Avvocato Federico Rosso - Il "Furto"

Quando non è furto?

Domanda di: Ing. Ursula Ferrari  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.9/5 (62 voti)

Non ci può essere reato di furto se la cosa mobile sottratta non appartiene ad altro rispetto rispetto all'agente. Si tratta dunque di un requisito essenziale, non solo per il furt,o ma per molte fattispecie di delitti criminosi contro il patrimonio.

Quando non si configura il furto?

Se quanto detto è esatto, non sarà configurabile come furto il mero spostamento della cosa da un luogo ad un altro, dato che tale comportamento non configura la sottrazione. Per aversi furto, infatti, si esigerà che la cosa sia trasportata in un luogo prefissato (atto di ablatio “sottrazione”).

Quando è considerato furto?

Come si vedrà, per aversi furto occorre impossessarsi di un bene mobile altrui sottraendolo a chi lo detiene legittimamente, con la precisa intenzione di trarne un profitto. Ciò significa che non si commette furto se si occupa un terreno altrui oppure se si prende una cosa di altri per mero errore.

Cosa si intende per furto semplice?

Il furto c.d. “semplice” ricorre allorquando qualcuno si impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene. E' considerata cosa mobile anche l'energia elettrica o altra energia che abbia valore economico (commette furto, ad esempio, chi abusivamente si “allaccia” alla corrente).

Quando si consuma il reato di furto?

Per questo motivo, il delitto di furto sarebbe consumato quando l'agente ha acquistato la disponibilità della cosa al di fuori dalla vigilanza della persona offesa, e non al momento della semplice sottrazione; viceversa, prima che avvenga l'impossessamento, è configurabile solo il tentativo di furto.

Trovate 32 domande correlate

Cosa succede se non denuncio un furto?

“Il pubblico ufficiale, il quale omette o ritarda di denunciare all'autorità giudiziaria, o ad un'altra autorità che a quella abbia obbligo di riferirne, un reato di cui ha avuto notizia nell'esercizio o a causa delle sue funzioni, è punito con la multa da euro 30 a euro 516.

Come si dimostra un furto?

La vittima del reato di furto o una terza persona a conoscenza del fatto di reato, può sporgere denuncia recandosi presso una qualsiasi Stazione dei Carabinieri o un qualunque Commissariato di Polizia.

Quando il furto e procedibile a querela?

Il reato di furto è procedibile a querela della persona offesa, a meno che ricorra l'aggravante dell'aver cagionato un danno di rilevante gravità (art. 61 n. 7 c.p.) o una delle aggravanti previste dall'art. 625 c.p.

Quanto durano le indagini per furto?

Quanto durano le indagini per il reato di furto? Il legislatore ha fissato i termini di durata delle indagini in 6 mesi, che decorrono dalla annotazione nel registro del reato (335). Il termine è di 1 anno per ipotesi delittuose di particolari gravità.

Come sapere se si è sotto indagini?

Per sapere se sei indagato devi avanzare istanza ai sensi dell'art. 335 del codice di procedura penale. Attraverso tale richiesta potrai scoprire se il tuo nome è presente nel registro degli indagati.

Come si fa a sapere se si è sotto indagine?

Bisogna andare in procura e depositare un'apposita istanza con la quale si chiede di avere conoscenza delle eventuali iscrizioni a proprio carico nel registro delle notizie di reato (Art. 335 cod. proc. pen.)

Quando un reato non è più perseguibile?

157 comma 1 statuisce che, la prescrizione estingue il reato decorso il tempo corrispondente al massimo della pena edittale stabilita dalla legge, e comunque, per un tempo non inferiore a sei anni se si tratta di delitto ovvero quattro anni se si tratta di contravvenzione, ancorché puniti con la sola pena pecuniaria.

Quali sono le aggravanti del furto?

Il furto è aggravato: se il colpevole usa violenza sulle cose o si vale di un qualsiasi mezzo fraudolento, in cui la minorata difesa delle cose che vengono aggredite giustifica l'aumento di pena. Per violenza sulle cose si intende il danneggiamento, la trasformazione o il mutamento di destinazione.

Cosa si intende per furto con destrezza?

Il furto con destrezza rappresenta un'aggravante del reato, che si verifica quando il ladro compie le azioni con particolari abilità, astuzia o avvedutezza. Ciò significa che la vittima viene sorpresa e non è in grado di vigilare normalmente sull'oggetto in questione.

Come annullare una denuncia di furto?

La remissione può essere presentata da lei personalmente o dal difensore munito di apposita procura speciale e può essere sia processuale che extraprocessuale. Nel primo caso, è fatta in sede di processo, nel corso del giudizio e va effettuata con le stesse forme della rinuncia espressa alla querela.

Cosa rischia chi viene denunciato per furto?

Il furto viene punito con la pena della reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 154 a 516 euro. Per quanto concerne l'ipotesi aggravata invece, viene prevista la pena della reclusione da due a sei anni e la multa da 927 a 1500 euro.

Chi accusa senza prove?

L'assenza di prove non è fonte di responsabilità per chi sporge una denuncia o una querela, a meno che questi non agisca in malafede, ossia con la consapevolezza dell'altrui innocenza. Solo in quest'ultimo caso si commette calunnia e si può essere controdenunciati dall'imputato assolto per insufficienza di prove.

Come reagire ad un furto?

Il primo passo da compiere una volta accertata l'effrazione e/o il furto è, quindi, quello di chiamare le forze dell'ordine e di sporgere denuncia recandoti dalle autorità competenti, quali polizia, carabinieri o procura della Repubblica.

Quanto costa una denuncia per furto?

L'autore di questa risposta ha richiesto la rimozione di questo contenuto.

Quando il furto diventa rapina?

Si configura il delitto di rapina quando l'impossessamento di un bene mobile altrui, condotta tipica del furto, è realizzato con violenza o minaccia alla persona, posta in essere prima dell'impossessamento, proprio al fine della sua attuazione, oppure immediatamente dopo di esso, per assicurare a sé o ad altri l' ...

Quando un furto diventa rapina?

Rapina: significato [ torna al menu ]

Il reato di rapina consiste nell' impossessamento di un bene mobile altrui, al fine di trarre un profitto realizzato mediante violenza o minaccia. Si tratta di un reato che combina elementi dei reati di furto e di violenza privata.

Quanto tempo deve passare per avere la fedina penale pulita?

In generale: DOPO 3 ANNI dalla fine della pena; DOPO 8 ANNI se sei RECIDIVO; DOPO 10 ANNI se è stata dichiarata la abitualità, la professionalità o la tendenza a delinquere. SE HAI PAGATO le spese processuali e gli obblighi risarcitori (quanto dovevi alle vittime o ai danneggiati dal reato).

Quando non è reato?

«Il fatto non è previsto come reato»: questa è la formula lapidaria con la quale i tribunali pronunciano sentenza di assoluzione dell'imputato, quando il fatto accertato durante il processo non corrisponde a quello previsto dalla norma incriminatrice e perciò non può essere applicata una sanzione penale.

Quanti anni di condanna per andare in galera?

Condanna a 4 anni: si va in carcere [ torna al menu ]

Ciò avviene anzitutto quando la pena comminata è superiore ai quattro anni. Secondo quanto disposto dall'art.

Quando la Procura apre un indagine?

Le indagini preliminari costituiscono la prima fase del procedimento penale e hanno inizio quando una notizia di reato perviene alla Polizia Giudiziaria o al Pubblico Ministero. Vengono svolte dal P.M., dalla P.G. e, a seguito della Legge n.