La Revoca dell'Amministratore

Quando si può chiedere la revoca dell'amministratore di condominio?

Domanda di: Cristyn Cattaneo  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.5/5 (72 voti)

Dispone che la revoca dell'amministratore può essere deliberata dall'assemblea in qualsiasi momento (art. 1129, comma 11, del codice civile) e a prescindere dalla sussistenza di una giusta causa o di un giustificato motivo alla base dell'interruzione del rapporto.

Quando puoi chiedere tu da solo la revoca dell'amministratore di condominio?

L'amministratore di condominio può essere revocato dall'assemblea o anche dal singolo condomino in caso di gravi irregolarità nella gestione condominiale.

Come liberarsi di un amministratore di condominio?

L'Assemblea dei condomini può revocare in ogni tempo l'amministratore con una maggioranza degli intervenuti che rappresenti almeno i 500 millesimi del valore dell'edificio o con le modalità stabilite dal regolamento di condominio[1]. È quindi pacifico che ciò possa avvenire sempre e per qualsiasi ragione.

Quali sono i casi per cui è possibile procedere con la revoca giudiziale dell'amministratore di condominio?

la revoca disposta dall'autorità giudiziaria su ricorso di un condomino quando l'amministratore non adempie all'obbligo di rappresentanza ed agli altri obblighi previsti dall'articolo 1131 del codice civile, quando non rende il conto della gestione ovvero compie le gravi irregolarità.

Quando è possibile far decadere il ruolo di amministratore condominio?

In sintesi, possiamo affermare che il mandato dell'amministratore condominiale ha durata di un anno, che si rinnova tacitamente per un altro anno. Alla scadenza del secondo anno, se l'assemblea non provvede alla conferma o alla sostituzione, l'amministratore continua a gestire il condominio in regime di prorogatio.

Trovate 31 domande correlate

Quali sono le giuste cause per cui revocare l'amministratore?

La rimozione amministratore condominio è possibile per:
  • la mancata comunicazione all'assemblea dei condomini della ricezione di un atto di citazione o un provvedimento amministrativo che eccede l'esercizio delle sue funzioni;
  • il mancato reso conto della gestione;
  • la commissione di gravi irregolarità.

Cosa fare se l'amministratore di condominio non fa il suo dovere?

Se l'amministratore non agisce in giudizio, ogni singolo condomino può rivolgersi al giudice al posto suo per tutelare gli interessi comuni. Chiaramente, dovrà farlo a proprie spese, rivolgendosi a un avvocato e anticipando le spese del giudizio nella speranza di recuperarle in caso di successo.

Quando si può mandare via un amministratore?

Secondo le leggi 2022, infatti, un amministratore di condominio può essere mandato via quando cioè si rende colpevole di cattiva condotta, atti in malafede o gravi irregolarità, ma anche senza giusta causa, in ogni caso la decisione spetta all'assemblea di condominio.

Quanto costa revoca giudiziale amministratore condominio?

Quali sono i costi da sostenere per proporre il ricorso di revoca giudiziale dell'amministratore di condominio. contributo unificato ammonti ad euro 98,00. Una marca da euro 27,00 per diritti forfetizzati per notifica. A queste spese devono essere aggiunte le competenze dell'avvocato.

Come levare un amministratore?

La revoca dell'amministratore di condominio avviene innanzitutto inviando una lettera a quest'ultimo in cui si richiede la convocazione di un'assemblea. L'amministratore è obbligato a convocare l'assemblea su richiesta di almeno due condomini che rappresentino un sesto dell'edificio.

Quante firme servono per cambiare amministratore?

Non è necessario, ma neanche sufficiente, raccogliere le firme per cambiare amministratore. Difatti l'unica volontà che conta è quella che si forma in assemblea, ossia alla riunione di condominio.

Chi deve convocare l'assemblea per la revoca dell'amministratore?

Richiesta assemblea straordinaria

può essere convocata da un minimo di due condòmini che rappresentino almeno un sesto dei millesimi dell'edificio. La convocazione va fatta con raccomandata con ricevuta di ritorno al proprio amministratore e l'ordine e deve avere come ordine del giorno la revoca dell'amministratore.

Quanti millesimi servono per cambiare l'amministratore?

