Processo penale e indagini preliminari: le 7 cose che devi sapere | Avv. Giuseppe Di Palo

Quanto tempo ci vuole per fare le indagini?

Domanda di: Sig.ra Felicia Messina  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.1/5 (26 voti)

È pari un anno la nuova durata delle indagini preliminari, che scende a sei mesi se si procede per una contravvenzione e sale a un anno e mezzo quando l'inchiesta è sui uno dei più gravi delitti indicati dall'articolo 407, secondo comma, Cpp.

Quanto tempo passa dalle indagini al processo?

Salvo quanto previsto dall'articolo dagli articoli 406 e 415-bis, il pubblico ministero richiede il rinvio a giudizio entro sei mesi conclude le indagini preliminari entro il termine di un anno dalla data in cui il nome della persona alla quale è attribuito il reato è iscritto nel registro delle notizie di reato.

Cosa succede dopo le indagini?

Una volta concluse le indagini preliminari, il pubblico ministero avvia l'azione legale, a meno che abbia chiesto di archiviare il caso. Per i reati più gravi si svolge un'udienza preliminare davanti al magistrato prima che inizi il processo.

Quando partono le indagini dopo una denuncia?

A seguito della denuncia, la notizia di reato va comunicata alla Procura della Repubblica territorialmente competente affinché venga iscritta nell'apposito registro. È questo il momento in cui formalmente cominciano le indagini preliminari.

Quanto durano le indagini della polizia?

Dispositivo dell'art. 407 Codice di procedura penale. 1. Salvo quanto previsto dall'articolo 393 comma 4(1), la durata delle indagini preliminari non può comunque superare diciotto mesi o, se si procede per una contravvenzione, un anno.

Trovate 24 domande correlate

Come si fa a sapere se ci sono indagini in corso?

Per sapere se sei indagato devi avanzare istanza ai sensi dell'art. 335 del codice di procedura penale. Attraverso tale richiesta potrai scoprire se il tuo nome è presente nel registro degli indagati.

Quando si viene a conoscenza di essere indagati?

L'indagato in un procedimento penale, quindi, viene a conoscenza delle indagini svolte (e concluse) nei suoi confronti proprio a seguito della notifica del predetto avviso.

Cosa rischia chi fa una denuncia?

La persona denunciata, infatti, potrebbe essere raggiunta da una misura cautelare, come ad esempio l'obbligo di dimora, il divieto di avvicinamento alla vittima o, perfino, gli arresti domiciliari. Nei casi più gravi, l'indagato potrebbe essere custodito in carcere.

Quando ti denunciano Cosa ti arriva a casa?

Stando a quanto previsto dalle legge in vigore, una denuncia non viene mai recapitata alla persona denunciata ma si riceve al massimo la notifica di conclusione delle indagini preliminari avviate a seguito di denuncia e in tal caso i tempi 2022 per ricever tale notifica sono di 6 mesi o un anno, in base alla gravità ...

Come si svolgono le indagini di polizia?

La polizia giudiziaria identifica la persona indagata e le persone informate dei fatti per le stesse rilevanti. L'attività può essere compiuta “eseguendo, dove occorra, rilievi dattiloscopici, fotografici e antropometrici nonché altri accertamenti” (art. 349 c.p.p.).

Chi risolve le indagini?

Polizia giudiziaria: cos'è? La macchina investigativa della giustizia italiana è composta essenzialmente da due figure: il magistrato del pubblico ministero, che coordina l'attività d'indagine e ne è a capo, e la polizia giudiziaria, che possiamo definire come il braccio operativo del pm.

Chi segue le indagini?

Gli Organi che svolgono le indagini preliminari, sono il «Pubblico Ministero» e la «Polizia Giudiziaria». Nel modello processuale vigente il Pubblico Ministero è solo organo inquirente e di azione penale con funzioni direttive della Polizia giudiziaria che è l'altro organo deputato delle indagini.

