5 COSE CHE I PADRINI E LE MADRINE SI DEVONO RICORDARE DI FARE

Chi non è sposato in chiesa può battezzare?

Domanda di: Ing. Marzio Farina  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.2/5 (54 voti)

NIENTE BATTESIMO AL BIMBO. La Chiesa discrimina? No, il sacerdote obbedisce al vescovo: niente battesimo al neonato se i genitori non sono sposati in chiesa.

Chi non è sposato in Chiesa può fare da padrino?

Se per i testimoni di nozze non è necessario alcun particolare requisito ecclesiastico, la scelta del padrino o della madrina per battesimo e cresima è decisamente più vincolante; per entrambi i sacramenti i requisiti sono gli stessi dal momento che la cresima non è altro che il sacramento della confermazione delle ...

Chi non può battezzare?

Non possono fare perciò da padrini quelle persone che: sono sposate solo civilmente. sono conviventi. sono divorziate.

Chi è convivente può battezzare?

18/12/2012 Possono un divorziato e la sua convivente far battezzare il proprio bambino? Sì, a condizione che ambedue i genitori, o almeno uno di essi, garantiscano l'educazione cristiana.

Quando non si possono celebrare i battesimi?

Si raccomanda la celebrazione soprattutto nella Veglia pasquale. Durante il tempo di Quaresima non si celebrano Battesimi.

Trovate 19 domande correlate

Quanto si paga il prete per il battesimo?

L'8 per mille paga lo stipendio del prete. Nel sito dell'Arcidiocesi, alla voce tasse e offerte ci sono le indicazioni per alcuni servizi, basati su un decreto della Cei del 2001: nessuna offerta per battesimi e funerali, 8 euro per la Santa messa, 103 euro per matrimoni (esclusi fiori e organista).

Quali documenti servono per il battesimo?

Per il battesimo in particolare servono 3 tipi di documenti:
  • La domanda di richiesta del battesimo. Un documento dove inserire i dati anagrafici del bambino. ...
  • Certificato di nascita del bambino. ...
  • Attestato di idoneità per padrino e madrina.

Cosa dice la Chiesa sulla convivenza?

Significa che la Chiesa ora accetta e benedice la convivenza prematrimoniale? La Chiesa non ha cambiato idea. Per due battezzati l'unico modo per creare tra loro una comunione permanente di vita è il matrimonio in cui Dio unisce l'uomo e la donna, conferendo loro la capacità di amarsi senza riserve: come Cristo ama.

Chi convive può fare la madrina di Battesimo?

Parli poi dei testimoni di nozze...guarda che i testimoni NON SONO LE PERSONE che accompagnano nel matrimonio come padrini e madrine sono solo testimoni che il matrimonio è avvenuto, essi possono essere atei, gay, lesbiche, conviventi, divorziati ecc... infatti possono anche esonerarsi dalla comunione.

Chi può fare la madrina?

Padrino e madrina del Battesimo, i requisiti

Deve avere almeno sedici anni. Deve essere cattolico, deve aver fatto la Cresima e deve seguire una vita coerente con i principi della fede cristiana. Non deve essere stato colpito da alcuna pena canonica. Non può essere né il padre né la madre del battezzando.

Per chi si è sposato al comune può battezzare?

Non solo vengono battezzati i figli di coppie non sposate o di genitori con altre esperienze matrimoniali alle spalle, ma si accettano anche padrino e madrina che fanno parte di una coppia di fatto o che sono sposati civilmente o che sono divorziati.

Chi è divorziato può fare da madrina?

CITTA' DEL VATICANO - Papa Francesco e il papa emerito Benedetto XVI d'accordo sulla possibilità per i divorziati risposati di fare da padrini nel battesimo e di partecipare a diversi momenti liturgici.

Chi tiene il bambino in braccio durante il battesimo?

Durante la celebrazione del Battesimo la madrina e il padrino siedono accanto alla mamma (che tiene in braccio il battezzando) e al papà. La madrina, quindi, risponde insieme ai genitori alle Rinunce proferite dal celebrante e recita la professione di fede con il Credo.

Cosa ci vuole per fare il padrino di Battesimo?

I requisiti per fare da madrina e padrino al battesimo
  1. Il padrino e/o la madrina devono avere almeno 16 anni, quindi non è necessario essere maggiorenni.
  2. Devono essere cattolici.
  3. Devono aver fatto la cresima.
  4. Non possono essere né la madre, né il padre del bambino da battezzare.

Da quando non ci saranno più i padrini?

In pratica, si legge nel decreto, “è sospeso “ad experimentum”, dall'1 luglio 2023 e per la durata di un triennio, l'ufficio di Padrino e di Madrina nel Battesimo dei bambini, nella Confermazione degli adolescenti e degli adulti, nonché nell'iniziazione Cristiana degli adulti.

Cosa dice il papà sulla convivenza?

Chi sceglie la convivenza al posto del matrimonio deve essere accolto e ascoltato. Soprattutto se si tratta di giovani. Nei loro confronti la Chiesa deve avere l'atteggiamento di chi comprende.

Chi convive può fare da testimone di nozze?

Nulla vieta che anche un civilmente coniugato/ divorziato/ risposato/ convivente (al limite anche non battezzato o battezzato acattolico) sia ammesso al ruolo di testimone alle nozze.

Quanti figliocci si possono avere?

Al battesimo ci può essere o un solo Padrino o una sola Madrina o un Padrino e Madrina insieme. Non sono ammessi due Padrini o due Madrine.

Chi convive può fare la comunione?

Il punto è che – spiegava il padre domenicano – non si può dare la comunione a chi “ostinatamente persevera in peccato grave manifesto”, e chi convive comportandosi come se si fosse tra marito e moglie rientra in quella fattispecie.

Perché si convive invece di sposarsi?

La convivenza, invece rispetto al matrimonio, garantisce una maggior libertà tra i partner, non sussistendo un vincolo giuridico tra i conviventi.

Chi convive è in peccato?

Ebbene, chi è convivente può andare a confessarsi, ma per dire che è pentito di quello che ha fatto e che la ha volontà di cambiare comportamento. Se va a confessarsi con queste disposizioni riceve l'assoluzione dal sacerdote.

Cosa dice la Chiesa sulla sessualità?

La Chiesa cattolica crede che la sessualità sia accettabile a condizione che si svolga all'interno del matrimonio. In questo ambito, secondo le parole del papa, non deve essere un tabù.

Chi scegliere come padrino e madrina?

L'importante, dunque, è che la persona che i genitori scelgono come madrina o come padrino sia vicina e "accessibile" ai bambini. «Meglio quindi che non sia troppo in là con gli anni e che sia qualcuno che frequenta abitualmente la famiglia».

Cosa regala la madrina al battesimo di un maschietto?

Si può anche optare per un regalo carino e originale, come una torta di pannolini tutta azzurra, un cesto pieno di prodotti e oggetti utili, un album fotografico con inserti in argento con all'interno le prime foto del bambino, una stampa su tela gigante di una fotografia che riprende il bebè e i suoi genitori.

Cosa si porta in Chiesa per il battesimo?

È bene portare con sé in chiesa una salvietta, meglio se ricamata o comunque impreziosita da un merletto, per asciugare la testa del bambino dopo che il sacerdote ha versato l'acqua benedetta.