Come fare una tettoia, tra pertinenza e permesso di costruire

Quali sono le tettoie senza permesso?

Domanda di: Rocco Giuliani  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.6/5 (28 voti)

Le tettoie per auto non richiedono permessi e autorizzazioni se identificate come strutture rimovibili. Infatti, in linea generale, rientrano nell'edilizia libera tutte le strutture temporanee, a patto che soddisfino requisiti specifici. Vengono valutate le dimensioni, la solidità e la permanenza della struttura.

Quando si può costruire una tettoia senza permesso?

Se la tettoia può essere facilmente rimovibile, non costituisce trasformazione urbanistica del territorio e non è fissata a nulla (Consiglio di Stato, sez. V, n. 6193 del 7 novembre 2005) è idonea alla costruzione senza permessi.

Quando una tettoia non è abusiva?

Solo le tettoie di modestissime dimensioni, che coprono ad esempio lo spazio strettamente necessario a non farsi bagnare dalla pioggia quando si apre la porta di casa, possono essere eseguite liberamente. Diversamente la tettoia è abusiva quando sia dimensioni oggettivamente notevoli, anche se facilmente smontabile.

Come coprire una tettoia senza permessi?

In pratica, una copertura appoggiata ma non ancorata al pavimento, anche se composta da pannelli che richiedono dei binari di scorrimento, si può montare senza permessi. Un'altra possibilità è quella di installare una struttura metallica ancorata alla parete e/o al soffitto, che sorregge un telo di copertura.

Cosa si intende per tettoia rimovibile?

Le tettoie amovibili

Se si tratta di una semplice struttura aperta, con una copertura mobile, non è richiesto alcun tipo di permesso. Se invece il pergolato viene chiuso con pannelli, risultando a tutti gli effetti una copertura fissa, è necessario chiedere i permessi al proprio comune di riferimento.

Trovate 36 domande correlate

Quando una tettoia è un abuso?

Quando una tettoia è abusiva? Una tettoia o una qualsiasi tipologia di copertura esterna viene considerata abusiva se il Comune non ha concesso il permesso a costruire.

Quando una tettoia va accatastata?

Le tettoie restano un sogno proibito: chi decide di realizzare una superficie coperta sul terrazzo, anche se può fare a meno del permesso del condominio, deve sempre chiedere l'autorizzazione al Comune e procedere all'accatastamento del manufatto.

Cosa si intende per tettoia aperta?

La tettoia è una struttura aperta su tre lati, con la conseguenza che, sul quarto lato, può poggiare anche su una struttura del fabbricato.

Quali strutture non necessitano di permessi?

Da questo punto di vista è confermata la possibilità di eseguire senza dover richiedere nessun tipo di permesso operazioni quali installazione, sostituzione, riparazione o rinnovamento di ascensori e montacarichi, rampe, servoscala, sanitari, impianti igienici idro-sanitari e dispositivi sensoriali.

Che permessi ci vogliono per fare una tettoia?

Per la costruzione di una qualsiasi tettoia bisogna quindi avere obbligatoriamente il permesso a costruire da parte del Comune di pertinenza, in caso contrario si effettua un abuso edilizio.

Quando va in prescrizione un abuso edilizio?

Trattandosi di una contravvenzione (cioè di un reato minore) l'abuso edilizio si prescriverà in quattro anni (che diventano cinque in caso di presenza di atti interruttivi). Il reato di abuso edilizio è un reato permanente, pertanto va individuato il giorno a partire dal quale si computa la prescrizione.

Che differenza c'è tra tettoia e pergolato?

La diversità strutturale tra pergolato e tettoia è rilevabile dal fatto che, mentre il pergolato costituisce una struttura aperta sia nei lati esterni che nella parte superiore ed è destinato a creare ombra, la tettoia può essere utilizzata anche come riparo ed aumenta l'abitabilità dell'immobile.

Quanti metri dal confine per costruire tettoia?

