La prelazione agraria (La rubrica TV del notaio - 10.6.2020)

Chi ha il diritto di prelazione su un terreno?

Domanda di: Ing. Rosolino Parisi  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.9/5 (70 voti)

Il diritto di prelazione spetta anzitutto al coltivatore diretto (o società agricola in cui almeno la metà dei soci è coltivatore diretto) che conduce in affitto, da almeno due anni, il terreno offerto in vendita (art. 8 della legge 590/1965).

Quando si vende un terreno bisogna avvisare i vicini?

Il proprietario che vuol vendere il terreno è tenuto a notificare il preliminare di vendita, con lettera raccomandata ai confinanti. Il destinatario della notifica ha 30 giorni di tempo per esercitare il diritto di prelazione, comunicando la propria intenzione di voler acquistare alle stesse condizioni.

Chi gode del diritto di prelazione?

In questo articolo viene definito come "il diritto di cui gode l'affittuario nell'essere preferito rispetto ad altri al momento della vendita dell'immobile": ciò significa che se il proprietario di casa decide di vendere l'immobile che ha affittato, sarà tenuto a proporlo innanzitutto al suo inquilino.

Quando un confinante ha diritto di prelazione?

Il diritto di prelazione del confinante è previsto nel momento in cui il proprietario di un terreno agricolo decide di mettere in vendita la proprietà. Per legge è necessario dare la precedenza al vicini, se è un coltivatore diretto.

Come funziona il diritto di prelazione sui terreni?

Il diritto di prelazione agraria consiste nel diritto di essere preferiti ad altri per l'acquisto di un fondo agricolo, a parità di prezzo, quando il proprietario decide di venderlo. Questo diritto di prelazione è riconosciuto solo in presenza di determinate condizioni, soggettive e oggettive.

Trovate 19 domande correlate

Cosa succede se non si rispetta il diritto di prelazione?

Qualora il proprio diritto di prelazione non venisse rispettato, il conduttore avrà 6 mesi di tempo per agire per il diritto di retratto rivolgendosi direttamente all'acquirente. Esercitato il predetto diritto il conduttore dovrà pagare il prezzo entro tre mesi.

Come togliere il diritto di prelazione?

Per esprimere la volontà di rinunciare all'affare è sufficiente non accettare la proposta inviata dal proprietario, con la conseguente perdita del beneficio. Si può quindi inviare una comunicazione scritta oppure non rispondere, dato che entro determinati termini fissati per legge, tale diritto decade.

Quanto dura il diritto di prelazione di un terreno agricolo?

Esercizio del diritto di prelazione agrario

il coltivatore diretto deve esercitare il proprio diritto entro e non oltre il termine di 30 giorni dal momento della notifica; il pagamento del prezzo di acquisto deve essere effettuato entro il termine di 3 mesi.

Come funziona la prelazione sui terreni agricoli?

La normativa relativa alla prelazione agraria attribuisce il diritto all'affittuario coltivatore diretto di un appezzamento di terreno ad essere preferito ad un soggetto terzo alle medesime condizioni stabilite per quest'ultimo nell'acquisto del fondo rustico che il proprietario ha intenzione di vendere.

Quanto tempo dura il diritto di prelazione?

10 anni nel caso della prelazione ereditaria; 6 mesi dalla trascrizione del contratto, nel caso della prelazione urbana; 1 anno dalla trascrizione nel contratto, nel caso della prelazione agraria.

Quanto costa un atto notarile per un terreno agricolo?

COMPRAVENDITA TERRENO AGRICOLO:

Registrazione = 12% con un minimo di 1.000 euro (previste agevolazioni per la PPC con registro fisso euro 200 e per Imprenditore Agricolo senza PPC al 9%) trascrizione 50 (in caso di PPC euro 200)

Come faccio a sapere se il mio vicino è un coltivatore diretto?

Quindi, per conoscere se il confinante è un coltivatore diretto è necessario interpellarlo e chiedere, in caso di risposta positiva, l'esibizione della relativa certificazione di coltivatore diretto.

Come esercitare il diritto di prelazione agraria?

Per riuscire ad esercitare la propria "prelazione agraria", a sua volta, il coltivatore dovrà semplicemente inviare al proprietario del fondo una raccomandata con ricevuta di ritorno (nella quale dichiari la volontà di far valere il suo diritto costituzionale) e procedere al pagamento del prezzo concordato.

Come aggirare il diritto di prelazione di terreno agricolo?

È possibile “aggirare” il diritto di prelazione?
  1. Permuta. Scambiando la proprietà dell'immobile/fondo agricolo con quella di un altro immobile/fondo di valore simile.
  2. Donazione. Con l'evidente limite che non può essere pagato alcun prezzo.
  3. Comodato.

Quanto costa diritto di prelazione?

28 della legge 513 applicando il pagamento del diritto di prelazione calcolando il 10 per cento della rendita catastale moltiplicato per cento(comma 25 della legge 560/93).

Come evitare il diritto di prelazione agraria?

La giurisprudenza, inoltre, esclude il diritto alla prelazione agraria del confinante nel caso in cui il fondo vicino sia trasferito a titolo gratuito con una donazione o anche solo con un contratto misto con donazione.

Quanto terreno agricolo ci vuole per diventare coltivatore diretto?

La legge non stabilisce un minimo assoluto di terreno per poter diventare un imprenditore agricolo.

Quali documenti servono per vendere un terreno agricolo?

Documenti per vendere un terreno agricolo
  1. Certificato catastale.
  2. Planimetria con confini.
  3. Certificato di destinazione urbanistica.
  4. Verifica del diritto di prelazione.

Che tasse si pagano su un terreno agricolo?

IMU terreni agricoli 2022, come fare il calcolo

L'aliquota ordinaria da applicare è dello 0,76 per cento e i Comuni possono aumentarla o diminuirla sino a 0,3 punti percentuali: l'aliquota, quindi, può oscillare da un minimo di 0,46 per cento ad un massimo di 1,06 per cento.

Quanto si paga di tasse su un terreno agricolo?

L'imposta di registro sull'acquisto di terreni agricoli è pari al 12% del prezzo del terreno (con un minimo di 1.000 euro) a cui si aggiungono le imposte ipotecarie e catastali per complessivi 100 euro.

Come vendere un terreno senza notaio?

Devi sapere, infatti, che non è possibile stipulare l'atto di compravendita di un terreno senza un notaio; è comunque buona norma chiedere un preventivo dettagliato direttamente al professionista, anche in ragione dell'abolizione delle tariffe notarili uniche avvenuta nel 2012 a seguito del Decreto Liberalizzazioni.

Chi paga il notaio per la vendita di un terreno?

Ma chi paga il notaio per la compravendita del terreno? Anche in questo caso è l'acquirente. Con l'acquisto di un terreno, infatti, non cambia il soggetto che deve pagare la parcella notarile, tranne nei casi in cui è stato stabilito un diverso accordo tra le parti.

Chi vende un terreno deve pagare le tasse?

La vendita di terreni edificabili, se dà luogo a una plusvalenza, è sempre tassata, anche dopo cinque anni dall'acquisto e anche se l'acquisto è avvenuto per successione o donazione. Non sono previste eccezioni. La plusvalenza viene calcolata come differenza tra il prezzo di vendita e il costo fiscalmente riconosciuto.

Quando un terreno è esente IMU?

Non si paga l'IMU sulle aree fabbricabili possedute da IAP o CD (imprenditori agricoli professionali e coltivatori diretti), iscritti alla previdenza agricola e qualora tali terreni siano utilizzati a finalità agro-silvo-pastorale, silvicoltura, funghicoltura e allegamento di animali.