RUMORI e MUSICA in casa: LIMITI | Avv. Angelo Greco

Chi chiamare in caso di schiamazzi?

Domanda di: Anselmo Rinaldi  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.6/5 (29 voti)

si può procedere chiamando direttamente la polizia o i carabinieri: il loro intervento porterà a stilare un verbale dopo aver constatato la portata dei rumori considerati molesti.

Quando si può chiamare la polizia per schiamazzi?

Infatti, solo se i rumori recano disturbo ad un numero rilevante di persone si verifica il reato di “disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone” previsto dall'articolo 659 del Codice penale e solo allora ha senso chiedere l'intervento delle Forze dell'Ordine.

Chi si deve chiamare per schiamazzi?

Se il problema persiste, l'unica risposta a chi chiamare per rumori molesti in condominio è i carabinieri. Questi ultimi possono intervenire nel caso in cui gli schiamazzi abbiano raggiunto livelli tali da disturbare il vicinato.

Cosa fare se il vicino disturba di notte?

4.2 Denunciare Vicini Rumorosi

Quando si hanno vicini rumorosi e non si riesce a dormire, la prima cosa che viene in mente è quella di fare denuncia. In particolare, l'articolo 844 del Codice Civile proibisce di produrre, dal proprio appartamento o garage, rumori che superino la soglia di normale tollerabilità.

Come fare un esposto al Comune per schiamazzi?

La segnalazione deve essere scritta e contenere le generalità del segnalante (nome, cognome, indirizzo, numero di telefono): infatti le misurazioni si effettuano all'interno delle abitazioni, quindi occorre prendere accordi per il sopralluogo; per questo motivo non è possibile garantire la privacy tra le parti.

Trovate 31 domande correlate

Cosa si rischia per schiamazzi?

In merito alle sanzioni penali nelle quali si incorre per il reato di disturbo della quiete pubblica, si va dall'arresto fino a 3 mesi all'ammenda fino a 309 euro.

Chi chiamare per denunciare schiamazzi notturni?

In caso di risse, schiamazzi, vandalismi e ogni altra situazioni di disturbo dell'ordine e della quiete pubblica, potete rivolgervi al Comando della Polizia locale, della Polizia di Stato e dei Carabinieri.

Come dimostrare che i vicini fanno rumore?

Come dimostrare i rumori del vicino

In realtà, l'unico strumento tecnico che consentirebbe di registrare i rumori del vicino – e chiaramente dimostrarli in un'aula di tribunale – è un fonometro. Si tratta di un apparecchio in grado di captare e registrare il rumore ambientale.

Qual è l'ora del silenzio?

Le ore del silenzio da rispettare

Le fasce orarie in cui si dovrebbe prestare maggiore attenzione nell'evitare rumori inutili sono due, la notte dalle 21:00 alle 8:00 e il pomeriggio dalle 13:00 alle 16:00.

Quali sono gli orari che non si può fare rumore?

Considerato che occorre utilizzare tutti gli accorgimenti tecnicamente possibili per produrre meno rumore possibile, le attività rumorose non possono essere effettuate:
  • prima delle ore 08.00 e dopo le ore 20.00 nei giorni feriali;
  • dalle ore 13.00 alle ore 14.00 nei giorni feriali;

Quando il rumore è reato?

Cass.

659, comma primo, c.p., si realizza quando si sia verificato un disturbo del riposo e delle occupazioni delle persone, indipendentemente dal fatto che i lamentati rumori, che eccedevano la normale tollerabilità, siano stati o meno conseguenza dell'esercizio di una professione o mestiere rumoroso.

Cosa fare se i vicini si lamentano del rumore?

Vicini di casa rumorosi: tutela civile.

Dunque al Giudice civile è possibile chiedere non solo la cessazione dei rumori molesti (si parla in tal caso di azione inibitoria), ma anche il risarcimento dei danni eventuali patiti, come ad esempio i danni alla salute provocati dall'esposizione ai rumori.

