Home > Tatuaggi giapponesi, guida completa e foto

Tatuaggi giapponesi, guida completa e foto

Aggiornato il

I tatuaggi giapponesi fanno parte di una tradizione antichissima, ma che tutt’oggi affascina milioni di persone. La popolarità dei tattoo giapponesi è dovuta sia alla loro storia, ma anche all’estetica e al significato dei soggetti tipici di questo stile.

Trattandosi di tatuaggi che attingono da una lunga, antica e fiera tradizione, è importante conoscere bene il significato del tatuaggio giapponese che si desidera realizzare e affidarsi a un tatuatore esperto e rispettoso di questo stile.

Indice

Storia
Cosa sono gli Irezumi e i Tebori
Particolarità stilistiche dei tatuaggi giapponesi
Significato dei tatuaggi giapponesi
Animali
Fiori
Geishe, Samurai, Maschere e altro
Neo Japanese Tattoo: cos’è

Storia dei tatuaggi giapponesi

Cosa c’è di più affascinante di un’arte antica che è riuscita a sopravvivere nei secoli?
La storia dei tatuaggi giapponesi affonda le sue radici addirittura nel 5000 a.C., epoca cui risalgono alcune statuette di argilla dal volto tatuato.
In epoche più recenti tuttavia, in oriente così come in occidente, i tatuaggi segnavano principalmente due cose: o delle affermazioni di tipo spirituale e culturale (forza d’animo, virtù, virilità) oppure degli status sociali.
Uno scritto del nono secolo infatti riporta che era uso comune per i giapponesi punire i criminali tatuandoli: è chiaro che questo utilizzo negativo dei tatuaggi ha fatto sì che assumessero una connotazione negativa.

Fu molto più tardi, nel 1700, che i tatuaggi assunsero la loro funzione decorativa, nello specifico nacquero i tatuaggi Horibari: pegni d’amore o preghiere buddiste. Solo le caste superiori però potevano tatuarsele, mentre il governo vietò alle caste inferiori qualsiasi tipo di tatuaggio decorativo.

Nel periodo Edo, tra il 1600 e la fine del 1800, segnò l’inizio del tatuaggio giapponese per come lo conosciamo oggi. Fu in questa epoca che si sviluppò infatti l’Irezumi.

I tatuaggi Irezumi oggi

Benché i tatuaggi giapponesi siano tra i più richiesti del mondo, in Giappone hanno ancora una connotazione negativa, legata per lo più al concetto di criminalità.
Purtroppo, il fatto che i tatuaggi Irezumi siano associati alla Yakuza, la nota mafia giapponese, non aiuta a sdoganare l’immaginario che i tatuaggi giapponesi hanno nel loro paese d’origine.

Cosa sono gli Irezumi e i Tebori

Quando si parla di tatuaggi giapponesi è facile imbattersi in termini come Irezumi e Tebori. Ma cosa significano esattamente questi termini?

Irezumi

Con Irezumi (tradotto dal giapponese “inserire inchiostro nero”) si intende lo stile del tatuaggio giapponese, caratterizzato da colori accesi, forme ampie che spesso ricoprono grandi parti del corpo. Gli Irezumi sono i tatuaggi giapponesi per eccellenza e i canoni di questo stile sono rimasti per lo più invariati grazie ai grandi maestri che nel corso della storia ne hanno tramandato l’arte.

Tebori

Col termine Tebori si intende la tecnica con cui vengono realizzati i tatuaggi Irezumi tradizionali. Anziché utilizzare una macchinetta, l’artista adopera una bacchetta con degli aghi all’estremità e, spingendo manualmente questo strumento, realizza il tatuaggio.

Leggi anche: Tatuaggi tebori: l’antica tecnica tradizionale giapponese

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da 彫八 (@horihachi) in data:

Con Irezumi quindi si indica lo stile, mentre con Tebori indichiamo la tecnica.

Particolarità stilistiche dei tatuaggi giapponesi

I tatuaggi giapponesi non possono essere realizzati da tutti. Ci sono delle particolarità stilistiche che bisogna conoscere per poter realizzare un tatuaggio giapponese autentico.

•  Linee
Le linee del tatuaggio giapponese tradizionale sono nere, grosse e ben marcate. I tatuatori giapponesi tradizionali utilizzavano degli aghi con le punte più distanti del solito tra loro.
Oggi molti tatuatori utilizzano direttamente dei Round Shader (anziché i più comuni Round Liner, nati per realizzare linee, appunto) per ottenere questo effetto.

Colori e sfumature
I colori dei tatuaggi giapponesi sono sgargianti, pieni e uniformi, non sfumati e ben saturi.
Uno degli aspetti più caratteristici dei tatuaggi giapponesi (che però non è scontato) è il contrasto tra i colori pieni e piatti dei soggetti e le sfumature utilizzate negli sfondi.

