Covid, cosa cambia dall’1 aprile: le nuove regole

Cosa cambia per i positivi dal 1 aprile?

Domanda di: Rosolino Barbieri  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.3/5 (54 voti)

Il Consiglio dei ministri ha deciso anche per lo stop alle quarantene da contatto con un caso positivo al Covid. Dal primo aprile dovrà rimanere isolato a casa solo chi ha contratto il virus, mentre chi ha avuto un contatto dovrà applicare il regime dell'autosorveglianza.

Quanti giorni di isolamento sono previsti in caso di positività al COVID-19?

In caso di persistente positività del test, l'isolamento potrà essere interrotto dopo 14 giorni dalla data del primo tampone positivo, senza bisogno del test di uscita.

Cosa succede se si e positivi adesso?

È obbligatorio, al termine dell'isolamento, l'uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 fino al 10mo giorno dall'inizio della sintomatologia o dal primo test positivo (nel caso degli asintomatici), ed è comunque raccomandato di evitare persone ad alto rischio e/o ambienti affollati.

Quanti giorni di quarantena per vaccinati positivi?

In base alle nuove regole, chi ha il booster oppure è vaccinato o guarito da meno di quattro mesi, in caso di contatto stretto con una persona positiva al Covid, può uscire di casa ma è obbligato ad indossare una mascherina di tipo FFP2 per almeno 10 giorni dall'ultima esposizione al caso.

Come finisce la quarantena per un positivo?

Dovrai osservare un periodo di auto-sorveglianza con l'obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2, al chiuso o in presenza di assembramenti, fino al quinto giorno successivo alla data dell'ultimo contatto stretto.

Trovate 22 domande correlate

Chi convive con un positivo può uscire?

L'importante è essere asintomatici e non avere alcun contatto con chi è in isolamento in casa. Se si rispettano queste norme si può circolare liberamente, a patto di indossare obbligatoriamente una mascherina Ffp2 per 10 giorni.

Cosa fare se si è positivi?

Cosa devo fare? Mettiti in isolamento domiciliare rispettando le raccomandazioni per l'isolamento. Non appena l'Ausl ti invierà l'SMS con il tuo codice personale compila il form online per comunicare i tuoi "contatti stretti".

Quanto dura la quarantena per i positivi dal 1 aprile?

In sostanza nulla cambia per i soggetti positivi che sono tenuti all'isolamento (10 o 7 giorni a seconda del loro stato di vaccinazione) con test finale di verifica, mentre per la quarantena le misure oggi in vigore per i soli vaccinati con booster o ciclo completo entro i 120 giorni varranno per tutti.

Cosa fare se si è ancora positivi dopo 7 giorni?

«Nel caso in cui si risulti ancora positivi dopo 7 giorni dal primo test si consiglia di ripeterlo dopo altri 7 giorni», spiega a Sanità Informazione il virologo Fabrizio Pregliasco, docente all'Università Statale di Milano.

Quando ripetere tampone se ancora positivo?

Se il tampone risulta ancora positivo anche con bassa carica può essere ripetuto fino a quando non risulterà negativo. Se la positività persiste, si potrà interrompere l'isolamento al termine del 14° giorno dal primo test/tampone positivo, quindi dal 15° giorno, a prescindere dall'effettuazione del test/tampone.

Cosa succede dopo essere risultati positivi al Covid?

- In caso di positività persistente, si potrà interrompere l'isolamento al termine del 14° giorno dal primo tampone positivo, a prescindere dall'effettuazione del test. Con un tampone negativo di guarigione termina di fatto l'isolamento e si può rientrare in comunità.

Cosa fare se si ha un positivo in famiglia?

Isolamento domiciliare: è necessario che la persona positiva si ponga in isolamento fiduciario in un unico ambiente, lontano da altri conviventi, per evitare che il virus contagi uno dopo l'altro tutti i contatti stretti.

Cosa si prende quando si ha il Covid?