Quando è possibile cambiare l'Amministratore

A questo punto per la revoca e nomina del nuovo amministratore occorrono 501 millesimi della rappresentanza in condominio (la maggioranza + 1 dei condòmini deve essere d'accordo nel cambiamento). Per ottenere la revoca del mandato ci vogliono circa 20 giorni.

Cosa fare se un amministratore non risponde?

E' opportuno inviargli una diffida tramite fax, telegramma, pec o raccomandata (meglio ancora se viene firmata da più condomini e non da uno solo), assegnando un termine perentorio per rispondere. Nel caso in cui l'amministratore non risponda alle richieste dei condomini, può essere revocato per giusta causa.

Come mettere in mora un amministratore di condominio?

L'amministratore con la lettera di messa in mora chiede quanto dovuto dal condomino debitore. La lettera di messa in mora deve essere inviata tramite raccomandata e va inoltrata anche al comproprietario dell'appartamento (nel caso in cui la titolarità dell'immobile e di più soggetti).

Chi paga l'avvocato dell'amministratore di condominio?

Se si tratta di un condominio, inevitabilmente questi oneri saranno ripartiti tra tutti i proprietari, in proporzione al valore millesimale dei rispettivi immobili. Pertanto, con questo criterio, l'ente dovrà pagare sia il proprio legale che l'avvocato di chi ha vinto.

Quanti voti servono per revocare l'amministratore?

L'amministratore può essere revocato in qualsiasi momento, anche prima della scadenza del mandato, con votazione a maggioranza assembleare di almeno metà degli intervenuti che rappresenti i 500 millesimi.

Chi controlla l'operato degli amministratori di condominio?

Il ruolo e le competenze del Revisore Condominiale

Può essere nominato dall'assemblea allo scopo di verificare l'operato dell'amministratore, ha poteri ispettivi e di accesso agli atti. Partendo dal “rendiconto condominiale” può verificare che sia stato compilato secondo quanto previsto dalla riforma.

Come difendersi dall'amministratore?

Problemi con amministratore di condominio, a chi rivolgersi

Se l'amministratore non adempie ai suoi doveri, i condomini hanno il diritto di sollevarlo dal suo ruolo tramite una revoca. In casi gravi, è possibile denunciarlo e richiedere la revoca all'autorità giudiziaria.

Cosa deve fare un amministratore di condominio in caso di rumori molesti?

codice civile. Con questa legge l'amministratore può sanzionare i condomini rumorosi fino a 200 euro (aumentabili a 800 euro in caso di recidiva) per le ipotesi di inosservanza del regolamento di condominio. In ogni caso, la sanzione deve essere approvata in assemblea con delibera impugnabile entro 30 giorni.

Quali sono gli obblighi di un amministratore?

Compiti, responsabilità, doveri dell'amministratore di condominio
  • conduzione dell'edificio limitatamente alle parti comuni.
  • vigilanza sulla loro manutenzione e integrità
  • erogazione delle spese occorrenti al mantenimento dei servizi comuni.
  • osservanza delle norme stabilite dal regolamento di condominio.

Come capire se le spese condominiali sono giuste?

spese condominiali, le cinque cose da controllare
  1. chiedi il consuntivo e non il preventivo. ...
  2. chiedi la tabella delle spese e non solo il riparto. ...
  3. controlla le tabelle millesimali. ...
  4. verifica il numero dei condòmini. ...
  5. controlla che non ci sia un condòmino con molte proprietà

Chi può revocare gli amministratori?

Gli amministratori sono rieleggibili, salvo diversa disposizione dello statuto, e sono revocabili dall'assemblea in qualunque tempo, anche se nominati nell'atto costitutivo, salvo il diritto dell'amministratore al risarcimento dei danni, se la revoca avviene senza giusta causa [2386, 2456].

Chi può fare il cambio amministratore?

Per cambiare amministratore sono sufficienti 2 condomini che appongano la firma, a patto che essi rappresentino almeno un terzo dei millesimi totali del palazzo.

Chi sceglie il nuovo amministratore condominio?

La nomina di un amministratore di condominio avviene su delibera dell'assemblea. Questa può essere convocata dal professionista uscente, oppure quando non c'è un amministratore può essere richiesta da due o più condomini che rappresentino almeno 1/6 del valore dell'edificio ovvero un minimo di 166,66 millesimi.