Il significato dei tatuaggi giapponesi

I tatuaggi giapponesi assumono significati diversi a seconda del soggetto scelto (duh). Ci sono moltissimi soggetti che sono tipici della tradizione del tattoo giapponese, ma alcuni sono particolarmente popolari e il loro significato è stato tramandato nei secoli.
Ecco alcuni dei soggetti più noti quando si parla di tatuaggi giapponesi e il loro significato.

Tatuaggi giapponesi con animali

Ci sono diversi animali contemplati nel repertorio classico dei tatuaggi giapponesi: tigre, carpa koi, serpente.

Tatuaggi giapponesi con la Tigre: la tigre è un animale sacro, in grado di proteggere e scacciare i demoni. Simbolo di coraggio, lunga vita, virilità e forza, è un soggetto che viene selezionato spesso per placement importanti come la schiena o le cosce.
Approfondisci

•  Tatuaggi giapponesi con carpa koi: un vero classico, la carpa koi è un animale che appare di frequente in miti e leggende. Simboleggia la determinazione, la forza e il coraggio.
Approfondisci

Tattoo giapponesi con serpenti: nella cultura occidentale il serpente non ha una connotazione positiva, è infatti legato al concetto di malizia, inganno e tradimento. Tuttavia nella tradizione giapponese il serpente simboleggia la prosperità, la pioggia, la saggezza e l’astuzia. Viene anche associato al concetto di cambiamento.
Approfondisci

Tatuaggi giapponesi con fiori

I fiori non sono certo rari nei design dei tattoo giapponesi. Anche loro possono avere significati specifici e diversi fra loro, oppure possono fungere da riempimento e decorazione in un design più complesso.

Tatuaggi giapponesi con fiore di loto: è forse il fiore orientale per eccezione, simbolo di rinascita, pace e spiritualità. Il fiore di loto nei tatuaggi giapponesi si accompagna spesso alla Carpa Koi.
Approfondisci 

•  Tatuaggi giapponesi con fiore di ciliegio: questi piccoli fiori delicati simboleggiano la caducità della vita, ma anche la vittoria contro le avversità.
Approfondisci

•  Tatuaggi giapponesi con peonia: la penna simboleggia l’eleganza, la bellezza e la nobiltà e ricchezza d’animo. Questo fiore meraviglioso viene spesso associato anche all’amore e all’onore.
Approfondisci

Tatuaggi giapponesi con crisantemi: emblema della famiglia imperiale, il crisantemo è il fiore simbolo di felicità, fortuna e lunga vita.
Approfondisci

Geishe, Samurai, Maschere e altro

Ci sono delle figure che per eccellenza appartengono all’immaginario e alla cultura giapponese, come le Geishe e i Samurai, le tipiche maschere teatrali giapponesi, il Nomakubi (la testa mozzata).

Tatuaggi giapponesi con Geisha: arte, bellezza, mistero, seduzione. Non esiste soggetto migliore per esemplificare questi temi così iconografici della femminilità giapponese.
Approfondisci

•  Tatuaggi con Samurai: simbolo di forza, onore e coraggio, il Samurai è l’icona per eccellenza del guerriero giapponese.

Tatuaggi con maschere giapponesi : la maschera del teatro Noh (teatro che rappresenta le leggende tradizionali giapponesi) più famosa e più tatuata è la maschera Hannya.
Rappresenta una donna gelosa che, consumata dal desiderio di vendetta, diventa un demone. A seconda del colore con cui viene rappresentata può significare risentimento (rosso) o amore disatteso (blu, azzurro, giallo, colori chiari).

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da (@renahbittencourt) in data:

•  Tatuaggi con fenice: la fenice è una di quelle creature leggendarie che si è guadagnata popolarità grazie al suo significato positivo di rinascita, perseveranza e immortalità.
Approfondisci

Tatuaggi con Cane Leone: chiamato anche “Karashishi”, il cane leone è un soggetto molto popolare nel tatuaggio giapponese tradizionale. Svolge funzione di portafortuna e caccia spiriti maligni.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da ⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀ ⠀⠀ ⠀Alan Truong (@alan_blackjadetattoo) in data:

Neo Japanese Tattoo: cos’è

Il bello dell’arte del tattoo è che per quanto possa ancorarsi a una tradizione, ci saranno sempre artisti in grado di innovare e creare qualcosa di nuovo.
È il caso del Neo Japanese Tattoo, conosciuta anche come “Scuola di San Francisco”, uno stile che pur rifacendosi ad alcuni aspetti della tradizione (soggetti, contorni bold, etc.) ha introdotto delle novità nel tatuaggio giapponese, come l’ampio uso di sfumature e l’aggiunta di numerosi dettagli (vedi anche il New Traditional).

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Golden Brown Tattoo (@golden_brown_tattoo) in data:

Torna in alto