In che orari si può fare rumore?

Secondo quanto decretato in ogni caso i rumori devono rispettare gli orari di silenzio, nella fascia oraria che va dalle 22 alle 8 nei giorni feriali e dalle 22 alle 9 nei giorni festivi; la sanzione prevista per i trasgressori è di 200 euro.

Quando il rumore diventa molesto?

La giurisprudenza, comunque, definisce “rumori molesti” tutti quelli che avvengono durante le ore adibite al riposo e alla quiete, che superano i 3,5 decibel.

Quando non bisogna fare rumore?

Generalmente in un condominio è vietato fare rumore nel primo pomeriggio, tra le 13 e le 16, e nelle ore serali, a partire dalle 21/22 fino al 7/8 mattino successivo.

Cosa fare con i vicini maleducati?

Informa i vicini di quello che sta succedendo.

Non dare per scontato che siano volontariamente maleducati. Vai a bussare alla loro porta, presentati e informali del problema. Sii gentile ma fermo nelle tue richieste. Chiedi esattamente cosa desideri invece di essere vago e sperare che loro indovinino.

Come liberarsi dei vicini fastidiosi?

Come difendersi dai vicini rumorosi: consigli e suggerimenti
  1. 1 Chiama la polizia o i carabinieri.
  2. 2 Costituisciti parte civile.
  3. 3 Diffida il tuo vicino.
  4. 4 Avvia il ricorso d'urgenza.
  5. 5 Chiedigli il risarcimento del danno.
  6. 6 Disdici l'affitto.

Quando si può denunciare un vicino di casa?

Quando (e come) denunciare il vicino di casa

Se un vicino provoca disturbo alle altre persone e ne impedisce il riposo allora è corretto denunciare la situazione a chi di dovere, ricordando di aver bisogno di un buon numero di inquilini e persone che percepiscono lo stesso fastidio.

Quanto rumore possono fare i vicini?

In merito alla questione dei vicini rumorosi la giurisprudenza italiana considera il rumore molesto, intenso come un ostacolo al riposo e alla quiete delle persone. Generalmente, per rispettare le norme, non bisogna superare i 3,5 decibel.

Come difendersi dagli schiamazzi notturni?

La prima cosa da fare in questi casi è sempre provare a parlare con i diretti interessati, cercando di risolvere civilmente il problema trovando un punto d'incontro. Quando i rumori eccedono, però, la “normale tollerabilità”, scatta il reato di disturbo della quiete pubblica ed è quindi possibile sporgere denuncia.

Chi chiamare in caso di vicini rumorosi?

Per tentare di far cessare il rumore proveniente dall'abitazione del vicino, spesso, vengono chiamate le forze dell'ordine (polizia o carabinieri).

Chi chiamare in caso di inquinamento acustico?

In situazioni di inquinamento acustico, in linea di massima bisogna rivolgersi ai Carabinieri. Se sono i vicini di casa a provocare eccessivi rumori, si può fare riferimento all'articolo 844 del Codice Civile.

Come misurare i decibel con il telefonino?

OpeNoise è una applicazione Android per rilevare il rumore attraverso smartphone e tablet, sviluppata da Arpa Piemonte. L'applicazione consente la misurazione del livello sonoro e la sua composizione in frequenza. È inoltre possibile memorizzare i risultati di misura in un file di testo.

Cosa si intende per schiamazzi notturni?

Rumore confuso e continuato di gridi rauchi di volatili o di voci concitate: uno s. di galline, di oche spaventate; non sopporto questo continuo s.; che è questo s.? smettetela!; s. notturni (anche prodotti da veicoli o da apparecchi rumorosi, come per es.

Cosa fare con vicini dispettosi?

Se i dispetti del tuo vicino costituiscono reati, bisogna come abbiamo detto prima, comunicarlo all'amministratore condominiale e poi recarsi ai carabinieri o alla polizia e sporgere querela. Naturalmente è fondamentale a questo punto rivolgersi ad un proprio avvocato.