🔴 Come gestire un cliente arrabbiato

Quando un cliente si lamenta?

Domanda di: Dott. Vienna Fontana  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.4/5 (13 voti)

Quando un cliente si lamenta, di solito è arrabbiato e si sente frustrato perché c'è qualcosa che non va bene. Si lamenta con te perché pensa che tu debba risolvergli il problema. Ignorare la sua rabbia e sottovalutare il suo nervosismo è un grave errore. Ignorare la rabbia dei clienti fa solo peggiorare le cose.

Cosa fare quando un cliente si lamenta?

Un'azienda con clienti insoddisfatti non potrà mai crescere.
...
  1. Mantieni la calma. ...
  2. Ascolta. ...
  3. Sii gentile. ...
  4. Conferma di aver riconosciuto il problema. ...
  5. Chiedi scusa e ringrazia. ...
  6. Fai domande. ...
  7. Agisci rapidamente. ...
  8. Fai follow-up.

Come rispondere alle lamentele di un cliente?

Gentile cliente, La ringraziamo per la sua e-mail odierna relativa alla segnalazione di ………………….. ………………………………………………………………………………………………………… La informiamo che abbiamo accolto il suo reclamo e che lo stiamo trattando con il sig. ………………………………….., responsabile dell'area………………………………………….

Qual è il modo corretto di gestire un cliente che presenta un reclamo?

Fai domande, e ascolta le risposte

· dimostrare cura e attenzione nei confronti del cliente; · confermare o chiarire la natura del reclamo; · ottenere indicazioni sulle possibili soluzioni. Ricorda però: oltre a fare domande, devi anche dare spazio alle risposte – e ascoltarle davvero.

Come rispondere a un cliente non soddisfatto?

Come gestire un reclamo: 7 frasi d'oro per rispondere ad un cliente arrabbiato
  1. Grazie per averci contattato. ...
  2. Anche io sarei deluso. ...
  3. Verifico subito, attenda per favore. ...
  4. Può darmi qualche informazione in più? ...
  5. Posso sicuramente aiutarla. ...
  6. Non possiamo esaudire la sua richiesta, ma in alternativa possiamo…

Trovate 23 domande correlate

Cosa non dire mai a un cliente?

Vediamo cosa NON devi assolutamente dire ai tuoi clienti che stanno chiedendo aiuto per un problema.
  1. "Dammi un pò di tempo per capire di che cosa si tratta..." ...
  2. "Sfortunatamente, no..." ...
  3. "Non posso aiutarti su questo fronte." ...
  4. "In realtà, non è proprio così..." ...
  5. "Hai capito male." ...
  6. "Mi dispiace..."

Cosa fare con un cliente arrabbiato?

Come gestire i clienti arrabbiati
  1. Migliorate le vostre capacità di ascolto attivo. ...
  2. Siate i primi a chiedere scusa. ...
  3. Mostrate empatia. ...
  4. Non perdetevi d'animo. ...
  5. Non prendete nulla sul personale. ...
  6. Chiamate il cliente per nome. ...
  7. Rimanete positivi e fornite sempre una soluzione. ...
  8. Mantenere la conversazione sui fatti.

Quale lamentela non può essere considerato un reclamo?

Non sono considerati reclami le richieste di informazioni e di chiarimenti, le richieste di risarcimento danni o di esecuzione del contratto.

Come rispondere ad un cliente maleducato?

Ora esploriamo cinque strategie per trattare con clienti maleducati:
  1. Stai calmo, non reagire. La prima cosa da fare è rimanere calmi e non rispondere a tono. ...
  2. Non prenderla sul personale. ...
  3. Ascolta e, se appropriato, chiedi scusa. ...
  4. Rimani saldo. ...
  5. Risolvi il problema.

Come si conclude un reclamo?

Il procedimento del reclamo si conclude con ordinanza non impugnabile, che deve essere emanata entro il termine di 20 giorni dal deposito del ricorso e per mezzo della quale si conferma, modifica o revoca la domanda cautelare.

Come dire lamentele?

doglianza, lagnanza, lamento, protesta, (lett.) querela, (lett.) querimonia, reclamo, recriminazione, rimostranza.

Come si scrive una lamentela?

L'autore di questa risposta ha richiesto la rimozione di questo contenuto.

Come presentare un reclamo?

Occorre descrivere in maniera precisa e puntuale il disservizio riscontrato e l'eventuale danno subito; la richiesta che si intende avanzare al destinatario; il termine entro il quale il destinatario deve provvedere ad esaudire la richiesta.

