Le pentole tornano come nuove! Ecco come pulire le pentole incrostate senza sforzo!

Come si disinfettano le pentole?

Domanda di: Dott. Noel Bianchi  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.7/5 (28 voti)

Preparate una miscela di con acqua calda, succo di limone e sale grosso, versatela nella pentola che volete scrostare e lasciate agire per 10 minuti. Trascorso questo tempo, utilizzate una retina (o una spugnetta non abrasiva, nel caso in cui la pentola sia antiaderente) e rimuovete le incrostazioni.

Come disinfettare le stoviglie in modo naturale?

Aceto e limone sono due elementi naturali dal forte potenziale igienizzante. Ciò permette non solo di pulire i piatti e le posate, ma anche di eliminare più germi. Possiamo dunque acquistare uno di questi detersivi o addirittura produrlo in casa.

Come lavare le pentole appena comprate?

Primo lavaggio pentole

Prima del primo utilizzo, lavare la pentola con acqua calda e poco sapone (meglio se delicato) e asciugarla con panno o carta assorbente. Questo perché le pentole nuove sono rivestite di una normale patina protettiva invisibile che se non rimossa può portare a un rapido danneggiamento.

Come disinfettare le pentole in acciaio inox?

In una pentola capiente inserisci una manciata di sale al limone. Poi aggiungi 2 cucchiai di bicarbonato e poi un bicchiere di aceto. Lascia agire e immergi la pentola rovinata, poi versa dell'acqua calda e lascia riposare 15 minuti. Lava, risciacqua e asciuga.

Come si pulisce il fondo di una padella?

La cosa da fare è bagnare i fondi esterni della padella con l'aceto, magari usando uno spruzzino. Poi la superficie umida va coperta con del bicarbonato. Il composto va lasciato agire per 5 minuti, trascorsi i quali, con una spugna dalla parte abrasiva, si insiste sulle macchie che verranno subito via.

Trovate 42 domande correlate

Come togliere i cattivi odori dalle pentole?

In questo caso se senti il persistere dell'odore su pentole e padelle metti acqua ed aceto bianco e portale ad ebollizione per un paio di minuti direttamente sul fornello, risciacqua abbondantemente.

Come sgrassare pentole e padelle?

CON SALE E SUCCO DI LIMONE

Versiamo sul fondo della pentola o padella acqua succo di limone e sale grosso, lasciamo agire per 10 minuti, poi passiamo una paglietta per rimuovere lo sporco. Poi laviamo come sempre la stoviglia.

Quando buttare le pentole in acciaio?

Le pentole e le padelle in acciaio o in alluminio non antiaderenti possono tranquillamente essere buttate nei cassonetti dei metalli, insieme a lattine e altro.

Come pulire pentole con aceto?

Metti a bollire un bicchiere di aceto insieme a dell'acqua all'interno della pentola incrostata. Attendi che l'acqua si raffreddi e strofina la pentola con una paglietta dorata. Versa della polvere di Bicarbonato e continua a strofinare per rimuovere il residuo di sporco unto che rimarrà nella pentola.

Come igienizzare le pentole in alluminio?

Per una corretta pulizia delle pentole di alluminio, basta seguire questi semplici passaggi:
  1. Diluire del bicarbonato con una crema detergente;
  2. Lavare a mano con acqua calda e il bicarbonato diluito;
  3. Sciacquare bene;
  4. Asciugare con della carta assorbente.

Come si sterilizza una padella nuova?

Risciacquare con acqua calda

La prima cosa da fare quando si ha tra le mani una nuova pentola antiaderente è risciacquarla con acqua calda e un pochino di detersivo per piatti, meglio se delicato. Non è necessaria la spugna: è sufficiente passare la superficie della pentola con le mani.

Quando una pentola antiaderente è da buttare?

Secondo gli chef, ogni articolo da cucina ha una durata di conservazione e per le pentole antiaderenti è di circa 5 anni. Se la usi tutti i giorni o 3-4 volte a settimana, assicurati di sostituire la padella antiaderente ogni 4-5 anni per rimanere al sicuro e in salute.

Come sono le pentole Kasanova?