Cosa succede durante le indagini preliminari?

Che cosa significa "Indagini preliminari"? Si tratta di una fase in cui il pubblico ministero, personalmente o tramite la polizia giudiziaria, effettua delle ricerche per valutare se la notizia di reato è fondata o no: nel primo caso eserciterà l'azione penale ex art.

Cosa si rischia con una denuncia penale?

La denuncia penale ha come prima conseguenza l'apertura di un procedimento penale a carico del soggetto che venga identificato come autore del reato che viene esposto, per lo svolgimento di indagini che resteranno segrete per tutta la loro durata.

Chi denuncia ha bisogno di un avvocato?

Per presentare una denuncia querela NON è obbligatoria l'assistenza di un difensore. L'interessato con un documenti di identità si potrà recare direttamente dalle forze di polizia e presentare la denuncia-querela che “detterà” all'agente a ciò preposto.

Cosa fare se ti hanno denunciato?

Cosa fare se si riceve una denuncia? Per avere la certezza di essere stati denunciati è possibile presentare una richiesta alla Procura della Repubblica chiedendo se il proprio nome risulta nel registro dei reati. In questo modo si avrà la certezza della denuncia e per quale reato si è stati denunciati.

Quando arrivano i carabinieri a casa?

Se i carabinieri bussano alla porta di casa non c'è nulla di buono da attendersi. Le forze dell'ordine, infatti, non si scomodano per una semplice comunicazione priva di conseguenze ma, se giungono fino alla porta di casa, vuol dire che devono eseguire un controllo oppure notificare un atto di una certa importanza.

Cosa succede dopo che ho fatto una denuncia?

Cosa succede dopo una denuncia

O meglio, la segnalazione della denuncia viene spedita alla Procura competente, il Pubblico ministero valuterà la fondatezza della dichiarazione e se lo riterrà opportuno la iscriverà tra le notizie di reato, dando così inizio alle indagini preliminari.

Quanto si paga per una denuncia?

L'autore di questa risposta ha richiesto la rimozione di questo contenuto.

Quanto tempo durano le indagini?

È pari un anno la nuova durata delle indagini preliminari, che scende a sei mesi se si procede per una contravvenzione e sale a un anno e mezzo quando l'inchiesta è sui uno dei più gravi delitti indicati dall'articolo 407, secondo comma, Cpp.

Come viene notificato avviso conclusione indagini?

L'avviso di conclusione delle indagini viene notificato all'indagato per informarlo del procedimento in atto nei suoi confronti. Egli può prendere visione del fascicolo contenente tutto il materiale raccolto per preparare un'eventuale difesa.

Cosa succede quando si concludono le indagini preliminari?

L'avviso di conclusione delle indagini preliminari o avviso 415bis c.p.p. è l'atto con cui il Pubblico Ministero – la c.d. Pubblica Accusa – dichiara di aver raccolto elementi di prova sufficienti a chiedere il rinvio a giudizio dell'indagato.

Come si fa a sapere se una persona è stata denunciata?

Si può sapere di essere stati denunciati o querelati durante le indagini o quando si riceve l'avviso di garanzia. Per averne la certezza occorre fare istanza alla Procura della Repubblica.

Quanto durano le indagini dei carabinieri?

Il codice di procedura penale stabilisce che le indagini preliminari debbano durare (salvo alcuni casi specificatamente previsti dal medesimo) non oltre i diciotto mesi. Per alcuni tipi di reato (in genere assolutamente gravi) tale termine si eleva fino a due anni.

Cosa può fare l'avvocato durante le indagini preliminari?

In seguito all'entrata in vigore della legge numero 397/2000, anche l'avvocato difensore, durante le indagini, ha la facoltà di svolgere indagini allo scopo di “ricercare e individuare elementi di prova a favore del suo assistito” (art. 327 bis c.p.p.).

Articolo successivo
Cosa significa Grandland?