Come scrivere un'email FORMALE e INFORMALE in Italiano / Write an email in Italian (ita audio)

Come intestare una mail?

Domanda di: Clea Palumbo  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.3/5 (5 voti)

Cura l'intestazione
Se desideri che sia una persona in particolare a ricevere la tua mail, allora devi specificarne il nome nell'intestazione attraverso la formula “All'attenzione di Nome e Cognome”. In questo modo, non rischi che la mail si perda e che il destinatario non la legga.

Come scrivere intestazione mail?

L'intestazione della lettera: mittente e destinatario

Il mittente va indicato in alto a sinistra: se scrivi con carta intestata, non c'è bisogno che lo specifichi ulteriormente; in caso contrario, devi indicare il tuo nome e cognome.

Come iniziare una e mail formale?

Email formale: puoi introdurti con un Egregio (molto formale, forse poco usato), Gentile, o semplicemente con un saluto: Buongiorno, Buonasera, Salve. In chiusura puoi optare per un Distinti saluti, Cordiali saluti, Un cordiale saluto.

Come ci si rivolge ad un ufficio in una mail?

Se state scrivendo a un potenziale datore di lavoro, a un'azienda o a un professore, esordire con “Ciao” o “Caro” non è la scelta migliore. Più adatti sono, invece, “Egregio” o “Gentile” seguiti da titolo e cognome del destinatario: es. Egregio Prof. Rossi.

Come intestare mail senza destinatario?

Se non conosciamo il nome del destinatario possiamo rivolgerci alla carica generica che leggerà l'e-mail (responsabile delle risorse umane, Presidente del corso di Laurea ecc.) Usare l'appellativo “spettabile” (spett. le – spett.) quando ci si rivolge a un ufficio, una ditta, una società, un'azienda, una direzione ecc.

Trovate 24 domande correlate

Come si saluta in modo formale?

Buongiorno e buonasera sono saluti formali che possono essere usati sia in apertura, sia in chiusura di conversazione.

Come scrivere una mail ad una azienda?

Ad esempio: “Per eventuali comunicazioni, contattare il sottoscritto (nome e cognome) al numero di telefono / indirizzo mail. In attesa di un Vostro riscontro, resto a disposizione per eventuali chiarimenti e porgo i miei più cordiali saluti”.

Come iniziare una mail formale senza conoscere il destinatario?

È preferibile rivolgersi al destinatario utilizzando il titolo della persona accanto al cognome, seguito da una virgola o due punti. Se non conosci il nome della persona a cui stai scrivendo usa un saluto come “Gentile Signore / Signora” o “A chi di competenza”.

Come iniziare una mail informale in italiano?

Come iniziare una mail informale

Si può optare per un semplice “Ciao” o “Caro/a” (se vi è un rapporto di maggiore confidenza) oppure per una frase simpatica come ad esempio “Credevi che non mi sarei fatto più sentire e invece eccomi qua”.

Come si saluta in una mail informale?

Se nei saluti iniziali hai utilizzato una formula meno formale, come “Gentile Sig. “, “Buongiorno Sig. “, “Buonasera Sig.” o “Salve“, potresti utilizzare un saluto formale ma meno “freddo”, come “Buon proseguimento“, “Buona giornata” o “Buona serata”.

Come si scrive in una mail alla cortese attenzione?

Inizia la riga dell'oggetto scrivendo ATT.NE.

Il modo migliore per riuscire nel proprio intento è scrivendo nell'oggetto "ATT.NE: Mario Rossi". In alternativa, se non fossi a conoscenza di alcun nominativo specifico, potresti scrivere "ATT.NE: Responsabile delle Assunzioni" o "ATT.NE: Ufficio Marketing".

Come si saluta un professore in una mail?

La conclusione di una mail indirizzata a un professore è importante tanto quanto l'incipit. Sono bandite le formule super classiche come “Distinti saluti”. Molto meglio saluti meno ingessati come: La ringrazio per la cortesia/gentilezza/disponibilità/attenzione.

Come si fa una richiesta formale?

