Diritti e Doveri dei Lavoratori | Lavoro istruzioni per l'uso

Quali sono le tutele dei lavoratori?

Domanda di: Ing. Samira Giuliani  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.2/5 (75 voti)

I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria. Gli inabili ed i minorati hanno diritto all'educazione e all'avviamento professionale.

Quali sono i 3 obblighi fondamentali dei lavoratori?

Civ., impone al lavoratore il rispetto degli obblighi di diligenza, obbedienza e fedeltà.

Quali sono i diritti dei lavoratori riassunto?

In Italia la Costituzione riconosce ai lavoratori i seguenti diritti fondamentali: Retribuzione, proporzionata in base alla qualità e alla quantità del lavoro svolto; giornata lavorativa: limite massimo di otto ore; riposo settimanale e ferie annuali.

Qual è l'obbligo che i lavoratori?

I doveri del lavoratore che nascono in seguito alla stipula di un contratto lavorativo sono principalmente tre: il dovere di diligenza, il dovere di obbedienza e l'obbligo alla fedeltà. Se non vengono rispettati ci possono essere sanzioni disciplinari proporzionate alla gravità della situazione.

Quali tutele sono previste dal Testo Unico per i lavoratori che effettuano le loro attività a distanza mediante connessione telematiche?

Per i lavoratori che effettuano le loro attività a distanza e presso il proprio domicilio, mediante connessioni telematiche, si applicano le tutele previste nel Titolo VII per le attività con videoterminali.

Trovate 23 domande correlate

Chi deve tutelare il lavoratore?

sicurezza sul lavoro: il datore di lavoro deve attuare le misure necessarie a tutelare la salute e l'integrità fisica del lavoratore, nel rispetto di quanto previsto dal Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro (D. Lgs. n. 81/2008, integrato e corretto dal D.

Che responsabilita A il lavoratore?

Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro.

Quali sono i due obblighi di legge previsti per i lavoratori?

I doveri principali del lavoratore dipendente sono tre: l'obbligo di diligenza, l'obbligo di obbedienza, l'obbligo di fedeltà e riservatezza.

In quale caso il lavoratore può essere sanzionato?

La norma e la giurisprudenza, parlano di sanzioni sia a livello pecuniario che penale, nel momento in cui sia provato che il comportamento del lavoratore sia difforme alle direttive aziendali in termini di prevenzione e sicurezza.

Quale obbligo non ha il datore di lavoro?

Come anticipato, gli obblighi non delegabili del datore di lavoro sono solo due, per essere precisi: La valutazione dei rischi e la conseguente redazione del DVR.

Qual è il più importante diritto di un lavoratore?

Tra i diritti del lavoratore quello più importante concerne la sicurezza sul lavoro, considerato che la salute è un diritto fondamentale dell'individuo ed interesse della collettività (art. 32 Cost.).

Cosa spetta a un lavoratore dipendente?

E' l'art. 36 della nostra Carta Costituzionale, infatti, a sancire che il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità ed alla qualità del lavoro svolto, che dovrà essere sufficiente ad assicurare per sé e per la sua famiglia un'esistenza libera e dignitosa.

Dove si trovano i diritti dei lavoratori?

Si definisce Statuto dei Lavoratori la Legge 20 maggio 1970 n. 300, che reca “Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell'attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento”.

Chi difende i diritti dei lavoratori?

I sindacati nell'ordinamento italiano sono associazioni di privati. Una delle funzioni fondamentali di tali associazioni è la trattativa con i rappresentanti dei datori di lavoro sui contratti collettivi di categoria in occasione del rinnovo.

Quali sono le misure generali di tutela?

2087 del Codice civile pone al datore, come “obbligo principale”, il dovere di adottare nell'esercizio dell'impresa, le misure generali di tutela che, secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei lavoratori.

Quali sono i miei diritti?

Quali sono i diritti del cittadino

Fanno parte della prima categoria la libertà personale, l'inviolabilità del domicilio, la libertà di manifestazione del pensiero. A seguire: il diritto di votare e di essere votato, il diritto al lavoro, alla salute e all'istruzione.

Cosa fare se il datore di lavoro non rispetta le limitazioni?

Il lavoratore può rivolgersi al RLS quando il Datore di Lavoro non rispetta le limitazioni indicate dal Medico Competente. Se quest'ultimo non interviene può rivolgersi direttamente al Servizio Prevenzione e Sicurezza sul lavoro della ASL territorialmente competente.

Quando il datore di lavoro può trattenere lo stipendio?

L'autore di questa risposta ha richiesto la rimozione di questo contenuto.

Quali sono le situazioni lavorative più rischiose?

Quello delle costruzioni è il settore a più alto rischio di infortuni con esito mortale e gli incidenti sul lavoro riguardano soprattutto attività di costruzione specializzate (62,2 per cento) e la costruzione di edifici (30,8 per cento).

Cosa deve garantire il datore di lavoro?

Il datore di lavoro si occupa principalmente della: corretta informazione sui pericoli presenti sul luogo di lavoro; formazione relativa alla sicurezza dei lavoratori; sorveglianza e messa in sicurezza degli ambienti di lavoro al fine di prevenire infortuni o malattie professionali dei lavoratori.

Cosa deve esserci sotto il piano di lavoro?

Sotto il piano di lavoro deve esserci spazio sufficiente per gambe, ginocchia e piedi. Lo spazio libero non va limitato da elementi portanti, traversine, canaline per i cavi. Una persona alta e magra ha bisogno di uno spazio libero di almeno 50 cm sotto il piano di lavoro per le ginocchia.

Che cosa è il preposto?

Il preposto per la sicurezza è una persona che svolge le funzioni proprie del “capo”, cioè: sovrintende alle attività lavorative svolte dai lavoratori, garantisce l'attuazione delle direttive ricevute dal dirigente o dal datore di lavoro, controlla la corretta esecuzione delle direttive stesse da parte dei lavoratori.

Quando un dipendente risponde male?

Chi risponde male al proprio datore di lavoro e si rifiuta di svolgere i compiti assegnatigli, oggi può essere licenziato per giusta causa: questa la decisione presa dalla Corte di Cassazione con la sentenza numero 22611 del 06/11/2015, che rigetta in pieno la domanda di reintegro in azienda di un operaio poco ligio al ...

Quando un dipendente sbaglia?

Errore dipendente: chi paga i danni? Secondo il Codice civile [1], «i padroni e i committenti sono responsabili per i danni arrecati dal fatto illecito dei loro domestici e commessi nell'esercizio delle incombenze a cui sono adibiti». In pratica, la legge dice che per i danni dei dipendenti paga il datore di lavoro.

Cosa succede se un dipendente rompe qualcosa?

In pratica, con la colpa del dipendente, l'azienda ha 3 soluzioni: ​chiedere il risarcimento del danno; chiedere il risarcimento del danno ed avviare il procedimento disciplinare contro il dipendente che ha causato il danno; avviare il solo provvedimento disciplinare.