Angiologia e Chirurgia Vascolare | Intervista alla Dott.ssa Elisa Visentin e Dott. Carlo Bonvicini

Che differenza c'è tra chirurgo vascolare e angiologo?

Domanda di: Dr. Clea Damico  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.5/5 (66 voti)

Possiamo dire che: l'Angiologia si occupa delle patologie delle vene e delle arterie dal punto di vista medico, concentrandosi sulla diagnosi e sulla terapia non chirurgica; la Chirurgia Vascolare, invece, si fa carico anche degli aspetti chirurgici della terapia.

Quando si va dal chirurgo vascolare?

Si ricorre alla chirurgia vascolare quando a un paziente viene riscontrata una patologia che interessa l'apparato circolatorio. Il suo scopo è quello di prevenire e trattare le malattie delle arterie e delle vene.

Che cosa cura il chirurgo vascolare?

La chirurgia vascolare è quel ramo della chirurgia che si occupa di intervenire chirurgicamente per risolvere o migliorare la prognosi delle patologie che interessano i vasi sanguigni dell'organismo, utilizzando tecniche di riparazione, derivazione, sostituzione e rimozione.

Quando andare da un angiologo?

La visita angiologica viene prescritta quando è necessario diagnosticare e curare una patologia già manifesta o per prevenire eventuali complicazioni riguardanti la circolazione arteriosa e venosa (aneurisma, embolia, aterosclerosi, trombosi, dissecazione dell'aorta).

Cosa fa il medico angiologo?

Il compito dell'angiologo, dunque, consiste soprattutto nel riconoscere le patologie cardiovascolari nel modo più adeguato possibile e nel consigliare il trattamento migliore, che sia farmacologico o chirurgico.

Trovate 16 domande correlate

Come si chiama lo specialista delle vene delle gambe?

Il flebologo si occupa, tra le altre cose, di malattie venose quali le vene varicose degli arti inferiori e la trombosi profonda.

Quali sono gli esami da fare per la circolazione?

L'ecocolordoppler è un esame per la circolazione del sangue non invasivo, che consente la mappatura completa dei vasi sanguigni, nonché l'analisi del flusso ematico che avviene al loro interno.

Quali sono i sintomi di una cattiva circolazione alle gambe?

I sintomi generalmente sono:
  • senso di pesantezza agli arti inferiori;
  • modico gonfiore, soprattutto dopo aver mantenuto la stazione eretta a lungo;
  • comparsa di ectasie venose, quali le dilatazioni delle vene superficiali fino a una vera e propria patologia varicosa.

Quali sono i sintomi di una cattiva circolazione del sangue?

La cattiva circolazione causa dolori alle gambe, ai piedi, alle braccia e alle mani. Se la temperatura di mani e piedi è bassa, si può avvertire dolore e palpitazioni nella zona interessata, soprattutto quando queste parti iniziano a riscaldarsi e ritorna il flusso di sangue.

Che visita fare per circolazione gambe?

L'ecocolordoppler venoso degli arti inferiori è un esame diagnostico non invasivo che permette lo studio della circolazione venosa delle gambe e della pancia.

Come si svolge la visita dal chirurgo vascolare?

L'accesso avviene attraverso un'arteria periferica, solitamente quella ascellare o quella femorale. Attraverso una piccola incisione viene inserita la strumentazione necessaria, che viene fatta scorrere all'interno del condotto sanguigno fino a giungere nell'area interessata dalla visita.

Quali sono le malattie vascolari?

Malattie vascolari
  • La dissezione aortica (lacerazione parziale della parete dell'aorta)
  • L'aneurisma dell'aorta addominale.
  • La trombosi venosa profonda (o flebite)
  • L'embolia polmonare.
  • L'arterite degli arti inferiori, arterie carotidi.
  • L'ischemia (cessazione o insufficienza della circolazione sanguigna verso un organo)

Come si chiama il medico per la circolazione del sangue?