Come nella lettera formale, rivolgiti al destinatario con la formula titolo + nome e cognome e dando sempre del Lei o del Voi se si tratta di un'azienda; Scrivi il corpo del testo e indica chiaramente le tue richieste; Concludi la lettera con una formula di commiato e la tua firma con i contatti in calce.

Cosa scrivere in intestazione?

Ad esempio nell'intestazione si può inserire il logo della nostra azienda mentre nel piè di pagina possiamo aggiungere i numeri pagina e le informazioni aziendali quali l'indirizzo, il telefono e l'indirizzo di posta elettronica.

Come scrivere un intestazione?

Intestazione. La lettera riporta subito, nel margine sinistro alto, il nome, cognome e indirizzo del mittente, seguito eventualmente dal suo numero di telefono per eventuali comunicazioni più rapide. Segue poi, nel margine destro, qualche rigo più in basso, l'indicazione del destinatario.

Come intestare una lettera informale?

Per una lettera in tono più rilassato, puoi optare per "Ciao, [nome]" o "Salve, [nome]". Questo modo di salutare è adatto a un amico oppure a un parente, mai per una lettera di affari perché sarebbe troppo informale. Formula un saluto più personale per qualcuno con cui sei più intimo o ti piacerebbe esserlo.

Come concludere una mail formale ringraziando?

Ringraziando anticipatamente per la sempre cortese collaborazione porgo cordiali/distinti saluti. Ringraziando per la cortese attenzione che vorrà accordarmi porgo cordiali/distinti saluti. In attesa di riscontro, resto a disposizione per chiarimenti e porgo cordiali saluti.

Come si scrive alla cortese attenzione abbreviato?

Se ti rivolgi ad una persona in particolare nell'ambito di un ufficio, impresa eccetera, puoi mettere dopo il riferimento all'ente o ditta, l'indicazione della persona specifica come “Alla cortese attenzione di…” o, abbreviato, “Alla C.se Att.ne…”.

Come scrivere una mail di lavoro esempio?

Gent.ma Dott. ssa (suo cognome), Mi chiamo (tuo nome e cognome) e, con la presente, Le vorrei inviare la mia candidatura spontanea per la posizione di (ruolo). Come potrà vedere dal mio curriculum vitae in allegato, al momento lavoro come editor presso (nome dell'azienda) di Milano.

Come salutare correttamente?

Il saluto andrebbe posto accompagnato da una espressione ed un tono di voce cordiale, cercando lo sguardo della persona che si sta salutando. Può essere accompagnato da una stretta di mano, da un cenno del capo o da un bacio sulle guance tra due persone di sesso opposto o tra due donne.

Quali sono i saluti formali?

buongiorno, buondì, buonasera e buonanotte ⇒ sono saluti formali che possono essere usati sia in apertura, sia in chiusura di conversazione, possono essere rivolti al singolo o a un gruppo.

Come mai non si dice salve?

Il grande utilizzo di “salve” si deve al suo carattere generico e viene usato in quelle occasioni in cui la formalità non è così evidente, ma attenzione: è pur sempre un modo sbrigativo per salutare, e il Galateo lo sconsiglia nel parlato e con maggior forza nello scritto.

Come iniziare e finire una lettera formale?

Se, per esempio, nel saluto iniziale si sono utilizzate le formule Egregio Sig. o Spett. le Sig., è appropriato utilizzare forme di conclusione quali Distinti Saluti, Cordiali Saluti o Ossequi. Al contrario, se la formula è stata Buongiorno Sig., si può concludere con Buon proseguimento o Buona giornata.

Come iniziare una mail formale a un professore?

Ti consiglio di iniziare l'email con un aggettivo di circostanza, una classica formula che esprima cordialità e formalità, per esempio: “egregio“, oppure “gentile“, seguito dal titolo del destinatario del messaggio, in questo caso il tuo professore quindi “Professor” o anche l'abbreviazione “Prof.” va bene.

Come si scrive una mail formale al professore?

L'autore di questa risposta ha richiesto la rimozione di questo contenuto.