20 strategie per bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività

Come attirare l'attenzione di un bambino ADHD?

Domanda di: Olimpia Bianchi  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.3/5 (1 voti)

Bisogna imparare a comunicare anche con i gesti, in modo tale da attirare l'attenzione e far recepire il messaggio. Linguaggio semplice. A causa della scarsa concentrazione che caratterizza un bambino iperattivo, è opportuno usare sempre delle parole molto semplici e chiare, senza dare per scontato nulla.

Quali sono i punti di forza di un bambino ADHD?

Altri studi hanno evidenziato le notevoli abilità visuo-spaziali che possono possedere i dislessici, mentre i soggetti con ADHD sembrano possedere livelli di creatività e innovazione maggiori rispetto a persone di pari età e scolarità.

Come guariscono i bambini da deficit dell'attenzione?

Sebbene non esista una cura per l'ADHD, questa può essere gestita in giovane età con un supporto educativo appropriato, l'affiancamento alla famiglia e quando necessario la psicoterapia (terapia cognitivo comportamentale) e/o farmaci.

Cosa non fare con un ADHD?

Quali sono le cose da non fare mai con un alunno affetto da ADHD? “Possiamo riassumerle in cinque facili regole: non accogliere mai la sua sfida ponendoci sul suo stesso piano; non essere punitivi; non usare la violenza verbale e fisica; non essere confusivi nella comunicazione e incoerenti nel comportamento.

Qual è la strategia didattico educativa più appropriata per uno studente irrequieto?

Lodate e coinvolgete tutti la classe nel riordino, nell'abbellimento e nellorganizzazione della classe. E' utile rinforzare e premiare i comportamenti positivi (stabiliti precedentemente), piuttosto che punire quelli negativi. Cercate di modificare i rinforzi positivi in modo da non perderne l'efficacia.

Trovate 21 domande correlate

Come insegnare a bambini con ADHD?

– Collocare il bambino in un posto tranquillo lontano dai compagni e dall'insegnante in modo che possa concentrarsi: i soggetti con ADHD hanno bisogno di qualcuno che richiami spesso la loro attenzione sul compito, è bene quindi che lavorino in piccoli gruppi o vicino all'insegnante.

Quale sport per un bambino iperattivo?

Gli esperti del settore consigliano in primis nuoto e arti marziali, che sono le due discipline sportive in cui sono emerse maggiori evidenze scientifiche, ma anche tennis, equitazione, arrampicata, scherma e altre attività volte a promuovere la salute, l'autostima e il lavoro di squadra.

Cosa scatena l ADHD?

Le cause di natura neurobiologica che possono causare la comparsa dell'ADHD sono difetti nella struttura e nel funzionamento della parte frontale del cervello, responsabile di processi cognitivi primari come la pianificazione e l'organizzazione dei comportamenti, l'attenzione e il controllo inibitorio.

Chi ha l ADHD ha la 104?

Il disturbo ADHD ha vari livelli di gravita'. Quando e' grave e' riconosciuto in sede di Commissione Ats ( ex asl) come una vera e propria forma di disabilita' a favore della quale viene riconosciuta la legge 104 con diritto a docente di sostegno.

Come aiutare un bambino ADHD a fare i compiti?

Adhd e compiti: cosa fare
  1. Essere esplicito.
  2. Evitare di porsi attese errate.
  3. Proporre un aiuto esterno per poi avviare cambiamenti interni (in ambiente, compito e modalità di interazione)
  4. Usare rinforzi positivi.
  5. Suddividere il compito in fasi.
  6. Far sperimentare il successo.
  7. Accorgersi dei miglioramenti anche se piccoli.

Come stimolare l'attenzione?

10 passi per nutrire l'attenzione
  1. Fare pause regolari. ...
  2. Spezzettare l'obiettivo. ...
  3. Evitare il multitasking. ...
  4. Trovare il proprio ambiente. ...
  5. Stare a contatto con la natura. ...
  6. Annotare le interruzioni. ...
  7. Fare meditazione. ...
  8. Respirare lentamente.

Come attivare l'attenzione?

Quali sono le attività che migliorano l'attenzione?
  1. Rendi autonomo i tuoi figli, ma sii pronto ad aiutare.
  2. Create insieme una routine giornaliera.
  3. Stabilite delle pause durante i compiti.
  4. Rendi i compiti a casa stimolanti.
  5. Rimuovi le fonti di distrazione dallo studio.