Le padelle Kasanova, come pubblicizzate dall'azienda stessa, sono “leggere come l'alluminio, resistenti come l'acciaio o dure come la pietra”. Il rivestimento esterno che la rende un'ottima padella antiaderente varia in base al modello è sempre di qualità e senza PFOA e Nichel.

Come disinfettare bene le posate?

#1 Aceto bianco, acqua e panno da cucina
  1. metti le posate all'interno di una ciotola piena d'acqua;
  2. versa l'aceto;
  3. lasciale a riposo per circa un'ora;
  4. risciacqua le posate e disponile in una superfice piana sopra la carta assorbente;
  5. asciugale una alla volta assicurandoti che non ci siano macchie o aloni.

Come disinfettare posate con aceto?

Lasciare le posate per 10 minuti in ammollo in una miscela di acqua e aceto, quindi risciacquare con acqua tiepida e asciugare con la microfibra. Per velocizzare l'operazione ed evitare di attendere, puoi preparare una mistura di sale e aceto e strofinarla con un panno morbido sulle posate.

Come si disinfettano i piatti?

Per piatti, bicchieri e stoviglie varie il miglior metodo di sanificazione consiste nell'utilizzare la lavastoviglie a 60 °. Se non si ha la lavastoviglie, è possibile lasciarli in ammollo in acqua molto calda e usare il sapone.

Cosa succede se uniamo aceto e bicarbonato?

Come spiegano, infatti, quando si mischiano bicarbonato e aceto si ottiene una schiuma con le bolle. Che non è altro che una reazione chimica in cui si produce anidride carbonica. Quando il bicarbonato reagisce con gli acidi – in questo caso l'aceto – i due elementi si neutralizzano a vicenda.

A cosa serve aceto e bicarbonato?

Aceto e bicarbonato per la pulizia della casa

Acido e base, se mescolati danno origine ad una piccola reazione chimica effervescente perfetta per sturare lo scarico o per eliminare le incrostazioni più ostinate.

Come lavare le pentole a mano?

Versa due gocce di detersivo per i piatti nell'acqua.

Mescola l'acqua e il detersivo finché non inizia a formarsi la schiuma. Puoi usare il detersivo per lavare i piatti a mano sulla maggior parte dei materiali, inclusi il rame, l'acciaio inossidabile, l'alluminio e i rivestimenti antiaderenti.

Quando le pentole diventano cancerogene?

Quando la pentola raggiunge 360 gradi, rilasciano almeno sei gas tossici, tra cui due agenti cancerogeni (PFOA e TFE), e l'acido monofluoroacetico (MFA), un agente da guerra chimica che è mortale per gli esseri umani, anche a basse dosi.

Quali sono le pentole cancerogene?

Il rivestimento delle pentole antiaderenti non è di per sé pericoloso per la salute, ma alcune sostanze, PFOA in particolare, che possono essere utilizzate nel processo di produzione del prodotto sono state associate a un aumento del rischio di tumore e altre patologie.

Quali sono le pentole più sicure per la salute?

Le pentole migliori, dal punto di vista salutare, sono quelle costruite con materiali che riducono al minimo la cessione di sostanze nocive al cibo che ne viene a contatto. Acciaio inossidabile, terracotta, ferro e ceramica sono da preferire per l'uso quotidiano.

Come pulire una pentola antiaderente?

Grattare a fondo con la spugna abrasiva, lasciare in ammollo con acqua e bicarbonato, avviare due cicli di lavastoviglie. Dimentica tutto questo: pulire le pentole antiaderenti è facile e velocissimo. Purché si tratti di prodotti di alta qualità.

Come sgrassare le pentole in acciaio?

La procedura è semplice perché occorre uno spazzolino da denti che si immerge nel bicarbonato puro e poi lo si passa accuratamente sulle basi per togliere le macchie e ridare loro la brillantezza di una volta eliminando aloni. Così facendo si può ripulire anche l'acciaio più rovinato, strofinandolo bene.

Come eliminare il formaggio attaccato alla pentola?

Molto spesso nelle pentole rimangono incrostazioni ostinate, ad esempio cibo bruciato o formaggio fuso. In questi casi, per rimuovere i residui dalla pentola riempila di acqua e sale grosso fino a coprire le incrostazioni e lascia bollire finché i residui non si saranno staccati.