Sedazione cosciente endovenosa e iatrosedazione in pz ansioso/fobico

Cosa si prova durante la sedazione?

Domanda di: Maria Giordano  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.2/5 (57 voti)

Spesso mi viene chiesto cosa il paziente prova durante la sedazione: una piacevole sensazione di leggerezza e di completo benessere pur rimanendo perfettamente cosciente. Le paure e le tensioni si trasformano in una sensazione di sicurezza, il tempo passa molto rapidamente e si hanno pensieri piacevoli.

Cosa sente un paziente sedato?

Cosa si prova durante la sedazione? Le sensazioni del paziente variano molto in base alla quantità e al mix di farmaci utilizzati, per cui possono variare da un semplice stato di ottundimento e sopore fino a un sonno profondo in cui il paziente non è risvegliabile alla chiamata.

Cosa si sente con la sedazione profonda?

La sedazione profonda prevede l'alterazione della coscienza del paziente con perdita dello stato di veglia e conseguente addormentamento, questo si traduce in un'alterata risposta agli stimoli verbali, che risulta molto confusa o nella maggior parte dei casi del tutto assente.

Come viene effettuata la sedazione?

La sedazione si pratica tramite un ago cannula inserito endovena, che serve per la somministrazione dei farmaci. Durante la sedazione vengono costantemente monitorati i parametri vitali: frequenza cardiaca, pressione arteriosa, frequenza respiratoria, saturazione in Ossigeno.

Cosa NON fare prima della sedazione?

Cosa deve fare prima di essere sottoposto a sedazione analgesia? Il digiuno è importante perchè durante la sedazione, specialmente se profonda, possono diminuire i riflessi protettivi delle vie aeree. Il contenuto dello stomaco può passare nei polmoni e provocare danni molto gravi.

Trovate 16 domande correlate

Come ci si sente dopo sedazione?

Dopo la Procedura

Al termine delle procedure eseguite in anestesia cosciente, è consuetudine che il paziente si senta lievemente assonnato e confuso, abbia un leggero mal di testa e avverta un malessere allo stomaco. Tutte queste sensazioni sono passeggere e svaniscono nelle ore successive alla pratica anestetica.

Quante ore dura la sedazione?

La durata della sedazione palliativa dipende sostanzialmente dalle condizioni del paziente e può variare da un caso all'altro. Può essere praticata per un periodo di qualche giorno, fino ad arrivare a settimane o mesi.

Che differenza c'è tra anestesia e sedazione?

Se nell'anestesia locale il Paziente non sente più nulla nell'area interessata, con la sedazione cosciente tutto il corpo si rilassa e il Paziente entra in una fase di tranquillità fisica e mentale, rimanendo sveglio e rispondendo agli stimoli del Medico ma senza sentire dolore.

Chi non può fare la sedazione?

Non solo, anche in caso di difficoltà respiratorie, forti raffreddori, bronchiti croniche, sarebbe meglio evitare in quanto potrebbe essere difficile praticare la sedazione. Fra le controindicazioni rientrano anche altre malattie gravi come broncopolmoniti acute, enfisema, sclerosi multipla, miastenia, ecc.

Quando si arriva alla sedazione?

una malattia inguaribile allo stato avanzato; la morte imminente, attesa entro poche ore o pochi giorni; la presenza di uno o più sintomi refrattari o eventi acuti terminali con sofferenza intollerabile per il paziente; il consenso informato del paziente.

Quali sono i sintomi prima della morte?

Come riconoscere la prossimità della morte
  • Condizioni generali: grave astenia, febbre, insonnia, allettamento.
  • Respirazione: pause respiratorie, rantoli, dispnea, tosse.
  • Disfunzioni urinarie: incontinenza, ritenzione urinaria, anuria.
  • Dolore: contrazioni, spasmi.

Quanti tipi di sedazione ci sono?

