Relè...Vediamo cos'è, com'è fatto e a cosa serve

Cosa si intende per relè?

Domanda di: Dott. Terzo Gallo  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.3/5 (2 voti)

Il Relè è un dispositivo elettromeccanico che viene azionato grazie alla corrente elettrica. Un Relè può essere paragonato ad un interruttore, con la differenza che, invece di essere azionato manualmente, il suo comando avviene in modo automatico tramite un apposito circuito.

Che tipo di relè ci sono?

Relè - Monostabile, Bistabile, Passo Passo e Temporizzato.

Come è fatto un relè?

Il relè è un componente elettrico il cui azionamento avviene mediante un elettromagnete costituito da una bobina di filo conduttore elettrico, generalmente di rame, avvolto intorno ad un nucleo di materiale ferromagnetico.

A cosa serve un relè 12v?

Il rele' permette di comandare un utilizzatore di qualsiasi potenza, alimentato a qualsiasi tensione, tramite un ciruito, in genere elettronico, che funziona con una propria tensione di alimentazione (quasi sempre di pochi volt).

Cos'è un relè di potenza?

I relè di potenza risolvono in modo affidabile i problemi di commutazione con alte correnti, in modo particolare nei macchinari edili, veicoli agricoli come anche autobus, camion ed altri veicoli speciali (ed es. per i Vigili del Fuoco), dove spesso sono collegati carichi elettrici importanti.

Trovate 16 domande correlate

Quanto assorbe un relè?

LE SPECIFICHE TECNICHE DI UN RELÈ

In genere una bobina da 5 V ha una resistenza dell'ordine di alcune decine di ohm e può assorbire fino a 100 mA; una bobina da 12 V può avere una resistenza dell'ordine di varie centinaia di ohm e assorbire correnti da circa 15 fino a 40 mA.

A cosa serve il relè differenziale?

Il relè differenziale denominato MRCD sorveglia le correnti differenziali negli impianti elettrici e consente di aprire l'interruttore generale, attraverso una bobina a lancio di corrente o di minima tensione, in caso di supero del valore impostato.

Perché si brucia un relè?

Essi possono essere danneggiati principalmente dalla presenza di uno strato non conduttivo formato da umidità, ossidi e gas organici prodotti dai componenti in plastica del relè stesso. In caso di piccoli carichi, l'energia non è sufficiente a bruciare gli strati non conduttivi che si depositano sui contatti.

Come capire se relè?

Puoi avere la certezza che il relè è danneggiato grazie a un multimetro impostato su "diodo" che va collegato ai terminali A1 (positivo) e A2 (negativo). Lo strumento applicherà una piccola differenza di potenziale per attivare il semiconduttore, così da poter leggere i valori sul display.

Come collegare i relè?

Come collegare un relè: 7 step fondamentali
  1. Togliere la corrente all'impianto dell'abitazione e chiudere l'interruttore del salvavita.
  2. Inserire nel primo morsetto del pulsante il conduttore di fase.
  3. Collegare al secondo morsetto un conduttore di colore giallo, che indica il ritorno.
  4. Sistemare il pulsante sottoplacca.

A cosa serve un relè statico?

In generale il principio di funzionamento di un relè statico, è il seguente: I relè a stato solido lavorano convertendo l'input elettrico in entrata, es. attraverso un pulsante, in output ottico, spesso erogato attraverso un LED a infrarossi o qualcosa di simile. In breve si tratta di segnale luminoso.

Cosa succede se il relè non funziona?

Se il relè si guasta, interrompe l'alimentazione alla pompa di alimentazione e al sistema di accensione, il che si tradurrà in assenza di alimentazione e quindi nessuna condizione di avviamento.

A cosa serve un relè bistabile?

Per quanto riguarda il monostabile solitamente viene impiegato per accendere più luci da un unico interruttore o pulsante. Il bistabile invece viene impostato al posto dei deviatori o invertitori quando è necessario accendere una lampada da più interruttori o pulsanti differenti.

Come si chiude un circuito elettrico?

Quando l'interruttore è abbassato mette in contatto i capi del filo e la corrente può circolare: si dice che il circuito è chiuso. Se l'interruttore è sollevato e quindi non collega le due estremità libere del filo conduttore la corrente non circola perché il circuito è aperto.

Quanto costa un relè auto?

Il prezzo dei ricambi auto della categoria Relè, motorino d'avviamento varia da 16 a 119 €, a seconda del tipo di veicolo, del produttore e delle specifiche del prodotto.

Quali sono i parametri caratteristici dei relè?

Parametri caratteristici di un relè

Tensione di alimentazione Valore della tensione di alimentazione applicabile alla bobina del relè può essere continua o alternata. Valori tipici della tensione di alimentazione continua sono 3, 5, 6, 12, 24, 48 volt.

Quando interviene il relè termico?

Relè termico di massima corrente

Quando la forza magnetica F1 supera la forza meccanica F2 offerta dalla molla, ossia quando la corrente Ib supera un valore di soglia di intervento, il relè interviene.

A cosa serve il contattore elettrico?

un contattore è un dispositivo di commutazione controllato elettricamente, progettato per aprire e chiudere ripetutamente un circuito. I contattori sono solitamente utilizzati per applicazioni con maggiore portata di corrente rispetto ai relè standard, che svolgono un lavoro di commutazione a bassa corrente.

Cos'è un pulsante elettrico?

Il pulsante è un dispositivo elettrico con una sola posizione di riposo (monostabile), una volta azionato una molla lo riporta alla posizione di partenza appena viene rilasciato.

Che differenza c'è tra interruttore differenziale e magnetotermico?

L'interruttore differenziale ha il compito di interrompere il flusso elettrico di energia in caso di dispersione elettrica o folgorazione fase-terra mentre l'interruttore magnetotermico è un dispositivo di sicurezza in grado di interrompere il flusso di corrente elettrica in caso di sovracorrente.

Cosa protegge l interruttore magnetotermico?

Interruttore magnetotermico: il dispositivo integra una protezione magnetica per i cortocircuiti e una protezione termica per i sovraccarichi. Interruttore differenziale: è il dispositivo per la protezione delle persone dalle dispersioni elettriche.

Quanto consuma un relè 12V?

I relè della serie FRA8 sono particolarmente robusti e affidabili, indicati per gestire carichi impegnativi. La versione FRA8PA-S2 DC 12V è configurata con due contatti normalmente aperto ed è pilotata da una bobina da 12 Volt DC (consumo circa 1,7 Watt).

Come eccitare un relè 12V?

I relè richiedono elevate correnti per eccitare la bobina, la soluzione più semplice, è quella di utilizzare un transistor di piccola o media potenza, che deve essere in grado di erogare circa 100mA.

Cosa vuol dire bistabile?

bistabile bistàbile [agg. Comp. di bi- e stabile] [MCC] Di sistema dotato di due diverse configurazioni di equilibrio stabile, il passaggio dall'una all'altra essendo determinato da opportune azioni esterne.

Articolo precedente
Come dorme un rinoceronte?
Articolo successivo
Quando fioriscono i vigneti?