L'Angiologo è lo specialista medico in Angiologia che, dopo una anamnesi mediante esami specialistici, è in grado di controllare attraverso terapie specifiche, le patologie del sistema circolatorio.

Qual è la differenza tra angiologo e Flebologo?

L'Angiologia è quella branca della medicina che si occupa delle patologie dei vasi sanguigni arteriosi, venosi e linfatici. Comprende la flebologia che si occupa specificamente della diagnosi e cura delle malattie delle vene.

Chi si occupa di vene e arterie?

Quando rivolgersi all'angiologo? Gli angiologi trattano i disturbi delle arterie, delle vene e dei vasi linfatici. È altresì importante consultare un angiologo in presenza di diabete o problemi a livello vascolare.

Come capire se si soffre di insufficienza venosa?

I sintomi dell'insufficienza venosa includono:
  1. gambe o caviglie gonfie (edema)
  2. dolore che peggiora quando ci si alza e si riduce quando si alzano le gambe.
  3. crampi alle gambe.
  4. dolore, pulsazioni o una sensazione di pesantezza alle gambe.
  5. prurito.
  6. debolezza agli arti inferiori.
  7. ispessimento della pelle di gambe e/o caviglie.

Che sintomi dà la vena safena?

Clinicamente le varici della safena si presentano con sintomi come:
  • sensazione di peso e dolore alla gamba,
  • crampi e parestesie,
  • sofferenza della cute che si presenta distrofica,
  • alleviamento dei sintomi in posizione antideclive (gambe sollevate).

Come ossigenare le gambe?

Se passi molte ore seduto nella stessa posizione fai almeno una pausa ogni ora alzandoti in piedi, anche per pochi minuti, e nel tempo libero cerca di fare attività motoria: la bicicletta, lo yoga o il nuoto sono attività perfette per ossigenare il sangue, oltre che per rafforzare il cuore e mantenere sotto controllo ...

In Quale gamba si trova la vena safena?

Elemento anatomico pari (cioè presente sia nell'arto inferiore destro che nell'arto inferiore sinistro), la vena safena detiene il primato di "vena più lunga del corpo umano".

Quando ti bruciano le gambe Cosa vuol dire?

Cause fisiche di bruciore alle gambe

L'eccessiva esposizione al freddo degli arti inferiori; L'esposizione a sostanze tossiche/velenose degli arti inferiori; Un intenso esercizio fisico per gli arti inferiori; Infortuni (es: abrasioni, tagli, graffi ecc.)

Quando preoccuparsi per il dolore alle gambe?

In presenza di gonfiore a entrambe la gambe bisogna rivolgersi a uno specialista flebologo, angiologo o chirurgo vascolare. Se il dolore fa seguito a un trauma o a una contusione è invece consigliabile rivolgersi al pronto soccorso.

Quando preoccuparsi per le vene?

Si consiglia di parlare con il medico di famiglia se: compare dolore o fastidio nell'area in cui sono presenti le vene varicose. la pelle in corrispondenza delle vene diventa dolorante e irritata. il dolore alle gambe disturba il sonno notturno.

Come si cura l'insufficienza venosa alle gambe?

Farmaci per la Cura dell'Insufficienza Veosa
  1. Farmaci flebotonici: aumentano il tono della parete venosa, di conseguenza riducono la sensazione di affaticamento e di pesantezza alle gambe;
  2. Farmaci anticoagulanti (utili, ad esmepio, in presenza di trombosi venosa profonda);
  3. Farmaci fibrinolitici.

Cosa mangiare per migliorare la circolazione del sangue?

Tra i cibi ricchi di polifenoli ritroviamo: frutti rossi, come lamponi e fragole, o frutti di bosco in generale, gli agrumi, ribes nero, mirtilli, carciofi, cipolla rossa e verdure a foglia verde. Il sedano ricco in potassio che abbassa i livelli di pressione sanguigna.

Articolo precedente
Che si festeggia il 15 settembre?
Articolo successivo
Che materiale è fatto un CD?