Se ci sono le tettoie, la distanza minima di 3 metri, che deve sempre esserci, si calcola non dalla muratura delle due abitazioni, ma dall'ultimo centimetro delle tettoie.

Quanto può sporgere una tettoia in legno?

Tali tettoie non dovranno avere altezza superiore a m 3,50 e superficie coperta, intesa come proiezione della copertura, compresi aggetti e sporgenze, non superiore a mq 40 (il tetto dovrà sporgere dai pilastri di almeno m 1,00).

Quanto costa la sanatoria di una tettoia?

Sanare una veranda costruita senza permesso, o in costruzione senza aver richiesto permesso, si aggira tra i 60 e i 150 euro al metro quadrato, in funzione della tipologia dell'abuso, la sanzione va pagata per accompagnare la richiesta di condono.

Come sanare un abuso edilizio tettoia?

Per poter avere il permesso di sanatoria di una veranda, una tettoia o un pergolato un gazebo in giardino abusivo, bisogna incaricare un tecnico abilitato che ha il compito di calcolare la sanzione e presentare un'istanza al Comune, che entro sessanta giorni deve esprimere parere favorevole e accogliere la domanda o ...

Che permessi ci vogliono per una casetta in legno?

PERMESSI CASETTA IN LEGNO: SERVE IL PERMESSO COMUNALE ? Con riferimento specifico ai permessi casetta in legno, una casetta di piccole dimensioni variabili in base al comune dai 6 ai 20 mq rientra nell'edilizia libera pertanto necessitano di una semplice comunicazione d'installazione.

Quando il pergolato non richiede autorizzazioni del Comune?

Quando la struttura superiore del pergolato è costituita da elementi facilmente amovibili, come piante rampicanti (per quanto fissate su una grata di legno), non è necessaria l'autorizzazione del Comune.

Quali permessi per un pergolato?

Per le pergole non sono richiesti permessi edilizi

Le pergole rientrano all'interno delle opere di edilizia libera. Si tratta di strutture facilmente rimovibili che non modificano il luogo in cui vengono installate.

Quando la tettoia è una pertinenza?

La tettoia non costituisce pertinenza

Per le stesse caratteristiche di ingombro e dimensioni, deve escludersi che tale stabile trasformazione dell'assetto edilizio preesistente in termini di sagoma, volume e superficie potesse integrare una «pertinenza» in senso urbanistico.

Come mettere a posto una tettoia abusiva?

Per poter avere il permesso di costruire per sanare una tettoia abusiva e fare una sanatoria, bisogna incaricare un tecnico abilitato che ha il compito di calcolare la sanzione e presentare un'istanza al Comune, che entro sessanta giorni deve esprimere parere favorevole e accogliere la domanda o negarla.

Quanto deve essere inclinata una tettoia?

Per le coperture fisse esistono le seguenti indicazioni in base al tipo di materiale: policarbonato compatto – ha una pendenza minima di circa il 5%; tegola canadese – ha una pendenza minima del 10/12%; coppo – ha una tendenza minima del 10%.

Quanto può essere grande una tettoia?

In linea generale, con riferimento alle indicazioni fornite dal Testo Unito dell'Edilizia e dalle indicazioni giurisprudenziali, una tettoia, per poter essere costruita senza bisogno di permesso di costruire, non deve essere superiore al 20% del volume dell'unità principale, deve essere aperta sui tre lati (quello ...

Cosa rischia chi denuncia un abuso edilizio?

- ammenda fino a 10.329 euro, prevista per l'inosservanza delle norme, delle prescrizioni e delle modalità esecutive previste dalla legge; - arresto fino a due anni e ammenda da 5.164 a 51.645 euro nei casi in cui i lavori siano stati eseguiti in totale difformità o in assenza dei permessi previsti.

Quanto è la multa per un abuso edilizio?

c) l'arresto fino a due anni e l'ammenda da 15.493 euro a 51.645 euro nel caso di Lottizzazione abusiva di terreni a scopo edilizio.