SUDORE E CATTIVO ODORE: consigli per non puzzare!

Come non far puzzare lì sotto?

Domanda di: Edvige Gentile  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.9/5 (55 voti)

Tra i rimedi che è possibile adottare fin da subito si consiglia di:
  1. praticare una corretta igiene intima,
  2. adottare uno stile di vita sano, che consenta la proliferazione di una corretta flora batterica vaginale,
  3. usare intimo di cotone che favorisca un'adeguata traspirazione.

Come avere un buon odore là sotto?

Tra i rimedi naturali più efficaci contro i cattivi odori vaginali troviamo gli infusi a base di fieno greco. Il profumo e il gusto del fieno greco sono considerati molto simili allo sciroppo d'acero. Per questo motivo, il fieno greco è anche usato come aromatizzante nei sostituti negli alimenti e nelle bevande.

Perché le parti intime puzzano di pesce?

Quando l'odore vaginale è “cattivo”

odore amminico: simile a quello del pesce, indica la presenza di un'infezione che deve essere approfondita dal ginecologo.

Come evitare sudore parti intime?

Indipendentemente dalla causa dell'inguine sudato, le seguenti strategie possono aiutare a ridurre questa condizione.
  1. Usare un antitraspirante topico. ...
  2. Applicare una polvere antimicotica. ...
  3. Scegliere biancheria intima traspirante. ...
  4. Fare attenzione a salvaslip e assorbenti. ...
  5. Tenere i peli pubici corti. ...
  6. Consultare il dermatologo.

Come eliminare il cattivo odore intimo rimedi naturali?

Aggiungi all'acqua qualche goccia di tea tree oil.

Questo un olio essenziale ha proprietà antibatteriche e disinfettanti. Se invece hai del fastidio intimo puoi detergere le parti intime con acqua e bicarbonato di sodio.

Trovate 20 domande correlate

Quante volte al giorno si devono lavare le parti intime?

La prima regola per una corretta igiene intima è la frequenza: scrupolosi sì ma senza ossessioni. Due o tre lavaggi nell'arco della giornata sono più che sufficienti, bisogna lavarsi sempre prima e dopo ogni rapporto sessuale, dopo l'attività sportiva e la defecazione.

Come lavare le parti intime di una donna?

Secondo l'Oregon Health and Science University (OHSU), la vagina è autopulente, quindi non è necessario lavarla: l'attenzione durante la propria routine igienica va indirizzata alla vulva. L'ideale è usare semplicemente acqua tiepida, risciacquare e poi asciugare tamponando.

Perché l'inguine puzza?

L'eccesso di sudorazione acida è il sintomo principale di questo disturbo. Il cattivo odore di sudore è causato dalla macerazione della flora batterica cutanea, in particolare nella zona ascellare, inguinale e sulla pianta dei piedi.

Come togliere la puzza di sudore dalle maglie intime?

Aceto: puoi utilizzare l'aceto allo stesso modo del bicarbonato. Mettilo in lavatrice insieme al detersivo o metti i vestiti in ammollo per tutta la notte in una miscela composta da tre parti d'acqua e una parte di aceto prima del lavaggio.

Quali cibi fanno puzzare le parti intime?

Ovviamente inoltre tutti i cibi che causano un'alterazione delle caratteristiche delle secrezioni (come l'aglio, gli asparagi, il cavolo...) possono essere causa di odore intimo sgradevole.

Come si fa a profumare sempre?

Usa il sapone, lo shampoo, il docciaschiuma, il tonico e la crema corpo della stessa profumazione: incrementerà la persistenza della fragranza, facendola durare più a lungo.

Quali sono i migliori deodoranti intimi?

I migliori deodoranti intimi: quali sono e dove comprarli
  • Deodorante intimo Chilly. ...
  • Vagisil Deodorante intimo spray. ...
  • Dermoxen deodorante intimo antibatterico. ...
  • Bioclin Deo Intimate spray.

Come profumare sempre donna?

Spruzzare il profumo nei punti giusti: cioè quelli più caldi dove il sangue circola maggiormente, quindi dietro le ginocchia, all'interno dei gomiti, dietro le orecchie, lungo la schiena (basta vaporizzarlo dal colletto della maglia sotto la nuca) e sotto l'ombelico.