Ci sono questi tipi di sedazione: Sedazione conscia, cosciente o vigile in cui la risposta ai comandi verbali è presente e congrua. Sedazione profonda in cui la risposta ai comandi verbali è torpida, incongrua o assente, ma è evocabile quella riflessa agli stimoli nocicettivi.

Come riconoscere gli ultimi istanti di vita?

Lo stato di coscienza può ridursi. Gli arti diventano freddi, talvolta bluastri o chiazzati. Il respiro può farsi irregolare. Nelle ultime ore, possono subentrare uno stato confusionale e sonnolenza.

Cosa fanno i sedativi?

Sedativi Ipnotici: quali sono?
  • Barbiturici. I barbiturici costituiscono la prima tipologia di farmaci sedativi ipnotici a essere stati utilizzati. ...
  • Benzodiazepine. ...
  • Z drugs o farmaci Z. ...
  • Agonisti del recettore MT1 della Melatonina. ...
  • Melatonina. ...
  • Cloralio idrato.

Quanto costa una sedazione?

Costo della sedazione cosciente

Il costo, in media, per avere l'assistenza di un medico anestesista che effettui una sedazione cosciente dal dentista può variare tra i 500 e i 1000 euro a seconda della durata dell'intervento e delle eventuali complessità del caso specifico da affrontare.

Quanto tempo ci vuole per smaltire la sedazione profonda?

I tempi di smaltimento sono molto brevi (circa 2 o 3 ore). Il paziente può, comunque, avvertire qualche fastidio (nausea, vertigini, etc.) o lieve dolore alla parte interessata (da trattare con farmaci antidolorifici).

Cosa precede la morte?

Dal punto di vista medico per agonia si intende il progressivo spegnersi delle funzioni vitali che si verifica nel periodo di tempo immediatamente precedente la morte in tutti quei casi, e sono la grande maggioranza, in cui essa non colga l'individuo all'improvviso.

Quanto dura il rantolo della morte?

Quanto dura il rantolo della morte

Questo particolare suono non provoca però alcun dolore nel malato. Esso può però continuare per ore e significa che la morte è ormai imminente. Si tratta infatti di una questione di ore oppure di giorni prima che si arrivi al decesso.

Quando inizia il rantolo?

I rantoli compaiono in seguito ad atelettasia e a processi che comportano il riempimento degli alveoli (come l'edema polmonare). Inoltre, rientrano tra i segni della patologia interstiziale del polmone (es. fibrosi polmonare).

Cosa non dire ad un malato terminale?

No dire “lo so come ti senti” perché è impossibile per una persona sana capire quello che il paziente sta passando. Non suggerire che lo stile di vita passato del paziente possa essere la causa della malattia, anche nel caso che possa avere realmente contribuito. Non chiedere informazioni a riguardo della prognosi.

Qual è la malattia più dolorosa al mondo?

La manifestazione oggettivamente più dolorosa è il cancro, soprattutto quando colpisce alcuni organi o parti del corpo.

Cosa sente malato terminale?

Si parla di sintomi fisici quando vengono riscontrati nel malato terminale sintomi quali: perdita di autonomia, inappetenza, dolore, nausea/vomito e fatica a respirare. Stati di confusione, agitazione o sopore sono invece riconducibili a sintomi psichici.

Come sono gli ultimi giorni di un malato terminale?

Negli ultimi giorni, quasi la metà dei malati terminali è in stato di incoscienza per la maggior parte del tempo. Se i familiari credono che il paziente in stato di incoscienza sia comunque in grado di sentire, possono stargli vicino e parlargli.

Come si chiama l'ultimo respiro prima della morte?

Prima del decesso, si può notare un cambiamento nel modello di respirazione della persona. Possono verificarsi periodi di respirazione rapida seguiti da brevi periodi di mancata respirazione. Questo fenomeno è noto come respirazione Cheyne-Stokes ed è molto comune in fin di vita.