la Resina Epossidica e Tecnica efficace

A cosa serve la resina epossidica?

Domanda di: Jarno Longo  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.7/5 (22 voti)

La resina epossidica può essere utilizzata per realizzare quadri, lampade, tavoli e oggettistica. Per esempio, se si desidera ottenere un effetto trasparente ad alto spessore con all'interno piccoli elementi come conchiglie, monete e pietre, si utilizza il nostro prodotto OCEAN EPOXYCRISTAL .

Per cosa si usa la resina?

Il suo impiego nel mondo dell'edilizia è davvero molto ampio. Essa infatti, viene utilizzata in ogni ambito della produzione, dal settore meccanico a quello ospedaliero,fino a quello alimentare ed edile.La resina si presta alla realizzazione di pavimenti, rivestimenti, consolidamenti di strutture e componenti d'arredo.

Su cosa attacca la resina epossidica?

La resina epossidica Craft Resin aderisce all'alluminio e funziona bene su diversi metalli. Tuttavia, è necessario preparare la superficie del metallo prima di applicarvi la resina; per farlo è sufficiente carteggiare lo strato superiore del metallo.

Quali sono gli svantaggi delle resine?

Pavimenti in resina, svantaggi
  • L'accidentale caduta di oggetti e il continuo calpestio possono causare dei graffi superficiali.
  • Una posa non eseguita perfettamente potrebbe portare all'insorgenza di crepe e perfino piccole rotture in alcuni punti. ...
  • L'aspetto della resina potrebbe modificarsi negli anni.

Cosa si può creare con la resina epossidica?

È possibile creare bracciali, ciondoli, calamite, spille, figure, pupazzi ed accessori per cosplay. In questo articolo forniremo informazioni di base su come utilizzare la resina trasparente epossidica per creare i propri oggetti.

Trovate 21 domande correlate

Quanto ci mette ad asciugare la resina epossidica?

Essiccazione (a 20°C, umidità relativa 50%):

12 ore. La durezza finale della superficie viene raggiunta dopo ca. 3 - giorni.

Quanto è dura la resina epossidica?

Le formulazioni di resina epossidica e indurente hanno una lunga durata rispetto a molti polimeri. La vita utile minima per le resine standard PRO-SET Infusion e delle resine adesive e degli indurenti è di 2 anni.

Come si asciuga la resina epossidica?

Quando la stesura è completa, acqua calda o vapore pompato attraverso lo stampo consentono di accelerare l'indurimento del laminato. Un calore moderato (pistola ad aria calda o lampada di calore) applicato all'assemblaggio riduce i tempi di indurimento della resina epossidica.

Perché la resina si spacca?

Tale crepa può essersi originata preventivamente al rivestimento in resina (e quindi non è stata trattata efficacemente) o successivamente, a causa di dilatazioni impreviste, cedimenti, etc..

Come si attacca la resina?

Versa la quantità desiderata di resina e indurente in una superficie monouso, poi mescola bene per 60 secondi o per il tempo indicato dal produttore. Applica la quantità desiderata di colla epossidica per plastica su entrambe le superfici e premi i pezzi insieme.

Dove si può comprare la resina epossidica?

La resina epossidica si può comprare facilmente online su siti come Amazon. Trovate infatti diverse tipologie di resina per tutti gli utilizzi che se ne possono fare.

Quanto costa una resina epossidica?

Il prezzo della resina epossidica TOP EPO di TOP RESINE può variare indicativamente da 15 €. /kg. a 28 €./kg. La differenza di prezzo della resina epossidica dipende sia dalla composizione chimica del formulato stesso sia dal tipo di confezionamento.

Quanto costa un litro di resina epossidica?

OFFERTA La resina epossidica trasparente atossica 22,90 EUR.

Quanti gradi resiste la resina epossidica?

La temperatura di pirolisi della resina epossidica è di circa 250-350°C. E' sostanzialmente impossibile, sebbene alle volte l'aderente possa diventare più pelabile se immerso in un solvente o riscaldato sopra un punto di transizione vetrosa.

Come si toglie la resina epossidica dalle mani?

Aceto. Con l'aceto si può rimuovere la colla epossidica indurita dalla pelle. Immergere la zona sulla pelle con un panno imbevuto di aceto fino a quando la resina non si ammorbidisce. Una volta imbevuto, è possibile rimuovere la resina epossidica.

Quale vernice su resina epossidica?

La vernice liquida è particolarmente adatta come vernice per la resina epossidica perché è molto facile da miscelare con la resina liquida. La vernice epossidica liquida si scioglie in essa in modo molto uniforme e garantisce una colorazione omogenea della resina da colata.

Quanta resina epossidica ci vuole per fare un tavolo?

Se il tavolo che dobbiamo realizzare è, ad esempio, 1 mt. x 2 mt = 2 mt quadri, avremo bisogno di 2 litri di resina per ogni cm di spessore che dovremo riempire, ovviamente considerando solo gli spazi lasciati vuoti dal materiale incluso.

Quale è la migliore resina epossidica?

Al primo posto troviamo sicuramente un prodotto del marchio Resin Pro, specializzato proprio nella produzione di resina epossidica ad utilizzo universale.

Quanti kg di resina servono per fare un tavolo?

In 24 ore il tavolo è pronto per essere tolto dallo stampo! Consumi di resina. Se il tavolo fosse di resina pure (60x60x4) sarebbero stati necessari oltre 10 kg di resina. Ma visto che la metà del volume è occupato dal legno ne sono serviti solo 6 kg.

Quanto costa fare un tavolo in resina?

Quanto costa un tavolo in resina

I prezzi sono molto variabili. Nelle grandi catene di negozi del bricolage si trovano modelli semplici a poco meno di 100,00 euro. Pezzi artigianali realizzati su misura possono anche arrivare a sfiorare i 3.000/4.000 euro. Molto poi dipende anche dalle dimensioni.

Come modellare la resina epossidica?

Ad ogni modo essendo un polimero “TERMO-INDURENTE”, più si espone al calore e più veloce è la catalisi. Come regola generale, ogni 10°C in più , il tempo di catalisi, dimezza. Per accelerare la catalisi quindi è sufficiente tenere la colata vicino ad una fonte di calore (anche un semplice termosifone).

Come si fanno gli oggetti in resina?

Occorrente
  1. Bilancia di precisione.
  2. Dosatore e bastoncino in silicone per miscelare.
  3. Guanti protettivi.
  4. Stampi.
  5. Resina Fil Cristal.

Perché la resina non si asciuga?

La maggior parte dei problemi riguardanti il mancato indurimento delle resine, può essere ricondotta ad un'errata miscelazione. Assicuratevi quindi di aver mescolato bene il vostro prodotto per minimo due minuti, raschiando minuziosamente il fondo e tutte le pareti del contenitore utilizzato.