Come gestire dei clienti insoddisfatti o arrabbiati?

Essere disposti a scusarsi

Così facendo l'interlocutore, oltre a cambiare percezione e punto di vista, si meglio dispone nei confronti dell'interlocutore. Attenzione: scusarsi non significa dare ragione al cliente, ma dispiacersi della criticità che sta vivendo e il primo passo per comunicare empatia!

Come si approccia un cliente?

  1. Accogli il cliente con un sorriso e con prontezza. Ricorda sempre che il cliente vuole ricevere un saluto adeguato e, soprattutto, vuol vedere un sorriso. ...
  2. Fai domande. ...
  3. Vestiti in modo professionale. ...
  4. Riconosci i tuoi clienti rapidamente. ...
  5. Mostra il prodotto. ...
  6. Saluta, ringrazia e raccogli dati.

Come si deve parlare con un cliente?

Relazionarsi con i clienti con cinque accorgimenti
  1. Ascolta il tuo cliente. ...
  2. Fai domande. ...
  3. Seguilo nella direzione in cui vuole andare. ...
  4. Non fregare il tuo cliente e sii sincero. ...
  5. Ripeti le informazioni.

Come si identifica un cliente difficile?

I clienti difficili si palesano in diverse forme. Ci sono quelli che pagano sempre in ritardo e parlano sempre male degli altri fornitori, e ci sono quelli che non sono in grado di spiegarsi e che pretendono però un trattamento speciale.

Come convincere i clienti a comprare?

Bisogna, infatti, imparare ciò che conta per lui. E per farlo, devi convincere il tuo cliente a dirtelo.
...
È importante tenere a mente 3 punti fondamentali:
  1. Fai una buona impressione. Sii puntuale e vestiti in modo professionale. ...
  2. Mostra la tua competenza. ...
  3. Sfrutta casi studio e testimonianze.

Come mantenere la calma con i clienti?

Parla lentamente senza alzare la voce.

Le emozioni sono contagiose. Abbassando il tono e parlando lentamente, dimostrerai calma e controllo della situazione. Questo atteggiamento è importante soprattutto se il cliente è furioso e parla ad alta voce. È meglio non fare niente che possa aggravare la situazione.

Quanto tempo ho per fare reclamo?

La risposta scritta motivata al reclamo deve essere inviata al cliente entro 30 giorni solari dal giorno in cui il venditore ha ricevuto il reclamo scritto. Questo termine vale anche se, per poter rispondere, il venditore deve richiedere alcuni dati tecnici ad altri soggetti.

Come segnalare un disservizio?

Contatti per segnalazioni
  1. Fastweb. Privati: 192193. Piccole imprese: 192194. Medie imprese: 800.199.988.
  2. Vodafone. Privati: 190. Aziende: 42323.
  3. TIM. Privati 187. Aziende 191.
  4. H3G. Privati: 133.
  5. Wind Tre. Privati 155. Aziende 1928.
  6. Poste Mobile. 160. Tiscali. 130. Cosa fare se il guasto non viene riparato nei tempi.

Cosa vuol dire reclamo formale?

Protesta formale che si avanza verbalmente o per iscritto quando si ritiene di essere stati vittime di un'ingiustizia o di un danno: presentare, inoltrare un r.

Cosa dire ad un cliente arrabbiato?

La prima cosa da fare per gestire un cliente arrabbiato è ascoltare le sue ragione e solo dopo parlargli in modo chiaro, cordiale e disponibile. Riempirlo di domande o rivolgersi a lui in maniera autoritaria, al contrario, sono errori da non commettere.

Cosa dire a chi è arrabbiato?

Scopri perché la persona è arrabbiata.

Prova a dire qualcosa come: "Mi dispiace molto che tu stia così. Puoi spiegarmi meglio quello che è successo?". Se la persona è arrabbiata con te e non ti è chiaro il motivo, puoi scrivere: "Potresti dirmi che cosa ho fatto o detto per offenderti in questo modo?

Come trattare con il cliente aggressivo?

Il cliente aggressivo, si aspetta qualcosa da te: un'arrabbiatura, un attacco o un insulto. Non rispondere alle provocazioni con altri attacchi altrimenti l'unico effetto sarà quello di esasperare il conflitto e non di arginarlo. Non perdere la calma, non lasciarti coinvolgere emotivamente e rispondi con cortesia.

Articolo precedente
Cosa fa la tachipirina al feto?
Articolo successivo
Quanto costa fare mani e piedi?