Italiano: sinonimi e contrari.

Qual è il contrario di festa?

Domanda di: Santo Parisi  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.6/5 (40 voti)

CONTR giorno lavorativo-feriale || (fig) tristezza, squallore, noia, lagna, barba.

Qual è il sinonimo di festa?

[manifestazione per celebrare un giorno solenne, o per semplice divertimento: dare una f.; invitare a una f. da ballo] ≈ festeggiamento, festino, party, ricevimento. ↓ festicciola, trattenimento. ⇓ festa danzante, veglione.

Qual è il contrario di festeggiare?

CONTR dimenticare, tralasciare || cacciare, respingere, allontanare, mandare via.

Che aggettivo è festa?

Scaturisce dall'aggettivo latino 'festus', che significa 'gioioso, felice'. I 'festa dies' sono quindi i giorni felici, i giorni gioiosi - e l'aggettivo 'festa', sostantivato, acquista i significati con cui lo conosciamo.

Qual è il contrario di giorno?

dì, giornata. ↔ nottata, notte.

Trovate 44 domande correlate

Qual è il contrario di notte?

↔ giornata, giorno. ‖ sera.

Qual è il contrario di svegliarsi?

↔ addormentarsi, prendere sonno. ↓ (fam.) appisolarsi, assopirsi.

Cosa vuol dire fare festa?

manifestazione, trattenimento che si organizza per celebrare un avvenimento o anche solo per divertimento: festa di matrimonio, di laurea, di inaugurazione; andare a una festa; dare una festa, organizzarla |fare festa, divertirsi |guastare la festa, (fig.)

Quali sono i derivati di festa?

festività, solennità, giorno solenne, celebrazione, festeggiamento, anniversario, ricorrenza, giorno festivo, vacanza, ricevimento, party, festino...

Cosa vuol dire andare in festa?

Nel gergo degli assidui si dice anche «andare in festa» riferendosi soltanto alle feste libere; per le feste non clandestine, invece, si dice «andare a una festa».

Quando non vuoi festeggiare?

«Chi non ama festeggiare il proprio compleanno e di fronte anche alla sola eventualità dovesse avere atteggiamenti spropositati (come rabbia o panico) potrebbe soffrire di disturbi di ansia sociale o di fobia sociale (patologie riportate nel DSM-5)», dice Pagliariccio.

Qual è il contrario di invito?

sm chiamata, convocazione, appello | ordine, ingiunzione, esortazione, preghiera, richiesta, proposta | (fig) richiamo, allettamento, stimolo. contrari esclusione, allontanamento, cacciata | (fig) freno, remora.

Chi fa sempre festa?

festaiolo festaiòlo (letter.

Qual è il contrario di auguri?

CONTR malaugurio, maledizione, imprecazione.

Che vuol dire festa a tema?

Le feste a tema, a differenza delle semplici feste, sono i party più coinvolgenti perché rendono partecipi, ma soprattutto protagonisti, gli invitati. Sicuramente anche tu avrai partecipato ad una festa a tema almeno una volta nella vita, e sicuramente saprai che non le si possono definire banali o scontate.

Qual è il vezzeggiativo di festa?

festicciola: definizioni, etimologia e citazioni nel Vocabolario Treccani.

Qual è il derivato di torta?

Dim. tortina e tortino m.

Cosa non fare a una festa?

Gli errori da non fare a una festa
  • Non arrivare in anticipo. Arrivare prima dell'orario previsto ti farà fare la figura della scocciatrice. ...
  • Non buttarti subito sul buffet. ...
  • Non distrarti mentre stringi la mano a qualcuno. ...
  • Non essere sincera. ...
  • Non imporre le tue abitudini alimentari. ...
  • Non monopolizzare il padrone di casa.

Cosa si rischia se si fa una festa?

L'autore di questa risposta ha richiesto la rimozione di questo contenuto.

Quanto deve durare una festa?

Le feste, a nostro parere, non devono durare eccessivamente. Secondo la nostra esperienza, la festa deve durare massimo 4 ore. Le attività all'interno della festa come l'animazione, devono durare tra le 2 e le 3 ore.

Qual è il contrario di sogno?

CONTR sveglia, veglia || (fig) realtà, attualità, concretezza || (fig) incubo, inferno, orrore, schifo, mostruosità.

Come si chiama una persona che non dorme mai?

insonne /in'sɔn:e/ agg. [dal lat. insomnis, der. di somnus "sonno", col pref.

Qual è il contrario di digiuno?

↔ alimentarsi, mangiare, nutrirsi. ↑ satollarsi, saziarsi, (fam.) spanciarsi.

Articolo precedente
Qual è il simbolo dell'Emilia-Romagna?
Articolo successivo
Quanto fa un 125 con un pieno?