Perché alcune magliette puzzano?

Perché allora se non laviamo una maglietta intrisa di sudore emanerà ben presto un odore molto sgradevole? La causa è la veloce proliferazione sul tessuto dei batteri provenienti dalla pelle, e la biotrasformazione che essi sono in grado di effettuare di alcune sostanze chimiche presenti nella pelle stessa.

Quali sono i tessuti che fanno puzzare?

I famigerati tessuti sintetici (come nylon, poliestere, acrilico) sono in prima linea quando si tratta di diventare asfissianti al contatto col sudore.

Perché si puzza?

Le cause dell'odore di sudore sono molteplici, ma sicuramente la principale fonte dello sviluppo dell'odore umano è la presenza di microbi che colonizzano la cute. La superficie corporea è esposta costantemente ad una grande varietà di batteri che producono enzimi responsabili della produzione di cattivi odori.

Perché dopo che mi lavo puzzo?

Il sudore che raggiunge la superficie cutanea è inizialmente inodore: la secrezione eccessiva dalle ghiandole eccrine o apocrine viene attaccata dai batteri autoctoni che vivono sulla nostra pelle, i quali producono alcune sostanze chimiche "volatili" che possono diventare, in alcuni casi, maleodoranti.

Come ci si pulisce dopo aver fatto pipì?

BUONO A SAPERSI
  1. Le parti intime devono essere lavate almeno due volte al giorno con acqua corrente. ...
  2. È una buona abitudine insegnare loro che, dopo aver fatto la pipì, è bene asciugarsi sempre con la carta igienica.
  3. Il sapone deve essere utilizzato in quantità modica: un cucchiaino è sufficiente.

Qual è il miglior detergente intimo?

  • 4.1 Saugella Poligyn – Miglior detergente intimo.
  • 4.2 EuPhidra AmidoMio – Detergente intimo per la gravidanza.
  • 4.3 Aveeno Daily Moisturising.
  • 4.4 Omia Sapone Intimo Eco Bio.
  • 4.5 Neutro Roberts.
  • 4.6 Infasil Detergente Intimo Neutro.
  • 4.7 Neutromed – Detergente intimo contro i cattivi odori.

Quante volte al giorno si cambiano le mutande?

Di norma, per un'igiene perfetta e mantenere la zona intima pulita e priva di cattivi odori, si doivrebbe cambiare la biancheria intima una volta al giorno, in riferimento agli slip (per il reggiseno i tempi possono allungarsi anche a tre giorni, se si deterge e si mantiene asciutta la zona del seno e del sottoseno).

Quale detergente intimo usare per cattivo odore?

Utile in caso di cattivo odore, che può essere causato da vari fattori quali: irritazioni, perdite vaginali, cambiamenti ormonali, flusso mestruale abbondante, assorbenti igienici, salvaslip, incontinenza, sudorazione eccessiva, ecc.

Come si lavano i francesi senza bidet?

L'altra alternativa ecologica è l'asciugamano bagnato molto in voga a quanto pare in Belgio, oppure il guanto da toilette francese. Questo strumento va bagnato e insaponato sul lavandino mentre ti lavi stando sul water (e poi lavato a sua volta).

Come si fa a lasciare una scia di profumo?

Il collo: collo e nuca sono punti tradizionalmente strategici, in cui il profumo viene applicato da tempo ormai immemore. Si tratta anche del punto ideale per chiunque voglia lasciare una traccia di sé nell'aria, poiché è il migliore per lasciare la così detta 'scia'.

Cosa fare per fissare il profumo?

Come far durare il profumo
  1. 1 Applica la fragranza direttamente sulla pelle. ...
  2. 2 Evita la tecnica del "vaporizza e cammina" ...
  3. 3 Concentrati sui punti clou. ...
  4. 4 Vietato sfregarsi i polsi. ...
  5. 5 Non esagerare con la quantità

Cosa bere per profumare?

Il tè verde è ricco di antiossidanti che combattono l'odore cattivo di sudorazione. Il consiglio è di bere 2-3 tazze di tè verde al giorno. Sembra che l'olio di cocco migliori la salute ed il benessere dell'apparato digestivo, e che contribuisca a migliorare l'odore della pelle.

Articolo precedente
Perché l'Italia non estrae gas?