La tabella del dolore di un tatuaggio: quali sono le zone del corpo più dolorose

In quale parte del corpo fa più male il tatuaggio?

Domanda di: Kociss Greco  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.1/5 (39 voti)

Generalmente, le aree più sensibili del corpo sono le più dolorose da tatuare, e fra queste rientrano: Piedi. Mani e dita. Ascelle.

A cosa è paragonabile il dolore di un tatuaggio?

Le persone spesso paragonano la sensazione del tatuaggio a quella di una scottatura solare bollente che viene graffiata da un gatto, ma varia da persona a persona e dalla soglia del dolore di ognuno.

Dove è meglio fare il primo tatuaggio?

Il primo tatuaggio consigli: dove farlo

Se avete paura del dolore i punti meno dolorosi sono le scapole e la zona lombare quelli più sensibili l'addome, le zone interne degli arti e lo sterno. Il tatuaggio è un marchio, un simbolo per questo è importante scegliere con attenzione la zona dove farlo.

Come non soffrire tatuaggio?

I sei consigli preziosi per ridurre il dolore
  1. Non bere alcolici. ...
  2. Bere molta acqua. ...
  3. Fare un pasto completo. ...
  4. Dormire sufficientemente la notte precedente alla seduta. ...
  5. Fare piccole pause durante l'esecuzione del tattoo. ...
  6. Trovare un modo per ignorare il dolore.

Cosa non tatuarsi mai?

Tatuaggi, le 5 parti del corpo da evitare (se non volete che l'inchiostro sbiadisca in fretta)
  • Il palmo della mano.
  • Il dorso delle mani.
  • I piedi.
  • I gomiti.
  • Le ascelle e la parte interna del braccio.
  • Come prevenire lo sbiadimento.
  • Leggi le altre schede.

Trovate 16 domande correlate

Cosa non fare il giorno prima del tatuaggio?

La pelle non deve essere troppo abbronzata prima di un tatuaggio, perché spesso è anche più sensibile e disidratata, inoltre non è possibile fare il tatuaggio in presenza di arrossamenti o irritazioni causate dal sole o lampade abbronzanti. Non consumare dosi eccessive di caffeina. Non assumere alcol né droghe.

Qual è il periodo migliore per fare un tatuaggio?

Per prima cosa, inverno e autunno sono le stagioni migliori per concentrarsi. Non fa caldo, non si suda e il tatuatore può lavorare con maggiori confort e concentrazione. Nei mesi freddi, inoltre, il tatuaggio guarisce in condizioni migliori.

Quanti giorni deve essere coperto il tatuaggio?

In ogni caso, assicuratevi di usare una pellicola che sia traspirante e toglietela il mattino seguente. Questo vale solo per le prime tre notti dal giorno del tatuaggio. Se l'artista ha utilizzato una pellicola adesiva specifica per tatuaggi, tenetela per le prime 48 ore.

Quante ore ci vogliono per fare un tatuaggio?

Domande e Risposte: Quante ore ci vogliono per eseguire un tattoo? Per eseguire un lavoro della misura di una spanna di altezza impiego circa dalle 3 alle 5 ore. Dipende poi dal tipo di immagine da riprodurre soprattutto dai particolari che la caratterizzano.

Come ci si sente dopo aver fatto un tatuaggio?

La parte tatuata può risultare indolenzita per alcune ore/giorni dopo il tatuaggio: a seconda delle dimensioni e del tipo di disegno eseguito, il tempo può variare da poche ore a un paio di giorni. Subito dopo la seduta la pelle può essere irritata, arrossata e gonfia.

Cosa non fare con tatuaggio appena fatto?

Non esporsi al sole o a lampade abbronzanti. Evitare di immergersi nell'acqua durante tutto il periodo di guarigione. Meglio fare docce veloci, evitare i bagni nella vasca e nuotate in piscina o in mare. Secondo gli esperti l'acqua potrebbe essere sporca ed esporre la pelle al rischio di attacchi batterici.

Come ci si sente dopo un tatuaggio?

Il giorno in cui ti sei fatto il tatuaggio la zona è arrossata, un po' gonfia e sensibile. Potresti provare anche una leggera sensazione di dolore, come quando ti scotti al sole. Nelle prime 48 ore è molto difficile capire se si sta sviluppando o meno un'infezione, quindi resta tranquillo.

Quando il tatuatore sbaglia?