Quanto dura ADHD?

Nonostante l'ADHD sia considerato un disturbo pediatrico e insorga sempre durante l'infanzia, a volte non viene riconosciuto fino all'adolescenza o all'età adulta. Le differenze neurologiche continuano in età adulta e circa la metà dei soggetti continua a presentare sintomi comportamentali anche in età adulta.

Come agire in caso di disturbo dell'attenzione?

L'adulto che ritiene di avere un disturbo ADHD può rivolgersi al medico di famiglia per essere indirizzato da un medico specialista in psichiatria per un approfondimento mirato. La persona con ADHD deve essere aiutata attraverso interventi mirati sulle caratteristiche individuali della persona.

Come aumentare l'attenzione dei bambini?

Per stimolare l'attenzione, all'inizio, si può chiedere al bambino di dedicarsi a qualcosa di semplice che richiede pochi minuti, come per esempio apparecchiare la tavola, sistemare qualche gioco o elencare i colori. Aumentare poi gradualmente il tempo, passando da tre, a cinque, a dieci minuti.

Come contenere l ADHD a scuola?

Fare ripetere le consegne per assicurarsi la corretta comprensione del compito; Usare il contatto oculare durante le spiegazioni; Programmare la lezione in modo tale da non richiedere lo stesso livello d'attenzione per tutto il tempo.

Cosa accade nel cervello di un ADHD?

I soggetti con ADHD presentavano volume ridotto in aree del cervello quali l'amigdala, centro delle emozioni, e l'ippocampo che potrebbe avere un ruolo nella motivazione a svolgere dei compiti, funzione spesso compromessa nei pazienti con ADHD.

Quanti tipi di ADHD ci sono?

La quinta edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-V) ne identifica tre tipologie di ADHD possibili:
  • ADHD con ridotta attenzione.
  • ADHD con impulsività e iperattività
  • ADHD combinato, con disattenzione e impulsività/iperattività

Che differenza c'è tra DSA e ADHD?

È, inoltre, emerso che i bambini con ADHD sono specificamente compromessi nel controllo e nell'inibizione degli impulsi, mentre i bambini con DSA sono compromessi nella consapevolezza fonologica, nella memoria verbale, nella narrazione e nelle prove intellettive non verbali (Korkman & Pesonen, 1994).

Quali sono i rischi evolutivi dell ADHD?

Gli inevitabili insuccessi possono determinare problemi di autostima, scarsa fiducia in se stessi, o addirittura ansia e/o depressione clinicamente significative. Sono frequenti anche le condotte pericolose e l'abuso di alcol e sostanze.

Come distinguere un bambino iperattivo da un bambino vivace?

L'autoregolazione è ciò che contraddistingue un bambino vivace da un bambino iperattivo. Quest'ultimo evidenzia una persistente (cioè da più di 6 mesi) modalità di comportamenti impulsivi che mostrano innanzitutto un'assenza di autocontrollo.

Perché un bambino diventa iperattivo?

Non è semplice individuare le cause dell'iperattività, solitamente questo disturbo è il frutto della coazione di più fattori preesistenti, è necessario indagare sulla storia dei genitori, l'eventuale assunzione di sostanze chimiche o tossiche, le condizioni di parto, l'assunzione di droga o alchol.

Cosa hanno in comune ADHD e Autismo?

Pur costituendo due condizioni distinte, i Disturbi dello Spettro autistico (ASD) e il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD) presentano alcuni aspetti in comune, come la presenza di difficoltà attentive e diversi livelli di impulsività, problemi nell'interazione con i pari, eventuali ritardo del ...

Come intervenire con un ADHD?

Strategie e consigli per docenti ed educatori
  1. 1- Usare il peer-to- peer. ...
  2. 2- Utilizzare stimoli diversificati per catturare l'attenzione. ...
  3. 3- Lasciare che si muovano e si alzino, ma con un fine. ...
  4. 4- Non coglierli in fallo. ...
  5. 5- Programmare le interrogazioni e spezzettare le verifiche.

Come aumentare la concentrazione ADHD?

È tutto sotto controllo! 5 strategie per aumentare la concentrazione nell'ADHD
  1. Instaurare delle routine. ...
  2. Fare una lista delle cose da fare. ...
  3. Suddividere il lavoro in piccole parti. ...
  4. Fare delle piccole pause ad intervalli regolari. ...
  5. Organizzare meglio gli spazi di lavoro.