Il farmaco suggerito dal Ministero per chi presenta sintomi leggeri come febbre, malessere, dolori articolari o muscolari rimane il paracetamolo.

Cosa ti chiedono se sei positivo al tampone?

appare una banda di colore violaceo-rosso significa che il tampone ha rilevato l'antigene Sars-Cov-2 e la positività al Covid-19; non compare nulla significa che il test non ha rilevato antigeni virali e quindi si è negativi.

Quando inizia a contagiare un positivo?

Chi si ammala del coronavirus è contagioso per molto tempo: inizio del periodo di contagiosità: due giorni prima della comparsa dei sintomi.

Quanto tempo passa dal contagio alla positività?

PERIODO DI CONTAGIOSITÀ

Per quanto riguarda il test molecolare RT-PCR, il tampone naso-faringeo può diventare positivo dopo 24/48 ore dall'infezione e la positività dura generalmente: 1-2 settimane per le persone asintomatiche; Fino a 3 settimane o più (anche 6) per i pazienti con malattia lieve o moderata.

Quando il virus non è più contagioso?

Per CDC si è contagiosi all'inizio della malattia fino a un massimo di 5 giorni. A fare un'ampia rassegna della letteratura scientifica sull'argomento è stato un articolo pubblicato sulla rivista Nature, dal quale emergono tanti dubbi e interrogativi.

Come lavare la biancheria di un positivo?

Stoviglie, posate, asciugamani e lenzuola devono essere dedicate esclusivamente alla persona malata. Devono essere lavate spesso con acqua e detersivo a 60-90 °C. Le superfici toccate frequentemente dalla persona malata devono essere pulite e disinfettate ogni giorno.

Cosa succede se prendo la Tachipirina con il Covid?

Pertanto non vi è alcuna evidenza scientifica che il paracetamolo, a dosaggi terapeutici, riduca in maniera significativa le “scorte” di glutatione né possa peggiorare il decorso clinico dell'infezione da COVID-19.

Che tipo di tosse si ha con il Covid?

La tosse secca del Covid inizia a essere produttiva e il muco che nell'influenza è tipicamente di colore chiaro e trasparente inizia a «colorarsi». Sono tutti segnali di una sopraggiunta infezione batterica, cosa che può essere molto frequente in questo periodo.

Cosa fare per guarire velocemente dal Covid?

L'attività fisica è una parte importante della guarigione dal COVID-19. La maggior parte delle persone con sintomi lievi può iniziare un'attività leggera, come una passeggiata, non appena si sente abbastanza bene. Se avete avuto sintomi moderati, parlatene con il vostro medico prima di riprendere l'attività fisica.

Quanto dura in genere il Covid?

Veri e propri strascichi del Covid difficili da mandare via. La maggior parte delle persone che hanno contratto il Covid-19 riesce a recuperare completamente entro due mesi. Alcuni, invece, continuano a presentare disturbi e manifestazioni cliniche per più tempo.

Come si fa a capire se si è guariti dal coronavirus?

Per essere certi che sia svanita anche la contagiosità, occorre un ulteriore passaggio. «Il paziente guarito è colui che ha superato i sintomi da Covid-19 e che risulta negativo a due test consecutivi per la ricerca di Sars-CoV-2», è quanto indicato dal Consiglio Superiore di Sanità.

Quanti tamponi per essere guariti?

È comunque sempre possibile terminare l'isolamento con un tampone molecolare di guarigione (in questo caso va richiesto dal proprio medico). Con un tampone negativo di guarigione termina di fatto l'isolamento e si può rientrare in comunità.

Come si presenta il raffreddore da Covid?

La rinite del SARS-CoV-2 frequentemente si associa a sintomi quali tosse, mal di gola intenso, febbre alta, malessere generale e, più di rado, difficoltà respiratoria.

Articolo precedente
Dove piantare un vigneto?
Articolo successivo
Cosa succede se muore il tutore?