Il tatuatore potrà essere citato a pagare un risarcimento il cui ammontare sarà quantificato dal giudice, sulla base dell'entità del danno. Il cliente potrà: farsi assistere legalmente da un avvocato; rivolgersi a un medico legale che possa quantificare il danno.

Cosa bisogna fare prima di fare un tatuaggio?

le 5 COSE DA FARE prima di un tatuaggio:
  • 1 > dormi abbondantemente. ...
  • 2 > una bella doccia profumata. ...
  • 3 > depilare la zona da tatuare. ...
  • 4 > portati una merenda calorica. ...
  • 5 > porta con te un antidolorifico. ...
  • 1 > no alcool ne droga. ...
  • 2 > no ai vestiti stretti e/o bianchi. ...
  • 3 > no alla pelle abbronzata o irritata da dermatiti o ferite.

Come togliere i peli prima del tatuaggio?

Esistono tre modi principali per rimuovere i peli non desiderati: – Rimuoverli con il rasoio o lametta. In questo caso la depilazione deve essere effettuata il giorno precedente alla seduta di tatuaggio, prestando la MASSIMA ATTENZIONE a non procurarsi tagli o ferite.

Chi non può fare un tatuaggio?

Controindicazioni e situazioni in cui tatuarsi è sconsigliato
  • Fotosensibilità
  • Malattie della pelle.
  • Nevi o altre lesioni pigmentate nell'area da tatuare.
  • Predisposizione ad allergie.
  • Diabete.
  • Anomalie cardiache.
  • Condizioni immunosoppressive o malattie che predispongono alle infezioni.
  • Epilessia.

Quando il tatuaggio brucia?

In terzo luogo, durante il processo di guarigione del tessuto cutaneo lesionato dopo il tatuaggio, i soggetti tatuati spesso avvertono prurito e bruciore e, grattandosi, rischiano di inoculare i microrganismi, infettando la zona tatuata.

Perché non si fanno i tatuaggi in estate?

I raggi solari, formati anche da raggi ultravioletti, sono i responsabili principali di un tatuaggio sbiadito perché possono disidratare la pelle e opacizzarla in modo permanentemente.

Quanto dura la febbre da tatuaggio?

Queste manifestazioni rappresentano i segni e sintomi tipici del processo di rigenerazione della pelle e tendono a diminuire spontaneamente nell'arco di 1-2 settimane. Vanno quindi monitorati, ma non devono preoccupare.

Dove fare il primo tatuaggio donna?

Spesso, chi vuol fare il primo tatuaggio e ha paura di soffrire chiede consiglio su quale zona del corpo scegliere. Il suggerimento è di prediligere il polso, la caviglia, il polpaccio, la spalla e l'esterno dell'avambraccio e della coscia.

Come si fa a capire se un tatuatore è bravo?

Solitamente, gli shop di un bravo tatuatore sono ben allestiti e dotati di tutte le attrezzature necessarie. Inoltre, anche a prima vista, trasmettono sia una sensazione di pulizia che di privacy. Mai fidarsi di posti sporchi e malmessi perché si potrebbero avere brutte sorprese.

Cosa succede se si graffia un tatuaggio?

Se il taglio o l'abrasione sono lievi, quindi, è sufficiente prendersi cura dell'area tatuata come si farebbe con lesioni analoghe presenti in punti del corpo privi di tattoo, soprattutto se non ci sono significative perdite di sangue che inducano a sospettare il coinvolgimento del derma sottocutaneo.

Cosa succede quando cancelli un tatuaggio?

Si rischiano cicatrici e lesioni cutanee. Faccia rimuovere il suo tatuaggio soltanto da un medico, l'ideale sarebbe da un dermatologo. I medici dispongono di laser più performanti degli offerenti negli istituti di bellezza o degli studi di tatuaggi.

Dove va a finire l'inchiostro dei tatuaggi?

I pigmenti di inchiostro hanno dimensioni troppo elevate per poter essere assorbiti dai globuli bianchi. Proprio per questo motivo i pigmenti rimangono all'interno della pelle. Alcune piccole particelle vengono rimosse, ma la maggior parte rimane nel derma in forma permanente.

Perché chi si tatua può donare il sangue?

Tatuaggi, piercing e anche il buco al lobo dell'orecchio perforano la pelle e aprono la strada agli organismi che causano malattie come l'HIV e l'epatite B e l'epatite C: infezioni virali che possono essere trasmesse attraverso la contaminazione del sangue sugli aghi usati nei tatuaggi e piercing.

Articolo successivo
Per chi tifa Giorgetti?