Piccoli tatuaggi per le dita: foto e idee

FOTOGALLERY

Fonte immagini: Pinterest.com e Instagram.com

Discreti, piccoli, disegnati o scritti, i tatuaggi piccoli sul le dita sono una decorazione che ultimamente ha guadagnato molta notorietà. Infatti, se una volta i tatuaggi erano la prerogativa di galeotti, dei tatuatori o dei motociclisti, oggi i tatuaggi sulle dita sono stati (quasi) sdoganati e vengono sfoggiati da chiunque.
Rihanna per esempio, sfoggia con orgoglio il suo leggendario “Shhh…” sull’indice e non si può dire non abbia la sua buona dose di sensualità da trendy bad girl.

Tatuaggi piccoli sulle dita: cose da considerare

Se è vero che rispetto ad anni fa, oggi i tatuaggi sulle dita sono molto più diffusi, è anche vero che ci sono delle circostanze in cui bisogna valutare con estrema cura se tatuarsi questo punto del corpo. Un tatuaggio piccolo sul dito potrebbe non sembrare un grande problema, ma in molti ambienti lavorativi è ancora proibito avere i tatuaggi a vista. Le mani infatti sono una parte del corpo necessariamente esposta ed è praticamente impossibile nascondervi un tatuaggio.
Prima di procedere quindi, assicuratevi che il vostro tatuaggio sulle dita non crei un problemi alla vostra carriera lavorativa. Se al momento non avete un lavoro, dovrete considerare che la ricerca potrebbe (purtroppo) diventare più difficile se le vostre mani sono tatuate.

Fare un tatuaggio sulle dita fa male?

In realtà, trattandosi di un placement piuttosto piccolo, solitamente il tatuaggio non richiede molto tempo per essere realizzato. Certo, le dita sono piene di ossicini e la pelle è piuttosto sottile, ma il dolore è di certo inferiore rispetto a costole, caviglie o collo del piede.

Cura e guarigione di un tatuaggio sulle dita

Per quanto invece la cura del tatuaggio sulle dita, è bene sapere che le mani sono una parte del corpo esposta più di altre a sfregamenti, uso di detergenti o saponi. Sono quindi un placement delicato che richiede particolare cura. Un tatuaggio sulle dita tenderà infatti a sbiadire leggermente o a diventare sfumato. Per arginare il più possibile questa possibilità, è bene affidarsi a un tatuatore esperto che sappia applicare l’inchiostro nel giusto strato dell’epidermide, che utilizzi i colori migliori e sappia consigliare dei prodotti per la cura dei tatuaggi per rendere il tatuaggio “più resistente” nel tempo. In linea generale, una buona cura iniziale del tatuaggio appena realizzato, è un primo passo per assicurargli longevità.

Quali soggetti si possono tatuare sulle dita?

La varietà di soggetti adatti per un tatuaggio sulle dita spazia dagli animali, ai fiori, ai fiocchi, per risultati eleganti e iper-femminili. C’è anche chi non ha esitato a tatuarsi un bel diamante, forse in attesa di un anello vero, e chi invece ha preferito disegnare un paio di baffetti da gatto o i classici mustache per fare dei selfie super buffi. Insomma, libero sfogo alla fantasia!

Leggi anche: Tatuaggi piccoli e femminili, tante idee di cui innamorarsi

Share: