I tempi della psicoterapia: quanto dura? Quali fasi? Cosa succede?

Quando La psicoterapia dura troppo?

Domanda di: Dr. Bettino Conti  |  Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2023
Valutazione: 4.7/5 (66 voti)

Una psicoterapia efficace richiede il tempo necessario. Effettivamente una psicoterapia che desideri essere trasformativa è costosa e, in alcuni casi, può richiedere anni. È improbabile che i modelli disfunzionali che impiegano una vita per svilupparsi e consolidarsi possano cambiare in otto sedute.

Quanto può durare al massimo una psicoterapia?

Altre consulenze durano più a lungo, settimane o meglio mesi e possono differenziarsi anche per quel che riguarda la frequenza che può essere settimanale o quindicinale. Quindi le sedute necessarie possono variare da un numero di 12 a un numero di 24 e la durata globale sarà all'incirca di 6 mesi.

Quanto dovrebbe durare la psicoterapia?

I tempi di una psicoterapia breve hanno una durata approssimativa di 5/6 mesi con una prima fase più intensa con un colloquio a settimana per poi andare a diramare una volta ogni 15 giorni dopo aver sciolto i nodi e trovato il filo della matassa anche se, come detto in precedenza, essendo ogni terapia unica e diversa ...

Quando è il caso di terminare una terapia psicologica?

La fine della terapia prevede, di solito, un momento concordato insieme, in cui si valutano il lavoro svolto e il grado di soddisfazione reciproca. Al momento della conclusione, poi, si fa un bilancio di cosa ha funzionato e degli obiettivi raggiunti.

Quanto dura in media una terapia dallo psicologo?

Il tempo nelle sedute di psicoterapia

Ognuna delle sedute ha una durata variabile tra i 40 e i 60 minuti per la psicoterapia individuale, modulati in base al tipo di interpretazione effettuata. Per la terapia di coppia o familiare, la durata si può aggirare intorno ai 90 minuti.

Trovate 31 domande correlate

COSA NON FARE dallo psicologo?

5 cose da non fare prima di una seduta dallo psicologo
  • 16. Introduzione. ...
  • 26. Pensare troppo a cosa dire. ...
  • 36. Diffidare dello psicologo. ...
  • 46. Pensare che lo psicologo non possa capirvi. ...
  • 56. Pensare che una seduta risolva tutti i problemi. ...
  • 66. Pensare che lo psicologo voglia solo i nostri soldi.

Quando smettere di andare in terapia?

Un buon tempo per fare questa stima e valutare se interrompere il percorso è tra il settimo e il nono colloquio. Se in questo periodo non c'è stato alcun tipo di cambiamento e miglioramento quindi il paziente non ha mostrato una mobilità è importante considerare di interrompere il percorso.

Chi decide la fine della psicoterapia?

La terapia si conclude positivamente quando paziente e terapeuta scelgono di comune accordo che è arrivato il momento giusto, quello del distacco. Solitamente si concorda con alcune sedute di anticipo per poter dare all'altro la possibilità di elaborare il lutto della separazione.

Come si chiude un percorso psicoterapico?

Sii onesto e chiaro.

Dite al terapeuta come vi sentite e perché avete deciso di interrompere il trattamento. Non dovete nascondere quello provate, ma non è neppure giusto farlo sentire male. Esprimete le vostre ragioni nel modo più oggettivo possibile, senza attaccarlo.

Come sapere se la psicoterapia funziona?

Per capire se la psicoterapia sta funzionando, dunque, la domanda più utile da farsi può essere: sto, come paziente, collaborando attivamente con lo psicologo per il mio benessere? Questo è probabilmente un buon inizio per una terapia che funzioni.

Quando si vedono i primi risultati della psicoterapia?

I primi miglioramenti si notano nelle prime sei-otto settimane. La durata di una Psicoterapia è variabile e dipende dalla situazione clinica del paziente, dalla qualità dell'alleanza terapeuta-paziente e dall'impegno del paziente nell'utilizzare le strategie concordate con il terapeuta.

Quanto dura psicoterapia per depressione?

La IPT è una psicoterapia di durata limitata (12-20 settimane), che esamina la correlazione tra depressione e problematiche del paziente in ambito interpersonale: i problemi interpersonali possono rappresentare la causa del disturbo depressivo o essere da questo causati.

Quanto dura la psicoterapia per l'ansia?

In questo disturbo è sempre consigliato associare una psicoterapia cognitivo comportamentale. Infine, la durata della cura farmacologica dell'ansia generalizzata varia da 12 a 18 mesi, ma può essere inferiore se si associa una psicoterapia cognitivo comportamentale e/o un percorso di mindfulness.

Come ti senti dopo una seduta di psicoterapia?

Le sedute con lo psicologo, infatti, possono essere intese come un fattore di stress e dunque è possibile stare male dopo una seduta di psicoterapia: l'ansia aumenta e, in alcuni casi, possono verificarsi anche attacchi di panico.

Come dire ad uno psicologo che non ci voglio più andare?

L'ideale è parlarne: "Il semplice fatto di dire al tuo terapeuta 'Voglio che smettiamo di vederci, ma ho paura di dirtelo' è un buon modo per fare il grande passo", rivela la psicologa clinica. Ma ovviamente non è sempre così.

Quante volte si va dallo psicoterapeuta?

Le sedute individuali (per gli adulti) si svolgono normalmente con una frequenza settimanale o quindicinale. Nel caso di bambini o adolescenti normalmente la frequenza è un pò più intensa (uno o in alcuni casi due incontri a settimana).

Quanto tempo dura il transfert?

4 Risposte. diciamo che la durata del transfert è soggettiva e molto legata alla "gestione" che il terapeuta riesce a farne attraverso le interpretazioni che riportano alle emozioni e sentimenti infantili in modo che il paziente possa poi prenderne coscienza.

Quando lo psicologo non ha parole?

Come ci dicono molti studi, il silenzio in psicoterapia, oppure quello del medico con il suo paziente, può svolgere un ruolo positivo in quanto è un segnale preciso della disponibilità all'ascolto.

Che tipo di psicoterapia è più efficace?

La CBT è la forma di psicoterapia che ha il maggior numero di studi che ne hanno valutato l'efficacia.

Quando lo psichiatra prescrive sempre farmaci?

È vero che lo Psichiatra prescrive solo farmaci? Molte persone rifiutano l'approccio psichiatrico perché lo considerano di tipo esclusivamente farmacologico. In realtà lo Psichiatra prescrive i farmaci quando sono necessari e, molto spesso, solo per un periodo limitato.

Quali sono le fasi della psicoterapia?

In cosa consiste la terapia?
  • la definizione del problema.
  • la scelta degli obiettivi.
  • la messa a punto della strategia terapeutica.
  • la condivisione del contratto terapeutico.
  • l'intervento per raggiungere l'obiettivo concordato.
  • la conclusione del trattamento.

Quando lo psicologo si sbaglia?

Uno psicologo sbaglia quando prende in carico casi per i quali non è adeguatamente preparato o situazioni nelle quali fattori personali possono rendere inefficace o dannoso l'intervento o ancora quando non adempie ai necessari aggiornamenti professionali.

Quando lo psicologo non ti aiuta?

Se lo psicologo che la segue ha verbalizzato esplicitamente di non sapere aiutarla è stato professionale ed onesto. C'è un articolo del codice deontologico che ci obbliga a riconoscere i nostri limiti, se ci rendiamo conto di non essere in grado di aiutare dobbiamo dirlo ed inviare a qualcuno di più adatto o esperto.

Come riconoscere un cattivo psicologo?

Se il vostro terapeuta si concentra troppo su sé stesso, è probabile che si tratti di un cattivo psicologo. Alcuni professionisti usano esempi personali per creare un clima favorevole e trovare un terreno comune nel quale il paziente possa identificarsi.

Come ringraziare lo psicologo?

Mi hai teso la mano e mi hai accompagnato in questo percorso costruttivo, meraviglioso, fatto di esperienze di vita, che mi hai aiutato a mettere in pratica e a farle mie con naturalezza e, cosa più importante, con amore. Perché è questo che mi hai trasmesso, Amore per la tua professione e di conseguenza Amore per me.