Menu & Ricerca

Leggende metropolitane: perché i tatuaggi devono essere dispari?

Leggende metropolitane: perché i tatuaggi devono essere dispari?

Aggiornato il

Vi è mai capitato che vi chiedessero quanti tatuaggi avete e vi dicessero “Ah ne hai 3? Brava, sempre dispari i tatuaggi altrimenti portano sfortuna!”. A me è capitato di sentirlo più volte, e chissà se chi lo diceva aveva idea del perché si dice che un numero pari di tatuaggi porti sfortuna. Voi lo sapete? Se la risposta è no, non vi resta che continuare a leggere!

Tatuaggi pari o dispari

Questa leggenda metropolitana sul numero ideale di tatuaggi non poteva che nascere dai marinai. In altri articoli ho raccontato quali erano i tatuaggi più gettonati tra i marinai e il loro significato, che era sempre ricollegabile alla vita in mare o al desiderio di tornare a casa dalla propria famiglia.

La leggenda sul numero dispari di tatuaggi non è da meno. Si dice infatti che quando un marinaio iniziava la sua carriera, fosse buona pratica farsi un primo tatuaggio. Questo primo tattoo marinaresco era un rito di passaggio, un ricordo di casa e un aiuto per affrontare le difficoltà di questa nuova vita lontano da casa.

Giunto alla prima destinazione, il neo-marinaio era solito farsi un secondo tattoo, per simboleggiare l’arrivo alla prima meta.
Una volta tornato a casa (cosa comunque non scontata date le condizioni dell’epoca in termini di igiene, salute, sicurezza) il marinaio si faceva un terzo tattoo per simboleggiare il ritorno.
Avere solo due tatuaggi significava non esser riuscito a tornare a casa, una sciagura che un uomo con famiglia e affetti non vorrebbe mai vivere!

Potreste dire: “E se il marinaio avesse fatto due viaggi? Si sarebbe ritrovato con 6 tatuaggi!

In realtà no, perché il primo tattoo prima della partenza si faceva solo una volta a inizio carriera. Quindi se il marinaio partiva e tornava, aveva sempre un numero dispari di tatuaggi! Il ragionamento fila insomma.

Fatta questa premessa sulla storia di questa leggenda, è il caso di dargli importanza? Personalmente non sono una persona superstiziosa, non credo quindi che il numero di tatuaggi possa portare sfortuna. Nessuno vieta di crederci o semplicemente, usare questa diceria per dare ulteriore significato ai propri tattoo.
Non è forse vero infatti che la vita di ciascuno è paragonabile a un viaggio? Sia che vogliate tornare al vostro porto, o dirigervi sempre verso destinazioni nuove, il numero di tattoo potrebbe diventare un ulteriore espressione di voi stessi!